Bundesamt für Statistik

BFS: Cifre d’affari del commercio al dettaglio nel novembre 2004

(ots) - Cifre d’affari del commercio al dettaglio nel novembre 2004 Aumento del 5,5 per cento Stando ai risultati provvisori forniti dall’Ufficio federale di statistica (UST), nel novembre 2004 le cifre d’affari nominali sono aumentate del 5,5 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Ciò corrisponde a una progressione del 3,9 per cento in termini reali, ossia al netto dell’inflazione. Le cifre d’affari nominali avevano registrato un calo dell’1,8 per cento nell’ottobre 2004 e del 3,7 per cento nel novembre 2003. Nel mese in rassegna, come già nell’ottobre scorso, l’andamento del fatturato è stato influenzato dal diverso numero di giorni di vendita. Il mese di novembre 2004 presentava infatti un giorno di vendita in più rispetto al novembre del 2003. Al netto dei giorni di vendita è risultato un aumento delle cifre d’affari dell’1,5 per cento in termini nominali e una diminuzione dello 0,1 per cento in termini reali. Cifre d’affari in progressione nella maggior parte dei gruppi di merci I tre gruppi principali hanno contribuito in misura differente alla crescita del fatturato nel mese in rassegna. Mentre i gruppi «alimentari, bevande, tabacco e articoli per fumatori» e il totale degli «altri gruppi» hanno presentato un incremento rispettivamente dell’1,6 e del 6,2 per cento, l’aumento più sostanzioso è stato registrato dal gruppo «abbigliamento, calzature», il cui fatturato è salito del 10,4 per cento. Un forte incremento del giro d'affari è stato osservato, oltre che nel gruppo di merci «abbigliamento, calzature» (+10,4%), anche nei gruppi «salute, cure del corpo, cosmetici» (+6,8%), «tabacco, articoli per fumatori» (+5%), «fai da te, tempo libero» (+4,4%) e in seguito al livello dei prezzi rimasto elevato anche nel gruppo «carburanti, combustibili» (+15,2%); ottimi risultati anche per il commercio di automobili, il cui giro d’affari è progredito del 12,5 per cento. Un calo del fatturato è stato invece registrato dai gruppi «effetti personali» (-1,9%), «arredamento» (-1,5%) ed «elettronica per il tempo libero e l’ufficio» (-1,3%), quest’ultimo riconducibile alla riduzione dei prezzi di tali merci. Andamento positivo per quasi tutti i rami economici Come per i gruppi di merci, l'andamento delle cifre d'affari è stato positivo per quasi tutti i rami economici. Ad eccezione del «commercio al dettaglio di oggetti d’antiquariato e articoli di seconda mano» (-8,3%), tutti gli altri rami economici hanno segnalato una progressione del fatturato. I valori massimi sono stati conseguiti dai rami «vendita per corrispondenza» (+20%), «riparazioni di beni personali e per la casa» (+10%) e «commercio al dettaglio di prodotti farmaceutici e di cosmetici» (+8,5%). Crescita delle cifre d’affari per tutte le classi di grandezza delle imprese Forte progressione per le medie imprese Considerate in base alle dimensioni, le medie imprese (da 15 a 45 addetti a tempo pieno) hanno presentato la crescita maggiore del fatturato registrando una progressione del 13,7 per cento, seguite dalle piccole imprese (meno di 15 addetti a tempo pieno) con un aumento del 6,7 per cento. Con un incremento del 3,3 per cento anche le grandi imprese (più di 45 addetti a tempo pieno) hanno mostrato un’evoluzione positiva delle cifre d’affari. Evoluzione positiva sia in termini nominali che reali dall’inizio dell’anno Nel periodo da gennaio a novembre del 2004, le cifre d'affari nominali cumulate sono aumentate complessivamente del 2,3 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Mentre i gruppi «alimentari, bevande, tabacco e articoli per fumatori» e la totalità degli «altri gruppi» hanno fatto registrare un aumento rispettivamente del 2 e del 3 per cento, si è potuto osservare un calo del fatturato dello 0,7 per cento per il gruppo «abbigliamento, calzature». In termini reali, le cifre d’affari cumulate nel commercio al dettaglio sono cresciute dell’1,6 per cento nei primi undici mesi dell’anno. I tre gruppi principali hanno presentato i seguenti risultati: «alimentari, bevande, tabacco e articoli per fumatori» +1 per cento, «abbigliamento, calzature» +2,2 per cento e «altri gruppi» +1,9 per cento. UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa Informazioni: Fabia Ndiaye-Laini, UST, Sezione statistiche monetarie sulle imprese, tel.: 032 713 61 69 Hans-Peter Herrmann, UST, Sezione statistiche monetarie sulle imprese, tel.: 032 713 68 33 Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46 Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch Per ulteriori informazioni e pubblicazioni in forma elettronica si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione all’indirizzo: http://www.news-stat.admin.ch

Ces informations peuvent également vous intéresser: