Bundesamt für Statistik

Statistiche degli stabilimenti sanitari nel 2004

      (ots) - Statistiche degli stabilimenti sanitari nel 2004

Crescita dei costi rallentata e degenza ospedaliera di durata minore

    Nel 2004 sono stati trattati 1,4 milioni di casi negli ospedali svizzeri. La durata media di degenza si è ridotta di mezza giornata rispetto all’anno precedente ed è scesa a 12 giorni. A causare la maggioranza delle ospedalizzazioni sono stati le affezioni del sistema osteo-articolare e muscolare, le ferite traumatiche o i disturbi cardiocircolatori. Ha subito intanto un colpo d’arresto la scalata dei costi sanitari sia negli ospedali che negli stabilimenti sanitari non ospedalieri. Contrariamente a quanto avvenuto in questi ultimi però, nel 2004 gli ospedali hanno dovuto far fronte a una riduzione del personale. Questi sono alcuni primi risultati tratti dalle statistiche degli stabilimenti sanitari del 2004 dell’Ufficio federale di statistica. Nel 2004, gli ospedali svizzeri hanno registrato 1,4 milioni di ricoveri di cui 275'000 in ospedale diurno. Il 78 per cento dei pazienti è stato ricoverato un’unica volta nel corso dell’anno, il 7 per cento più di due volte. Nel 34,7 per cento delle ospedalizzazioni il ricovero è avvenuto d’urgenza. I trattamenti dell’apparato motorio i più frequenti Nell’anno in rassegna, oltre il 12 per cento dei ricoveri (circa 127'000 casi) è stato generato da affezioni del sistema osteo- articolare, dei muscoli e del tessuto connettivo, in particolare le alterazioni degenerative della colonna vertebrale nonché le infiammazioni delle ossa e delle articolazioni. Nel 12 per cento dei casi le ospedalizzazioni erano occasionate da fratture e ferite dovuti ad altre cause esterne. Più o meno la stessa frequenza di ospedalizzazione è stata registrata per i disturbi cardiocircolatori (123'000 casi). La maggioranza degli interventi chirurgici ha riguardato il sistema motorio. Seguono le operazioni all’apparato digestivo. Una parte considerevole dei ricoveri è inoltre da ricondurre ai circa 70'000 neonati nonché alle donne ospedalizzate per motivi legati alla gravidanza o al parto. Diminuzione della crescita dei costi nei grandi ospedali… Tra il 2003 e il 2004, i costi per l’assistenza sanitaria negli ospedali (investimenti esclusi) sono aumentati di circa il 2 per cento e hanno raggiunto 16,7 miliardi di franchi. Considerando che negli anni tra il 2000 e il 2003 l’aumento medio dei costi era del 6,1 per cento, nel 2004 la loro progressione ha subito un evidente freno. Negli ospedali universitari e nelle altre strutture ospedaliere centrali è stata osservata una crescita del 2,8 per cento rispetto 2003. Negli anni precedenti, in questi 27 principali stabilimenti di medicina generale i costi avevano subito una progressione media dell’8 per cento. Nei restanti 131 ospedali di medicina generale, il tasso di crescita medio è sceso dal 3,9 per cento registrato negli anni tra il 2000 e il 2003 al 2,1 per cento. …e rallentamento della loro progressione negli stabilimenti sanitari non ospedalieri Mentre tra il 2000 e il 2002 i costi degli istituti per anziani e persone bisognose di cura nonché per invalidi e persone affette da dipendenze erano cresciuti mediamente del 6,7 per cento, tra il 2003 e il 2004 sono progrediti del 3,9 per cento raggiungendo quota 9,8 miliardi di franchi. I due terzi di tale somma riguardano le case per anziani e le case di cure nonché le case di cura vere e proprie. Nel 2004, questi istituti hanno ospitato circa 82'700 persone, ovvero 11,2 persone ogni 1000 abitanti. Gli istituti per disabili o persone affette da dipendenze hanno accolto, da canto loro, 2,9 persone ogni 1000 abitanti. Nel 2000, tale quota ammontava ancora al 2,6 persone. Differenza nell'evoluzione del personale ospedaliero e quello delle case di cura Nel 2004, gli ospedali svizzeri annoveravano 122'500 posti a tempo pieno, ovvero lo 0,8 per cento in meno rispetto all’anno precedente. La tendenza ad aumentare le risorse umane che perdurava dal 2000 (in media +2,4% l’anno) è stata così interrotta per la prima volta. Negli stabilimenti sanitari non ospedalieri l'effettivo di personale è invece aumentato del 2,8 per cento raggiungendo 88'400 posti a tempo pieno. Dal 2000, la crescita annua media dei posti a tempo pieno è del 3,5 per cento.

---------------------------------

    Statistiche degli stabilimenti sanitari Queste statistiche comprendono  i dati aziendali degli stabilimenti ospedalieri (statistica ospedaliera);  diagnosi e interventi chirurgici delle persone ospedalizzate (statistica medica);  dati aziendali degli istituti per anziani e persone bisognose di cura nonché per disabili e persone affette da dipendenze (statistica degli stabilimenti sanitari non ospedalieri).

---------------------------------

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

Informazioni sulla statistica ospedaliera e sulla statistica degli stabilimenti sanitari non ospedalieri: Anthony Francis, UST, Sezione salute, tel.: 032 713 61 94

Informazioni sulla statistica medica Andreas Perret, UST, Sezione salute, tel.: 032 713 64 82

    Nuova pubblicazione disponibile unicamente in forma elettronica nel sito Internet dell’UST all’indirizzo : http://www.health- stat.admin.ch Provisorische Standardtabellen der Medizinischen Statistik 2004, n. di ordinazione : 532-0513-05. Provisorische Standardtabellen der Krankenhausstatistik und Statistik der sozialmedizinischen Institutionen 2004, n. di ordinazione : 532-0510-05. Tableaux standard provisoires de la statistique médicale 2004, n. di ordinazione : 532-0513-05. Tableaux standard provisoires de la statistique des hôpitaux et des établissements de santé non hospitaliers 2004, n. di ordinazione : 532-0510-05.

Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46

Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni e pubblicazioni in forma elettronica si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione all’indirizzo: http://www.news-stat.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: