Bundesamt für Statistik

Statistica degli allievi 2004 e scenari 2005–2014

      (ots) - Statistica degli allievi 2004 e scenari 2005–2014

Punta massima del numero di allievi del grado secondario II nel 2008

    In seguito alla spinta dell’onda demografica, il numero complessivo di allievi di grado secondario II dovrebbe crescere fino al 2008 per poi ridursi successivamente. Dal 2004 al 2008 è atteso un aumento dal 7 all’8 per cento nella formazione professionale e dal 10 al 13 per cento nelle formazioni generali. La diminuzione del numero di allievi che seguirebbe fino al 2014 dovrebbe aggirarsi tra il 5 e l’8 per cento per quanto riguarda il primo tipo di formazione e limitarsi dall’1 al 5 per cento per quanto concerne il secondo. La forte crescita dei titoli rilasciati che ne risulta fino al 2011 dovrebbe raggiungere dal 26 al 46 per cento per quanto riguarda le maturità professionali e dal 17 al 21 per cento per quanto concerne quelle liceali. In seguito, anch’essa dovrebbe lievemente diminuire. Questo è quanto rivelano i nuovi scenari dell’Ufficio federale di statistica (UST). Nell’anno scolastico 2004/2005 appena trascorso, il numero di allievi delle scuole dell’obbligo e di grado secondario II è rimasto relativamente stabile da un punto di vista nazionale (rispettivamente -0,4% e +0,7%). A livello di grado terziario, il numero di studenti è nuovamente progredito (+2,2%). Numero massimo di entrate nelle scuole di grado secondario II nel 2008 Gli scenari dell’evoluzione del numero degli allievi che passano al grado secondario II concordano sulla crescita, entro il 2008, del numero di ragazzi per tutti gli iter formativi certificanti e sulla loro successiva diminuzione entro il 2014. Variazioni potrebbero sorgere invece per quanto riguarda l’entità di tali movimenti. Nel prossimo decennio, l’evoluzione del numero di allievi del primo anno delle scuole di grado secondario II sarà determinato innanzitutto dal numero di ragazzi che concluderanno la scuola dell’obbligo. In tale ottica, gli allievi che passeranno alle scuole di grado secondario II dovrebbero raggiungere quota 126'000-128'000 nel 2008 (2004: 121'000) per poi riscendere a 115'000-118'000 entro il 2014. Quest’evoluzione potrà però assumere connotazioni regionali molto differenti. Per quanto riguarda il primo anno della formazione professionale, oltre alla dinamica demografica, saranno la situazione economica - che influenza la propensione delle aziende a offrire posti di tirocinio – varie riforme istituzionali e alcune tendenze a medio e lungo termine a condizionare, probabilmente, l’evoluzione degli effettivi. Dopo una fase decrescente durata due anni, nel 2004, il numero di ragazzi del primo anno di formazione professionale duale pluriennale è aumentato nuovamente raggiungendo quota 60'000. A seconda dello scenario, la crescita potrebbe protrarsi ulteriormente fino al 2008 (5-7%) e riguardare da 63'000 a 64'000 ragazzi. In seguito, entro il 2014, il loro numero dovrebbe contrarsi nuovamente (7-11%) riscendendo ai livelli del 2002/2003 (58'000-59'000 ragazzi) o addirittura al di sotto (56'000). Se si considera la formazione professionale nel suo insieme, vale a dire tenendo conto anche delle formazioni annuali e delle scuole professionali a tempo pieno, gli effettivi del primo anno, stabili a quota 78'000 nel 2004, dovrebbero aumentare dal 4 al 5 per cento entro il 2008 (arrivando a 81'000- 82'000) e diminuire dall’8 all’11 per cento entro il 2014 (scendendo a 72'000-75'000). Da ormai quasi 20 anni, il numero di allievi del primo anno delle scuole di maturità liceali è in costante progressione. Con 22'000 ragazzi nel 2004, potrebbe passare a 23'000 nel 2008 (+4%) per poi scendere a 21'000 entro il 2014 (-8%), qualora l’interesse dei giovani a seguire questo tipo di formazione si stabilizzi. Se invece la propensione verso questo tipo di formazione dovesse protrarsi, il loro numero potrebbe raggiungere quota 24'000 nel 2008 (+8%) e restare sopra i 23'000 fino al 2014. Nel 2004, il numero di allievi del primo anno delle scuole di cultura generale ha subito una forte impennata per effetto della trasformazione delle scuole di grado diploma in scuole di cultura generale avvenuta in numerosi Cantoni. Dai 5500 allievi nel 2004, potrebbe salire a 5800 nel 2008 (+5%) per poi ricadere, per effetto del calo demografico, a 5400 nel 2014 (-7%). Inoltre, la recente riforma potrebbe generare un aumento del 17 per cento del numero complessivo di allievi di tale tipo di formazione dal 2004 al 2008. Infine, si calcola che il numero complessivo di allievi che seguiranno formazioni transitorie, concepite quali ponte tra il grado secondario I e II, resterà a livelli relativamente elevati. Il numero di allievi, aumentato da 14'000 a 16'000 dal 2000 al 2003- 2004, dovrebbero restare in un intervallo compreso tra i 14'000 e i 18'000 allievi fino al 2014. Presto un giovane su tre con diploma di maturità Entro il 2011, il numero di diplomi di maturità rilasciati dovrebbe subire una forte crescita, da un lato per ragioni demografiche, dall’altro per la percentuale sempre maggiore di giovani che acquisiscono un tale diploma. Tenendo conto del nuovo indirizzo sanitario e sociale, il numero di maturità professionali potrebbe passare a 12'000-14'000 unità (+26-46% rispetto alle 10'000 del 2004) e quello delle maturità liceali a 18’000-19'000 unità (+17-21% rispetto alle 16'000 del 2004). Quale conseguenza, nel 2014, le maturità professionali potrebbero costituire fino al 44 per cento di tutte le maturità rilasciate; nel 2000, tale quota era del 30 per cento e nel 2004 del 38 per cento. Rispetto alla popolazione oggetto di tale analisi, il tasso di maturità potrebbe passare dal 30 per cento nel 2004 al 35-38 per cento nel 2014 (dall’11% al 14-16% per le maturità professionali e dal 19% al 21-22% per le maturità liceali).

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

Informazioni: Scenari del grado secondario II: Laurent Gaillard, UST, Sezione università, tel.: 032 713 66 35 Statistica degli allievi e degli studenti: Frédéric Senn, UST, Sezione formazione scolastica e professionale, tel.: 032 713 68 49 Nuove pubblicazioni: Elèves et titres du degré secondaire II: Scénarios 2005-2014, n. di ordinazione: 611-0500. Prezzo: Fr. 10.— Elèves et étudiants 2004/05, n. di ordinazione: 089-0500. Prezzo: Fr. 12.— Informazioni supplementari in Internet: Scenari del grado secondario II: http://www.eduperspectives- stat.admin.ch Statistica degli allievi e degli studenti: http://www.education- stat.admin.ch, www.bildungslandschaft.bfs.admin.ch

Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46

Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni e pubblicazioni in forma elettronica si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch/

Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione all’indirizzo: http://www.news-stat.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: