Bundesamt für Statistik

Gli indicatori della formazione dell’OCSE 2005 – Uno sguardo sull’istruzione. Formazione permanente in Svizzera: istruirsi bene all’inizio incita a formarsi ancora di più

      (ots) - Gli indicatori della formazione dell’OCSE 2005 – Uno sguardo
sull’istruzione

Formazione permanente in Svizzera: istruirsi bene all’inizio incita a formarsi ancora di più

    Un confronto internazionale mostra che, rispetto ad altre nazioni, in Svizzera, le persone occupate seguono più di frequente attività di formazione permanente a orientamento professionale. Per contro, il nostro Paese non riesce ad assicurare altrettanto bene un’equa partecipazione alla formazione dei differenti gruppi di popolazione attiva, propriamente delle persone scarsamente qualificate. Queste sono alcune delle conclusioni cui giunge l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) nella sua edizione 2005 di «Regards sur l’éducation», studio che schizza un nuovo ritratto comparativo dei sistemi educativi internazionali. L'avvento della società della conoscenza e la rapidità dei progressi tecnologici rendono indispensabile un rinnovamento e uno sviluppo durevole del capitale umano non solo dei singoli individui ma dell’intera società. La formazione continua può costituire una delle risposte a queste nuove esigenze. In questo contesto riveste un ruolo centrale la formazione permanente in ambito professionale. In Svizzera sono numerose le persone che si formano sull'arco di tutta la loro vita. Nel 2003, il 41 per cento della popolazione attiva residente in Svizzera dai 25 ai 64 anni ha seguito uno o più corsi di formazione a orientamento professionale su un periodo di dodici mesi. Questa partecipazione alla formazione permanente è tuttavia ripartita in forma diseguale; molto minore nei gruppi di per sé già più vulnerabili sul mercato del lavoro rispetto a quelli meglio integrati. In Svizzera, soltanto l’11 per cento delle persone scarsamente qualificate seguono corsi di perfezionamento professionale contro quasi il 30 per cento nei Paesi scandinavi presi in esame). Per contro, in Svizzera sono proprio le persone occupate con una formazione terziaria che vantano, su scala internazionale, la partecipazione più elevata ad attività di formazione permanente (63%). La Svizzera è inoltre uno dei Paesi che presenta gli scarti più considerevoli nella partecipazione a seconda dei gradi di formazione delle persone. Un diplomato di grado terziario ha 5,7 volte più opportunità di partecipare ad una formazione permanente che una persona senza formazione postobbligatoria. I Paesi scandinavi riescono invece ad integrare meglio i gruppi a rischio, presentando così le disparità meno forti tra tutti i Paesi analizzati, con rapporti che vanno dall’1,9 al 2,3.

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

Informazioni: Wayra Caballero, UST, Sezione sistemi formativi, scienza e tecnologia,  tel.: 032 713 64 81 Jean-Christophe Zuchuat, UST Sezione sistemi formativi, scienza e tecnologia, tel. 032 713 69 28

Nuova pubblicazione: Regards sur l’éducation, Indicateurs de l’OCDE 2005, Paris 2005 http://www.oecd.org/edu/eag2005 Per ordinazioni: http://www.oecdbookshop.org

Pubblicazione dell’UST sul tema della formazione permanente : La formation continue en Suisse 2003, Neuchâtel 2004 http://www.statistique.admin.ch » Thèmes » Education, science » Education » Formation continue » Publications

Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46

Per ordinazioni: tel. 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni e pubblicazioni in forma elettronica si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione all’indirizzo http://www.news-stat.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: