Bundesamt für Statistik

Indice dei premi dell’assicurazione malattie 2004 e 2005

      (ots) - Indice dei premi dell’assicurazione malattie 2004 e 2005

Aumento del 2,0% dei premi tra il 2004 e il 2005 – economie domestiche con lo 0,2% di reddito disponibile in meno

    Per gli anni assicurativi 2004 e 2005, l’indice dei premi dell’assicurazione malattie (IPAM) ha segnato una progressione rispettivamente del 5,2 e del 2,0 per cento rispetto all’anno precedente, raggiungendo, nel 2005, il livello di 136,7 punti sulla base 1999=100. L’IPAM è calcolato dall’Ufficio federale di statistica e rileva l’evoluzione dei premi dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie e dell’assicurazione malattie complementare. L’IPAM consente di stimare l’incidenza dell’andamento dei premi sulla crescita del reddito disponibile delle economie domestiche. Rispetto all’anno precedente, stando al modello di calcolo dell’IPAM, il tasso di crescita del reddito medio disponibile si è ridotto, in seguito all'ascesa dei premi, dello 0,2 per cento tra il 2004 e il 2005 e dello 0,4 per cento tra il 2003 e il 2004. Nel 2004, i premi dell’assicurazione malattie di base sono aumentati del 6,8 per cento. Nel 2005 la crescita è stimata al 2,5 per cento e dovrebbe raggiungere il livello di 145,6 punti sulla base 1999=100. I premi dell’assicurazione malattie complementare rilevati dall’UST sono invece cresciuti dell’1,3 per cento nel 2004 e dello 0,9 per cento nel 2005 rispetto all’anno precedente. Il livello dell’indice dell'assicurazione complementare si situa quindi a 118,9 punti per l’anno assicurativo 2005 (base 1999=100). Se si collegano le evoluzioni dei due tipi di premi assicurativi (assicurazione di base e assicurazione complementare) ne risulta una crescita complessiva del 5,2 per cento per il 2004 e del 2,0 per cento per il 2005. Per l’anno assicurativo 2005, il livello dell’indice totale IPAM è quindi di 123,7 punti sulla base 1999=100. Assicurazioni malattie complementari 2005 Contrariamente a quanto osservato negli anni precedenti, nel periodo in esame l’evoluzione dei premi è indipendente dal sesso. Sono aumentati invece sopra la media i premi per le persone di 68 anni e più. Con una crescita dell’1,5 per cento per l’assicurazione ospedaliera in reparto semiprivato e del 2,8 per cento per quella in reparto privato essi hanno contribuito considerevolmente alla crescita dei premi nei rispettivi ambiti assicurativi. Nel complesso, l’aumento dei premi delle assicurazioni complementari ospedaliere in reparto comune e semiprivato, rispettivamente dello 0,8 e dello 0,7 per cento, è risultato inferiore alla media. Hanno invece registrato una progressione sopra la media i premi per l’assicurazione complementare ospedaliera in reparto privato. Tra il 2004 e il 2005, i tassi di crescita dei premi cantonali medi hanno raggiunto, con l’1,4 per cento nel Vallese e l’1,1 per cento nei Cantoni di Zurigo, Glarona, Basilea Città, San Gallo, Vaud e Ginevra, livelli molto superiori alla media. Nei Cantoni restanti essi si sono situati, con una progressione dello 0,7 per cento, sotto la media svizzera dello 0,9 per cento. Incidenza dell’evoluzione dei premi sul reddito disponibile Analogamente all’aumento delle imposte o di altri contributi assicurativi, anche la crescita dei premi grava sul bilancio delle economie domestiche. Per misurare questo effetto si ricorre al reddito disponibile delle economie domestiche. Questo corrisponde al reddito complessivo dei membri di un’economia domestica (reddito da attività lavorativa, interessi, rendite, rimborsi e riduzioni dei premi assicurativi nonché altri redditi) da cui sono stati sottratti i cosiddetti trasferimenti (imposte, contributi sociali ed altri contributi assicurativi) - in altre parole, all’importo di cui le economie domestiche dispongono effettivamente per i loro consumi e risparmi. Secondo il modello di stima dell’UST, l’evoluzione dei premi dell'assicurazione malattie ha rallentato la crescita potenziale dei redditi disponibili dello 0,4 nel 2004 e dello 0,2 per cento nel 2005. Se nello stesso arco di tempo i premi fossero rimasti stabili, le economie domestiche avrebbero potuto usufruire di questa risorsa supplementare per i loro consumi.

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

Informazioni: Stefan Röthlisberger, UST, Sezione prezzi, tel.: 032 713 65 04

Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46

Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni e pubblicazioni in forma elettronica si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione all’indirizzo: http://www.news-stat.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: