Bundesamt für Statistik

BFS: Studenti delle scuole universitarie svizzere nel semestre invernale 2003/2004

      (ots) - Studenti delle scuole universitarie svizzere nel semestre invernale
2003/2004

Avviato il processo di Bologna nelle scuole universitarie

    Secondo i risultati pubblicati dall’Ufficio federale di statistica (UST), nel semestre invernale 2003/04 erano iscritti globalmente 153'000 studenti nelle scuole universitarie svizzere; di essi 109'000 frequentavano le università e i politecnici e 44'000 le scuole universitarie professionali (SUP), ivi incluse le alte scuole pedagogiche (ASP). Rispetto all’anno precedente, il numero degli studenti presso le scuole universitarie è aumentato del 4,4 per cento e quello dei nuovi iscritti dello 0,3 per cento. Si osserva uno spostamento verso i nuovi programmi di studio bachelor e master, avviati progressivamente dalle università a partire dal 2001. Nelle scuole universitarie professionali (SUP) il numero dei studenti immatricolati è progredito del 15 per cento rispetto all’anno precedente. Questo forte aumento è dovuto principalmente ai seguenti due fattori: l'apertura di nuove ASP, che prendono il posto delle precedenti istituzioni di formazione di secondo grado superiore e all’entrata della seconda annata di studenti nella nuova HES santé-social romande.

    L’introduzione dei nuovi programmi di studio bachelor e master è conforme alla Dichiarazione di Bologna adottata nel 1999 per l'insieme delle università europee. Questi iter formativi vanno a sostituirsi agli studi che finora portavano al conseguimento della licenza o del diploma. Secondo le Direttive della Conferenza Universitaria Svizzera e del Consiglio svizzero delle scuole universitarie professionali della CDPE (Conferenza svizzera dei direttori della pubblica educazione) gli statuti necessari alla nuova strutturazione delle discipline di studio e i piani di attuazione per ogni singola disciplina dovrebbero essere adottati entro la fine del 2005, mentre l’applicazione delle nuove strutture per l’insieme delle discipline di studio dovrebbe essere acquisita al più tardi entro la fine del 2010. Contrariamente a quanto è successo per le università, ove le discipline di studio sono state introdotte a scaglioni a partire dal 2001, la loro adozione nelle università professionali (SUP) verrà coordinata in tutta la Svizzera a partire dal semestre invernale 2005/06. Dal 2008, inoltre, vi saranno attivati anche alcuni programmi di studio master.

      Università e politecnici: raddoppia il numero degli iscritti per i
programmi di studio bachelor e master Durante il semestre invernale
2003/04, 12'610 degli studenti universitari immatricolati seguivano
un corso di studi bachelor e 868 un master offerti da otto scuole
universitarie. Di questi circa il 60 per cento era ripartito tra il
Politecnico di Zurigo (2'632 bachelor e 180 master), l’Università di
Friborgo (2'376 bachelor e 392 master) e l’Università di San Gallo
(2'275 bachelor e 127 master). I rimanenti studenti erano iscritti
alle Università di Basilea, Berna, Lucerna, Losanna e all’Università
della Svizzera italiana (USI). L’Univeristà di Lucerna in piena
espansione In rapporto al semestre invernale 2002/03 è stata
l’Università di Lucerna a registrare l’aumento più significativo del
numero di studenti (+58%), e principalmente la nuova Facoltà di
giurisprudenza aperta nel 2001; ma anche le università di Basilea
(+8,4%), Berna (+8,0%) e l’USI (+7,3%) hanno registrato
un’importante evoluzione. La sostanziale progressione del 9 per
cento registrata al Politecnico di Losanna è dovuta in primo luogo
al trasferimento delle discipline fisiche e chimiche dall'Università
della medesima città. Rispetto all’anno scorso, il numero dei
dottorandi è passato dai 14'957 ai 15'850 (+0,6%). Il loro numero è
cresciuto soprattutto al Politecnico di Losanna, all’Università
della Svizzera italiana e all’Università di Lucerna. Anche la
percentuale delle donne è aumentata di un punto, rispetto al
semestre invernale 2002/03, raggiungendo il 48 per cento, mentre il
loro tasso tra i dottorandi è rimasto invariato al 39 per cento.
Come in passato, le discipline più apprezzate dalle donne iscritte
ai corsi di dottorato sono quelle di Scienze umane e sociali (52%
degli iscritti) oltre a Medicina e Farmacia (50% degli iscritti).
Nel campo delle Scienze tecniche, tradizionalmente evitate dalle
donne, la loro presenza è passata al 22 per cento (contro il 21%)
nel semestre invernale 2003/04. Da segnalare, inoltre, che nel
2003/04 il numero delle matricole dei corsi postlaurea è aumentato
del 5,2 per cento, passando dai 4'694 agli attuali 4'939 iscritti.
Le SUP in costante progressione Nelle SUP, il sensibile incremento
degli iscritti (+15%) è da attribuire all’apertura di nuove alte
scuole pedagogiche e all’entrata della seconda annata di studenti
nella nuova HES santé- social romande. Oltre che in questi istituti,
gli aumenti più ragguardevoli si sono osservati nella FH
Nordwestschweiz (+15%) e nella FH Ostschweiz (+10%). Diventa,
inoltre, sempre più importante la formazione dei docenti nelle ASP.
Dall’autunno 2003 sono 14 le ASP che offrono un insegnamento a tale
livello; le prime di esse hanno iniziato già nel 2001. Le ASP si
sostituiscono alle 150 istituzioni di secondo grado superiore finora
incaricate della formazione degli insegnanti delle scuole elementari
e pre-elementari. Per tale ragione gli studenti presso questi
istituti sono inseriti nella statistica delle scuole universitarie.
Il loro numero è passato da 1’200 a 5'200 nel 2003, rappresentando
così il 12 per cento del totale degli studenti ASP. Una mutazione
del sistema è in corso anche nel settore sanitario. Attualmente
soltanto la Svizzera francese ha un’offerta di corsi di studio in
tale ambito nelle SUP e la seconda annata di studenti ha iniziato a
seguire i corsi nel 2003, raddoppiando così il numero degli
iscritti. La Svizzera tedesca e il Ticino dovrebbero seguire entro i
prossimi tre-quattro anni. Ad eccezione di tali discipline, è nel
campo delle “Life Sciences” (chimica e agronomia) che il numero
degli iscritti registra, con un aumento pari al 17 per cento, la
progressione più importante rispetto al 2002, mentre un incremento
dell’8,5 per cento lo si osserva nel campo delle Scienze della
costruzione; dalla creazione delle SUP è la prima volta che si
registra una tale sostanziale evoluzione. Per ciò che concerne
invece il numero degli studenti a livello postdiploma, il loro
numero ha raggiunto le 5'818 unità, ovvero il 13 per cento del
totale, di cui il 75 per cento nel campo dell'economia. La
percentuale delle donne nelle SUP ha toccato il 39 per cento, contro
il 35 per cento del semestre invernale 2002/03. Anche questo aumento
è probabilmente dovuto all'evoluzione delle ASP e allo sviluppo
della HES santé-sociale, indirizzi che conoscono una buona presenza
femminile. Nonostante che la scelta di alcune discipline sia di
preferenza maschile, come quelle di indirizzo tecnico quali le “Life
Sciences” e le Scienze della costruzione, dalla creazione delle SUP
nel 1997 il numero delle donne è aumentato anche in seno a queste;
dal 6,5 per cento registrato nel 1997 ad oltre il 10 per cento nel
2003, di cui il 28 per cento presso le “Life Sciences”. Molti
stranieri a livello di dottorato Nel semestre invernale 2003/04
circa il 20 per cento di tutte le matricole delle scuole
universitarie erano di cittadinanza straniera. Una parte di queste,
però, non è venuta in Svizzera per motivi di studio ma vi risiede da
tempo: più di un quarto di essi, infatti, ha effettuato la
formazione scolastica in Svizzera conseguendovi anche il certificato
d’accesso allo studio presso le università svizzere. Il tasso degli
stranieri presso le università e i politecnici (21%) è superiore a
quello presso le università professionali (15%.) Questo perché vi è
un alto numero di stranieri immatricolati alle università e i
politecnici per i corsi di dottorato o di diplomi post-laurea. Il
loro tasso tra i dottorandi è del 42 per cento, mentre essi
rappresentano, a questo livello, più della metà del totale degli
studenti in cinque università (Politecnici di Losanna e Zurigo,
Università di San Gallo, di Ginevra e della Svizzera italiana). Se
si prescinde dallo studio post-laurea, le differenze tra i due tipi
di scuole universitarie si attenuano. Infatti, presso le SUP il
tasso degli stranieri nello studio di diploma è del 16 per cento,
presso le università e i politecnnici la loro percentuale è uguale
(corsi di licenza, diploma, bachelor e master presi congiuntamente).

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio informazioni

Informazioni: Studenti universitari : Gérard Oeuvray, Sezione università, UST, tel.: 032 713 67 97 Studenti SUP: Stéphane Cappelli, Sezione università, UST, tel.: 032 713 65 99 Nuova pubblicazione: Etudiants dans les hautes écoles universitaires suisses, UST, Neuchâtel 2004 (uscirà in giugno) Etudiants des hautes écoles spécialisées, UST, Neuchâtel 2004 (uscita prevista per luglio)

Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: