Bundesamt für Berufsbildung und Technologie

BBT: Consultazione della revisione parziale della legge sulle scuole universitarie professionali

      Berna (ots) - Nella seduta del 18 dicembre 2002 il Consiglio
federale ha incaricato il Dipartimento federale dell'economia di
procedere ad una consultazione ad ampio raggio sulla revisione
parziale della legge del 6 ottobre 1995 sulle scuole universitarie
professionali (LSUP). Le sette SUP approvate nel 1998 sono
diventate, durante la fase di istituzione, degli importanti pilastri
del settore formativo di livello terziario. Con la nuova
Costituzione federale le responsabilità e competenze della
Confederazione sono però cambiate e con la sottoscrizione della
dichiarazione di Bologna nel 1999 anche il panorama universitario
europeo si è vivacizzato.

    La revisione della legge deve permettere alle scuole universitarie professionali di affermarsi nell'ambito universitario nazionale ed internazionali quali istituti di formazione concorrenziali. Sullo sfondo degli sviluppi in materia di politica universitaria, le condizioni quadro legali sono state adattate nella nuova legge in modo da permettere alle scuole universitarie professionali di poter ampliare per tempo, in maniera consona alle esigenze ed al mercato, la loro posizione nel settore dell'istruzione di livello terziario. Così facendo si faciliterà la futura integrazione nella legislazione sulle università.

    Punti nodali della revisione sono l'ampliamento del campo di validità con l'annessione del campo sociale, sanitario ed artistico e il loro trasferimento sotto l'egida della Confederazione, la creazione delle basi per un sistema di accreditamento e di garanzia della qualità, il finanziamento delle SUP che è sempre più orientato sulle prestazioni, la diminuzione della concentrazione delle leggi, come pure il rafforzamento della ricerca applicata e sviluppo, della cooperazione e dell'autonomia dei responsabili delle scuole universitarie professionali.

    Una sfida particolare è rappresentata dall'applicazione della dichiarazione di Bologna. Questa dichiarazionea come obbiettivo la creazione di uno spazio universitario comune. Affinché le scuole universitarie svizzere rimangano concorrenziali a livello nazionale ed internazionale e che i diplomi siano riconosciuti all'estero, il disegno di legge ancora il principio della formazione a due livelli (First Cycle – Bachelor, Second Cycle – Master). Ciò permette dopo un primo curricolo di studio bachelor - di durata perlomeno triennale e che fornisce le qualifiche professionali - di offrire un curricolo master, che si fonda sul primo, ma che trasmette agli studenti delle conoscenze supplementari più approfondite e specializzate.

    Il disegno di legge inviato in consultazione in base alla decisione del Consiglio federale è di competenza dell'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT). Il messaggio del Consiglio federale sulla revisione parziale della legge sulle scuole universitarie professionali dovrà essere sottoposto al Parlamento a metà 2003, ragion per cui la procedura di consultazione si concluderà il 28 marzo 2003.

    I lavori di revisione si inseriscono in una fase evolutiva del settore universitario. La presente revisione parziale della LSUP rappresenta pertanto un importante passo sia per la fase di consolidamento (2004-2007) delle scuole universitarie professionali sia in considerazione dell'integrazione delle SUP nella legislazione svizzera sulle università.

Berna, 18 dicembre 2002

Per ulteriori informazioni: Helen Stotzer, Comunicazione UFFT, Tel. 031 322 83 63, mail: helen.stotzer@bbt.admin.ch Beat Weber, Campo di prestazione scuole universitarie professionali UFFT, Tel. 031 324 25 79, mail: beat.weber@bbt.admin.ch

Disegno di legge e spiegazioni su Internet: www.bbt.admin.ch (Scuole Universitarie Professionali / Progetti/Dossier)



Plus de communiques: Bundesamt für Berufsbildung und Technologie

Ces informations peuvent également vous intéresser: