Bundesamt für Statistik

Statistica della ricettività nel 1° trimestre 2005

      (ots) - Statistica della ricettività nel 1° trimestre 2005

Ottimi risultati per il primo trimestre 2005

    Nel marzo 2005, i pernottamenti negli alberghi e negli stabilimenti di cura registrati dall’Ufficio federale di statistica (UST) sono aumentati del 5,3 per cento rispetto al marzo 2003, ultimo mese per il quale si dispone di valori comparabili. Sull’insieme del primo trimestre, la crescita è stata de 3,3 per cento rispetto al 2003. Continua il leggero calo della clientela indigena (-1,3%) che è però più che compensato dal maggiore afflusso di quella straniera (+7,3%). Rispetto al 2003, il primo trimestre 2005 è stato contrassegnato da una perdita di 52'000 pernottamenti di turisti indigeni ma ha beneficiato di una crescita di 335'000 pernottamenti di ospiti provenienti dall’estero, di cui 119’000 (+7,6%) soltanto dalla Germania. La clientela tedesca, che costituisce quasi un quinto dei pernottamenti negli alberghi del nostro Paese, è quindi di nuovo attratta dalla Svizzera, contribuendo così in misura considerevole ad aumentare i pernottamenti nel primo trimestre. Tra i nuovi mercati turistici a forte potenziale si nota la crescita spettacolare della clientela proveniente dalla Cina (+40,6%), dall’India (+30,2%) e dalla Russia (+20,6%). Continua invece la marcia a ritroso della clientela proveniente dalla Francia (-3,2%), dagli Stati Uniti (-3,3%), dal Giappone (-9,6%) e da Israele (- 11,4%).

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

Informazioni: Barbara Conrad, UST, Sezione turismo, tel.: 032 713 68 00

Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46

Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni e pubblicazioni in forma elettronica si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione all’indirizzo: http://www.news-stat.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: