Bundesamt für Statistik

BFS: Indici della produzione, delle ordinazioni, delle cifre d’affari e delle giacenze del settore se-condario nel terzo trimestre 2004

      (ots) - Indici della produzione, delle ordinazioni, delle cifre d’affari e
delle giacenze del settore se-condario nel terzo trimestre 2004

Prosegue la crescita dell'industria svizzera

    Nel terzo trimestre 2004, i risultati conseguiti dalle imprese svizzere continuano a essere po-sitivi, sebbene il loro livello sia leggermente inferiore a quello registrato nei primi due trime-stri dell’anno. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, la produzione è progredita del 3,5 per cento e le cifre d’affari del 4,2 per cento. Maggiore è risultato anche l’afflusso di ordinazioni (+5,3%) nonché, in misura più moderata, il portafoglio delle ordinazioni (+1,1%) e le giacenze (+1,1%). Sono questi i principali risultati della rilevazione trimestrale dell'Uffi-cio federale di statistica (UST) sull’andamento degli affari nell’industria svizzera. Incremento della produzione Sebbene le imprese abbiano continuato a incrementare la produzione (costruzioni escluse) nel ter-zo trimestre del 2004, la crescita del 3,5 per cento raggiunta è risultata comunque inferiore rispetto a quanto rilevato nei due trimestri precedenti. Anche il mercato del lavoro del settore secondario ottiene voti migliori. Il barometro dell’impiego pubblicato dall’Ufficio federale di statistica rileva ora solo un lieve regresso dell’impiego. Infatti, molti rami economici hanno assistito a un miglioramento della situazione con un progressivo au-mento dei posti liberi. Gli incrementi di produzione di gran lunga più elevati sono stati registrati dalle imprese del ramo "produzione di altri prodotti minerali non metalliferi". A esso seguono la fabbricazione di macchi- ne e apparecchi meccanici, l’"industria del legno e dei prodotti in legno (esclusi i mobili)", l’industria tessile e dell’abbigliamento e la lavorazione e trasformazione dei metalli. Hanno invece fatto registrare un andamento negativo i rami "fabbricazione di prodotti di cokeria; raffinazione di petrolio; trattamento dei combustibili nucleari" e "altre industrie manifatturiere", le industrie alimentari, delle bevande e del tabacco nonché l’"industria della carta, del cartone; edito-ria e stampa". Cifre d’affari in aumento Con una progressione del 4,2 per cento rispetto al risultato conseguito l'anno precedente anche le cifre d’affari hanno protratto la loro corsa al rialzo. Tale crescita ha raggiunto addirittura il 4,6 per cento se si include il ramo delle costruzioni, attualmente in una fase congiunturale alquanto favorevole. Il motore principale dell’evoluzione evidenziata nel settore secondario era costituito dalle esportazioni. I rami che hanno maggiormente beneficiato di tale tendenza sono la "produzione di altri prodotti minerali non metalliferi", la lavorazione e trasformazione dei metalli, l’industria tessile e dell’abbigliamento, la fabbricazione di macchine e apparecchi meccanici come pure l’"industria del legno e dei prodotti in legno (esclusi i mobili)". Hanno contribuito al buon risultato raggiunto dal ramo economico "lavorazione e trasformazione dei metalli" alcuni aumenti dei prezzi. Soltanto le industrie alimentari, delle bevande e del tabacco, la produzione e distribuzione di ener-gia elettrica, gas e acqua nonché l’"industria della carta, del cartone; editoria e stampa" hanno su- bito delle perdite. Afflusso di ordinazioni più contenuto Benché l’afflusso di ordinazioni sia aumentato nuovamente raggiungendo una progressione del 5,3 per cento (+6,3% incluse le costruzioni), questa si è rivelata più debole della crescita registrata nei trimestri precedenti. Su tale andamento hanno inciso al contempo i beni intermedi, quelli d’investimento e i beni di consumo durevoli, mentre sono rimasti fermi allo stesso livello i beni di consumo non durevoli. Le imprese attive nel ramo della "produzione di altri prodotti minerali non metalliferi" hanno con-seguito l’aumento più rilevante negli afflussi di ordinazioni. Gli altri rami che hanno beneficiato di una progressione superiore al 10 per cento sono stati la lavorazione e trasformazione dei metalli, la fabbricazione di mezzi di trasporto, le costruzioni e inoltre l’industria tessile e dell’abbigliamento. Soltanto le industrie alimentari, delle bevande e del tabacco nonché l’"industria della carta, del cartone; editoria e stampa" hanno dovuto far fronte a un calo di ordinazioni. Lieve aumento delle riserve di lavoro Con un aumento dell’1,1 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, la progressio-ne del portafoglio di ordinazioni ha dettato l’arresto dell’andamento negativo che si protraeva sin dal quarto trimestre del 2001. Il loro aumento più sensibile è stato rilevato nell’industria del cuoio e delle calzature, nell’"industria del legno e dei prodotti in legno (esclusi i mobili)" e nel ramo "produzione di pro-dotti minerali non metalliferi". Le riserve di lavoro sono state invece ridimensionate nell’estrazione di minerali non energetici e, in particolare, nella fabbricazione di mezzi di trasporto. Lieve incremento delle giacenze L’aumento dell’1,1 per cento delle giacenze dei prodotti finiti ha frenato la tendenza al loro smantellamento iniziata nel corso del primo trimestre del 2002. Un incremento superiore alla media delle giacenze è stato rilevato nelle "altre industrie manifattu-riere", nell’"estrazione di minerali non energetici" e nella "fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche". L’industria del cuoio e delle calzature, l’"industria del legno e dei prodotti in legno (esclusi i mo-bili)" e l’industria tessile e dell’abbigliamento hanno invece presentato le maggiori riduzioni.

    Gli indici della produzione, delle ordinazioni, delle cifre d’affari e delle giacenze descrivono l’andamento congiunturale del settore secondario. Essi si basano sulla "Nomenclatura generale delle attività economiche" del 1995, elaborata in conformità agli standard internazionali, che assegna le imprese ai diversi rami economici sulla base della loro attività. La base di riferimento degli indici (indice = 100) corrisponde alla media annuale del 1995. I dati necessari al calcolo degli indici sono rilevati attraverso un campione rappresentativo di impre-se con almeno cinque addetti a tempo pieno. I risultati sono pubblicati a cadenza trimestrale e a un livello d’aggregazione che garantisce una significatività sufficiente degli indici e contemporanea-mente la protezione dei dati. Le serie temporali si basano sullo schema di ponderazione del 1993 e tengono conto delle serie pre-cedenti, diverse dalle attuali, meno numerose e più aggregate. Al fine di poter escludere, per quanto possibile, l’effetto delle oscillazioni stagionali, l’analisi dei dati è effettuata sulla base dello stesso trimestre dell’anno precedente.

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

    Informazioni: Markus Beckstein, UST, Sezione struttura delle imprese e impiego, tel.: 032 713 64 34 Luu Nguyen, UST, Sezione struttura delle imprese e impiego, tel.: 032 713 61 47 Nuova pubblicazione: Ufficio federale di statistica: Evolution de la situation dans le secteur secondaire. Indices de la production, des commandes, des chiffres d’affaires et des stocks au 3e trimestre 2004, Neuchâtel 2004. N. di ordinazione 039-0403. Prezzo: Fr. 6.--

Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46

Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni e pubblicazioni in forma elettronica si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione all’indirizzo: http://www.news-stat.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: