Bundesamt für Statistik

Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) ed e-commerce nell'economia svizzera

      (ots) - Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)
ed
e- commerce nell'economia svizzera TIC ampiamente diffuse
nell’economia svizzera – buona posizione della Svizzera nel
raffronto internazionale
PC, e-mail e Internet sono utilizzati da
oltre il 90 per cento delle imprese svizzere. Le altre tecnologie
come Intranet e Extranet sono invece molto meno diffuse.
L’e-commerce assistito da Internet viene utilizzato dal 44 per cento
delle imprese con sede in Svizzera per l’acquisto di merci, mentre
solo il 16 per cento se ne avvale per operazioni di vendita.
Nell’impiego di alcune tecnologie, le ditte svizzere eguagliano i
Paesi scandinavi, leader in Europa in questo campo, mentre accusano
un certo ritardo per quanto riguarda le vendite. Questi sono alcuni
dei risultati emersi da un’indagine commissionata nell’autunno 2002
dall’Ufficio federale di statistica (UST) al Centro di ricerche
congiunturali del Politecnico federale di Zurigo sulla diffusione
delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) e
dell’e-commerce nelle imprese svizzere. Notevole diffusione delle
tecnologie dell’informazione e della comunicazione, soprattutto
nelle grandi imprese Nel 2002, l’utilizzazione delle TIC nelle
imprese svizzere è ulteriormente progredita rispetto al 2000. Alcuni
di questi supporti, come PC, e-mail e Internet sono attualmente
impiegati da oltre il 90 per cento delle imprese. Altre tecnologie
come Intranet (27,2%) o Extranet (11,9%) ottengono invece minore
successo, in quanto poco utili per numerose piccole imprese.
Osservando l’andamento dal 1994 in poi, si osserva che dopo la forte
crescita verificatasi verso la fine degli anni Novanta, la
diffusione delle TIC ha perso terreno, registrando in alcuni casi
una stagnazione (per es. PC, e-mail, Internet, Intranet). Diffusione
delle TIC nelle imprese: pochi cambiamenti Oltre al numero di
imprese che utilizzano le TIC, è interessante valutare il grado di
diffusione di queste tecnologie in seno alle aziende, calcolando
cioè quanti collaboratori utilizzano uno di questi strumenti nel
proprio lavoro. L'utilizzazione dei PC nelle imprese è rimasta
pressoché invariata tra il 2000 (46% in media del personale di tutte
le aziende che ricorrono alle TIC) e il 2002 (43% in media di tutti
i collaboratori). Nello stesso periodo, la diffusione di Internet è
passata mediamente dal 29 al 33 per cento degli addetti delle
imprese svizzere munite di allacciamento alla rete. Nel 2002,
l’impiego di Intranet nelle aziende ha invece registrato un
rallentamento rispetto al 2000. Nel 2000, il 56 per cento in media
dei collaboratori delle aziende munite di Intranet utilizzavano
questa tecnologia, contro il 49 per cento del 2002. In quest’ultimo
anno, l'uso di Intranet è risultato superiore al 2000 solo nelle
grandi imprese. Acquisti on line più diffusi delle vendite Il
commercio elettronico è maggiormente sviluppato a livello di
acquisti che di vendite. Sono soprattutto le medie e grandi imprese,
le imprese ad alta tecnologia e dei servizi moderni ad avvalersi di
Internet per gli acquisti. Il loro grado di diffusione è aumentato
lievemente dal 42 per cento nel 2000 al 44 per cento nel 2002,
mentre le vendite sono rimaste quasi stabili (2000: 17%; 2002: 16%).
Acquisti online: volume delle transazioni nettamente superiore alle
vendite Dal volume delle transazioni commerciali in rete emerge una
chiara tendenza all’aumento sia dal profilo degli acquisti che da
quello delle vendite. Complessivamente, si calcola che nel 2003 il
volume di vendite via Internet dovrebbe più che raddoppiare rispetto
al 2001 (2001: 2,4% del fatturato; 2003: 5,8%). Va tuttavia detto
che i dati per il 2003 si basano sulle stime di ditte che utilizzano
già Internet per le proprie vendite. Complessivamente, le vendite
via Internet rimangono a un livello molto basso. Nello stesso
periodo, il volume degli acquisti via Internet, già cospicuo,
dovrebbe aumentare di due terzi (2001: 4,7%; 2003: 7,1%). Anche in
questo caso le previsioni per il 2003 si basano su stime relative a
ditte che effettuano già acquisti via Internet. Grande utilità del
commercio elettronico Gli acquisti on line presentano notevoli
vantaggi per le imprese, tra cui il miglioramento della trasparenza
sul mercato e l’accelerazione dei processi commerciali. Benché in
misura minore, anche la riduzione dei costi di acquisto riveste una
certa importanza. Le vendite via Internet consentono alle imprese di
curare la propria immagine, di rispondere meglio alle esigenze della
clientela e di aprirsi a nuovi mercati. Anche la ricerca di nuovi
sbocchi e il lancio di nuovi prodotti sono aspetti non trascurabili.
Ostacoli alle vendite elettroniche: le condizioni quadro
istituzionali vanno ulteriormente migliorate Secondo le imprese,
l’inadeguatezza dei prodotti è il principale ostacolo alla
diffusione delle vendite in linea. A sostenere questa tesi sono sia
le imprese che si avvalgono di Internet per le vendite sia quelle
che non ne fanno uso. Anche la poca disponibilità dei clienti ad
effettuare i propri acquisti via Internet influisce sullo scarso
impatto di questo tipo di transazione. Ad alimentare questo
scetticismo concorrono l’insufficiente sicurezza giuridica per
esempio in materia di procedura di pagamento, di protezione dei
dati, di norme contrattuali e di garanzia della merce. Mentre le
condizioni generali necessarie all'espansione del commercio
elettronico sono buone, occorrerebbe migliorare la sicurezza a
livello giuridico, per consentire un'ulteriore diffusione di queste
tecnologie. Acquisto e vendita via Internet nel raffronto
internazionale; Svizzera col vento in poppa A livello
internazionale, la Svizzera si distingue sia nella diffusione delle
TIC che del commercio elettronico. Riguardo all'uso dei PC e di
Internet, le imprese svizzere si situano ad un livello analogo dei
Paesi scandinavi, predominanti in questo settore, mentre
nell'impiego di Intranet ed Extranet accusano un notevole ritardo
rispetto alla Svezia, prima in classifica. In materia di e-commerce,
negli acquisti on line la Svizzera si situa nel gruppo di testa dei
Paesi europei, mentre nelle vendite via Internet si piazza dietro ai
Paesi scandinavi con un distacco assolutamente recuperabile di circa
un anno.

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio informazioni

Informazioni: Volker Täube, UST, Sezione università e scienza, tel. 032 713 68 04, e-mail: Volker.Taeube@bfs.admin.ch

Ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, Fax: 032 713 60 61, e-mail: Ruedi.Jost@bfs.admin.ch Nuove pubblicazioni (unicamente in versione tedesca e francese): Attualità UST, La diffusion des technologies de l’information et de la communication et de l’e-commerce dans l’économie suisse, Neuchâtel, n. di ordinazione: 514-0200 Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch 17.07.03



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: