Bundesamt für Statistik

Il sistema di formazione svizzero nel raffronto europeo

      (ots) - Il sistema di formazione svizzero nel raffronto europeo

La Svizzera – ben classificata ma manca il podio

    La Svizzera regge bene il raffronto con lÂ’Unione europea per quanto concerne le questioni chiave dellÂ’istruzione e della formazione, ma le sue prestazioni soltanto di rado sono tra le migliori. Se da un lato può vantarsi di far parte dei Paesi con un tasso di abbandono scolastico prematuro da parte dei giovani tra i più bassi dÂ’Europa, dallÂ’altro, costituisce il fanalino di coda per quanto riguarda la presenza delle donne nei corsi di studio scientifici e tecnici del grado terziario. Questo è quanto emerge da un recente studio realizzato dall'Ufficio federale di statistica (UST) volto a situare il sistema educativo svizzero nel contesto europeo. Nel marzo 2000, lÂ’Unione europea (UE) ha adottato la strategia di Lisbona che mira ad incrementare la qualità e la prestazione dei sistemi formativi dei suoi Stati membri. Per giungere a tale traguardo si è fissata più obiettivi, di cui cinque parametri di riferimento (benchmark) che intende raggiungere entro il 2010. Il progresso è misurato sulla base di indicatori pubblicati a intervalli regolari nellÂ’insieme dei Paesi UE e dello Spazio economico europeo (SEE) nonché nel Giappone e negli Stati Uniti. LÂ’UST presenta ora uno studio che colloca la Svizzera nel contesto europeo. Fenomeno dellÂ’abbandono scolastico pressoché assente in Svizzera Una delle priorità dellÂ’UE è di combattere lÂ’insuccesso scolastico. I giovani che rinunciano prematuramente agli studi o a una qualsiasi forma di tirocinio costituiscono infatti una categoria a rischio. Il tempo trascorso sui banchi di scuola può essere insufficiente nel trasmettere loro le conoscenze e le competenze indispensabili per una buona riuscita in una società orientata al sapere. Nel 2004, circa il 15,9 per cento dei giovani europei dai 18 ai 24 anni non possedeva alcuna formazione post-obbligatoria e non seguiva alcuna forma di istruzione o formazione. Questi giovani si esponevano, così, al rischio di ritrovarsi esclusi dalla società della conoscenza. Se lÂ’UE vorrà raggiungere da qui al 2010 il tasso del 10 per cento che si è prefissata, dovrà compiere notevoli progressi. In Svizzera, la situazione assume contorni molto più soddisfacenti: con un tasso di abbandono dellÂ’8,1 per cento, essa travalica lÂ’obiettivo europeo e si unisce alle tre migliori piazzate (Polonia: 5,7%, Repubblica ceca: 6,1%, Slovacchia: 7,1%). Ancora il 17 per cento dei giovani manca delle competenze chiave in lettura I giovani che non riescono ad acquisire se non con difficoltà le competenze di base tradizionali - la lettura, la matematica e le scienze – avranno probabilmente difficoltà nell'apprendere, nel lavorare e nel realizzarsi in una società del sapere. È per tale ragione che lÂ’UE, costituendo essi la sua principale preoccupazione, intende ridurre la loro quota al 15,5 per cento entro il 2015; unÂ’impresa sicuramente ardua. Nel 2003, ancora il 19,8 per cento dei quindicenni non possedeva il livello minimo di competenze richiesto in lettura. Con un tasso del 16,7 per cento, la Svizzera supera lÂ’UE a 25 Paesi e si avvicina al livello di riferimento europeo. Ma se vuole gareggiare con il trio di testa comprendente la Finlandia (5,7%), lÂ’Irlanda (11,0%) e i Paesi Bassi (11,5%) dovrà percorrere ancora molta strada. Vento in poppa per gli studi di grado secondario superiore La conclusione di una formazione di grado secondario II è di cruciale importanza sia per piazzarsi con successo nel mercato del lavoro che per accedere allÂ’istruzione e alla formazione di grado terziario. Nel 2004, nellÂ’ Europa a 25 il tasso di conclusione degli studi secondari post-obbligatori tra i giovani adulti (dai 20 ai 24 anni) era del 76,4 per cento, molto lontano dallÂ’obiettivo di almeno lÂ’85 per cento che lÂ’UE intende raggiungere entro il 2010. A tal riguardo, la Svizzera occupa una posizione migliore, ma la sua quota dell'83 per cento, stabile dal 1996, non consente di affermare che riuscirà a oltrepassare lÂ’obiettivo quantitativo europeo entro la fine del decennio. Inoltre, sebbene regga bene il raffronto con i suoi immediati vicini, dovrà impegnarsi ulteriormente se intende raggiungere le tre migliori prestazioni europee (Slovacchia: 91,3%, Repubblica ceca: 90,9%, Slovenia: 89,7%). Pochissime le donne nei corsi di studi scientifici e tecnici Nel 2001, lÂ’UE ha rilevato la necessità di incoraggiare i giovani a seguire corsi di studi e carriere scientifiche e tecniche. Accanto allÂ’obiettivo di aumentare per lÂ’insieme dei Paesi membri oltre il 15 per cento il numero complessivo dei diplomati entro il 2010, lÂ’UE si è prefissa anche di ridurre lo scarto tra diplomati uomini e donne nei predetti corsi di studio. Giocoforza si deve constatare che anche i risultati della Svizzera non soddisfano i criteri della parità dei sessi. Con un tasso inferiore del 15 per cento di donne diplomate in tali discipline, la Svizzera riesce ad evitare giusto per poco lÂ’ultimo posto in classifica piazzandosi davanti al Giappone. Ma la sua proporzione è di due volte inferiore a quella stimata dellÂ’Europa a 25 (poco più del 30%). Grande partecipazione degli adulti allÂ’apprendimento lungo tutto lÂ’arco della vita Una società fondata sulla conoscenza obbliga gli individui ad aggiornare e a migliorare continuamente le loro competenze e qualifiche . Nel 2004, poco più di una persona adulta su cinque (dai 25 ai 64 anni) partecipava in Svizzera a corsi di istruzione e di formazione. Tale risultato, di gran lunga superiore alla media europea di circa un adulto su dieci, colloca la Svizzera nel plotone di testa delle migliori prestazioni europee. LÂ’obiettivo europeo del 12,5 per cento fissato per il 2010 è così ampiamente varcato. Ma tale risultato lusinghevole cela una realtà ben diversa: uno scarto nella partecipazione tra i meglio e i meno qualificati a vantaggio dei primi.

    ----------------------------------- Istruzione e formazione 2010 (strategia di Lisbona) Nel marzo 2000, a Lisbona, il Consiglio europeo si è fissato un nuovo obiettivo per il decennio a venire: divenire «l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale» . Per raggiungere tale obiettivo, i ministri dellÂ’educazione dellÂ’Unione europea hanno convenuto nel febbraio 2001 di perseguire in concreto i tre seguenti obiettivi strategici nel campo della formazione generale e professionale: 1. aumentare la qualità e lÂ’efficacia dei sistemi di istruzione e formazione nellÂ’Unione europea; 2. facilitare lÂ’accesso di tutti ai sistemi di istruzione e formazione; 3. aprire al mondo esterno i sistemi di istruzione e di formazione.

    Nel quadro di tale strategia globale, lÂ’UE ha definito cinque parametri di riferimento (benchmark) nei vari settori della formazione che intende raggiungere entro il 2010: 1. diminuzione del tasso medio di abbandono scolastico prematuro da parte dei giovani (tasso non superiore al 10 per cento); 2. aumento di almeno il 15 per cento dei diplomati in matematica, scienze e tecnologie nellÂ’Unione europea e, al contempo, diminuzione dello squilibrio tra i sessi; 3. aumento dei giovani che completano il ciclo di istruzione secondaria superiore (almeno l'85% della popolazione europea ventiduenne); 4. diminuzione della percentuale dei quindicenni con scarse capacità in lettura (almeno del 20% rispetto al 2000); 5. aumento della media europea di partecipazione allÂ’apprendimento lungo tutto lÂ’arco della vita (almeno fino al 12,5% della popolazione adulta in età lavorativa dai 25 ai 64 anni).

La pubblicazione dell’Ufficio federale di statistica «Le système d’éducation suisse en comparaison européenne: une sélection d’indicateurs» si rifà per quanto concerne le tematiche e gli indicatori rilevati al rapporto della Commissione europea «Progress Towards the Lisbon Objectives in Education and Training. 2005 Report» che può essere consultato all’indirizzo: http://europa.eu.int/comm/education/policies/2010/doc/progressreport0 5.pdf Ulteriori informazioni sul programma europeo «Education et formation 2010» sono reperibili sul sito della Commissione europea: http://europa.eu.int/comm/education/index_fr.html

--------------------------------------

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

Informazioni: Wayra Caballero Liardet, UST, Sezione sistemi formativi, scienza e tecnologia, tel.: 032 713 64 81 (fr) Emanuel von Erlach, UST, Sezione sistemi formativi, scienza e tecnologia, tel.: 032 713 62 23 (de) Nuova pubblicazione: Le système d’éducation suisse en comparaison européenne. Une sélection d’indicateurs, n. di ordinazione: 721-0500. Prezzo: Fr. 7.- -, disponibile in francese o tedesco Le tabelle e le informazioni metodologiche sono disponibili in forma elettronica all'indirizzo seguente: http://www.statistique.admin.ch» Thèmes » Education, science » Education » Fonctionnement du système éducatif » Analyses rapports

Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46

Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni e pubblicazioni in forma elettronica si rimanda al sito Internet dellÂ’UST allÂ’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione allÂ’indirizzo: http://www.news-stat.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: