Bundesamt für Statistik

Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera 2005

      (ots) - Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera 2005

Aumentano gli occupati - ma anche le persone non attive

    Nel secondo trimestre 2005, 3,974 milioni di persone erano occupate, ovvero 14'000 persone o lo 0,4 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2004. In aumento però anche il numero delle persone non attive, soprattutto tra gli ultrasessantacinquenni. Per ogni persona di 65 o più anni si contano oggi 3,3 persone attive in età dai 20 ai 64 anni, nel 1991 il rapporto era ancora di 1 a 3,5. Poco meno di un terzo degli occupati lavora a tempo parziale; a sfruttare questa possibilità sono specialmente le madri con figli di età inferiore ai 15 anni. Questo è quanto emerge dai risultati della rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera 2005 realizzata dall'Ufficio federale di statistica (UST). Numero di occupati in lieve aumento Secondo la rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS), nel secondo trimestre del 2005, gli occupati erano 3,974 milioni (frontalieri, dimoranti temporanei e persone del settore dell’asilo esclusi), ovvero lo 0,4 per cento o 14'000 persone in più rispetto all'anno precedente. Contemporaneamente è però progredito anche il numero degli inoccupati (+7'000), facendo aumentare il tasso di inoccupati dal 4,3 al 4,4 per cento. Complessivamente, si rileva quindi un incremento del numero delle persone attive (occupati + inoccupati) dello 0,5 per cento (+21'000). Nonostante il maggior numero di persone attive, tra il 2° trimestre 2004 e il 2° trimestre 2005, il tasso di attività calcolato sul totale della popolazione di 15 o più anni è diminuito leggermente (dal 67,3% al 67,0%). Tale situazione è da imputare al fatto che, su base annua, il numero delle persone non attive è aumentato in misura leggermente maggiore (+1,9%; +38'000). Tasso di attività in calo nei più giovani e nei più anziani Secondo la RIFOS 2005, il tasso di partecipazione alla vita attiva nelle persone dai 15 ai 24 anni e in quelle con più di 64 anni ha registrato un calo (dal 67,1% al 65,7% rispettivamente dall’8,1% al 7,4% ). Nella classe di età dai 25 ai 54 anni, invece, il tasso di attività è rimasto pressoché invariato nel sesso maschile (dal 95,7% al 95,6%), mentre nel sesso femminile è stato possibile registrare un aumento (dal 80,8% al 81,3%). Ultrasessantacinquenni non attivi in aumento A causa dell’invecchiamento demografico, l’incremento del numero delle persone non attive è andato soprattutto a toccare le persone di 65 o più anni (+24'000 su 1,087 milioni). A partire dagli inizi degli anni 90, si osserva un costante incremento della quota dei pensionati. Mentre nel 1991, per ogni persona di 65 o più anni si contavano 3,5 persone attive dai 20 ai 64 anni, nel 2005 se ne contano solo 3,3 (-8%). Rispetto all’offerta di lavoro complessiva in equivalenti a tempo pieno questa diminuzione risulta leggermente più elevata (-9%). Rispetto all’anno precedente, è salito a 298’000 (+4'000) anche il numero delle persone non attive in formazione o in formazione continua. È invece diminuito a 316'000 (-8'000) il numero delle persone – e in questo caso prevalentemente di sesso femminile – che, a causa dei lavori per la casa e la famiglia, si allontanano dal mondo del lavoro. Prepensionamento: un fenomeno diffuso Oggi, ad un anno dall'età pensionabile legale, circa la metà delle persone attive (51%) si trova già in pensione anticipata (età pensionabile legale nel 2005: 65 anni per gli uomini, 64 anni per le donne). Rispetto al 2002 (49%), questa quota è aumentata solo minimamente (età pensionabile legale nel 2002: 65 anni per gli uomini, 62 anni per le donne). Circa un terzo (29%; 2002: 27%) della popolazione attiva va in pensione almeno 3 anni prima, un sesto (16%; 2002: 14%) almeno 5 anni prima dell’età pensionabile legale. Lavoro a tempo parziale nettamente meno diffuso nelle funzioni dirigenziali Il 31,7 per cento degli occupati lavora a tempo parziale. Il tempo parziale è nettamente più frequente nelle donne occupate (56,7%) che negli uomini (10,9%). Inoltre, il tempo parziale è nettamente meno diffuso tra le posizioni dirigenziali – sia nel sesso maschile che in quello femminile. Così, è solo il 18,3 per cento dei dipendenti con una posizione dirigenziale (uomini: 6,2%; donne: 45,3%) rispettivamente il 19,3% dei dipendenti con funzioni dirigenziali ad occupare un posto di lavoro a tempo parziale (uomini: 4,9%; donne: 45,7%). Nel caso dei dipendenti senza funzioni dirigenziali la quota è invece del 42,5 per cento (uomini: 15,5%; donne: 64,4%) e in quello delle persone che lavorano nella propria azienda di famiglia persino del 70,1 per cento (uomini: 51,9%; donne: 80,1%). Quattro madri su cinque lavorano a tempo parziale Il lavoro a tempo parziale riveste particolare importanza soprattutto nel caso delle donne con figli: nelle madri dai 20 ai 54 anni con figli al di sotto dei 15 anni solo una su cinque (19,0%) lavora a tempo pieno (quota di occupati a tempo pieno per gli uomini con figli al di sotto dei 15 anni: 93,2%). Oltre un terzo delle donne (35,6%, uomini: 5,6%) lavora con un tasso di occupazione che va dal 50 all’89 per cento, il 45,4 per cento (uomini: 1,2%) lavora invece con un tasso di occupazione inferiore al 50 per cento. La crescita del tasso di attività delle donne che si rileva a partire dagli inizi degli anni 90 è strettamente connessa ai diversi modelli lavorativi per le madri e alla diffusione del lavoro a tempo parziale: mentre nel 1991 il tasso di attività delle donne dai 20 ai 54 anni con figli di meno di 15 anni era ancora del 59,8 per cento, oggi è passato al 72,1 per cento. Nello stesso lasso di tempo, il numero delle madri occupate a tempo parziale è aumentato del 45,5 per cento (da 280'000 a 407'000).

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

Informazioni: Enrico Moresi, UST, Sezione Lavoro, occupazione e indagini tematiche, tel.: 032 713 64 02

Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46

Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni e pubblicazioni in forma elettronica si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione all’indirizzo: http://www.news-stat.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: