Bundesamt für Statistik

L’industria alberghiera svizzera nel trimestre invernale 2002/03 Pernottamenti in albergo in diminuzione

    Neuchâtel (ots) - Service d‘information Informationsdienst Servizio informazioni Servetsch d‘infurmaziun Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa

10 Tourisme Tourismus Turismo Neuchâtel, 15 aprile 2003 N° 0352-0303-70

L’industria alberghiera svizzera nel trimestre invernale 2002/03

Pernottamenti in albergo in diminuzione

    Dalla rilevazione totale condotta dall’Ufficio federale di statistica (UST) presso gli stabilimenti alberghieri emerge che nel trimestre invernale (dicembre-febbraio) 2002/03 i pernottamenti sono diminuiti del 2 per cento (-151 000) rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, attestandosi a 7,43 milioni. Pur non potendo rimanere nella scia delle cifre record registrate nell’inverno 2000/01 (8,04 milioni), i pernottamenti del trimestre in rassegna si sono situati leggermente al di sopra della media degli ultimi dieci inverni (+30 000/+0,4%). Le eccellenti condizioni climatiche del febbraio 2003 non sono riuscite a compensare gli effetti negativi prodotti dalla stasi congiunturale e dall’apprezzamento del franco svizzero sull’andamento degli affari degli stabilimenti alberghieri. Il numero dei pernottamenti degli stabilimenti alberghieri svizzeri è sceso a 7,43 milioni, subendo un calo del 2 per cento (-151 000) rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Il bilancio risulta negativo per tutti e tre i mesi del periodo in rassegna; il risultato più fiacco è stato però rilevato per il mese di febbraio (135 000 pernottamenti in meno/-4,5%). Eccetto per il mese di gennaio, in cui un maggiore afflusso di ospiti svizzeri (+28 000/+2,4%) ha compensato in parte il calo della domanda estera, negli altri due mesi del trimestre la diminuzione delle presenze ha interessato sia la clientela indigena che straniera. Turismo interno in aumento Grazie ai buoni risultati del mese di gennaio, il turismo interno è aumentato leggermente rispetto al trimestre invernale dell’anno scorso, raggiungendo i 3,41 milioni di pernottamenti (+15 000/+0,4%). Il numero degli arrivi ha registrato anch’esso un’evoluzione positiva (+40 000/+3,2%). Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, la durata media del soggiorno è diminuita da 2,7 a 2,6 notti, confermando così la tendenza a soggiorni più brevi già osservata da qualche tempo.

    Domanda estera in diminuzione Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, la domanda estera, che ha raggiunto i 4,03 milioni di pernottamenti, è diminuita di 166 000 notti o del 4,0 per cento. Per la clientela europea sono stati registrati 3,34 milioni di pernottamenti, il che corrisponde ad una diminuzione di 188 000 pernottamenti o del 5,3 per cento. A questo andamento negativo hanno contribuito in particolare la Germania (-144 000/-10%), il Belgio (-31 000/-13%), i Paesi Bassi (-24 000/-8,9%) e l’Italia (-22 000/-9,2%). Un aumento è stato invece registrato per gli ospiti provenienti dalla Russia (+9000/+12%) e dal Regno Unito (+20 000/+4,0%).

    La domanda degli ospiti provenienti da paesi extraeuropei è salita a 682 000 pernottamenti (+23 000/+3,5%). L’aumento più netto è stato rilevato per gli ospiti provenienti dall’India (+5000/+33%) e dalla Repubblica coreana (+5000/+41%). Aumento della domanda in tre delle dodici regioni turistiche L’Oberland bernese (+14 000/+1,8%), i Cantoni Basilea Città/Basilea Campagna (+2500/+1,5%) nonché la regione turistica di Ginevra (+9000/+2,2%) hanno registrato un aumento dei pernottamenti rispetto all’anno scorso. Nelle altre nove regioni si è invece assistito ad un calo delle presenze, in particolare in Ticino ( 15 000/ 8,6%) e nella Svizzera orientale (-29 000/-8,2%). Febbraio 2003: campionati del mondo di sci alpino di St. Moritz Nonostante i campionati del mondo di sci, i pernottamenti nel distretto del Maloja non hanno raggiunto il livello di febbraio dello scorso anno (-3500/-1,3%). A monte di questo andamento negativo vi è soprattutto la diminuzione degli ospiti tedeschi (-11 000/-17%). Buoni risultati sono stati invece registrati per le presenze degli ospiti provenienti dall’Austria (+6100/+166%) e dalla Norvegia (+2200/+810%) e per gli arrivi, che sono aumentati in media dell’11 per cento (+5600). Utilizzazione dell’offerta Nel periodo in rassegna, l’utilizzazione dei posti letto disponibili a livello nazionale è peggiorata, passando da una media stagionale del 39,3 ad una del 38,4 per cento, mentre il valore corrispondente alle camere disponibili è sceso di un punto percentuale, attestandosi al 43,9 per cento.

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio informazioni

Informazioni: Antonio Di Nardo o Thomas Welte, Sezione turismo tel. 031/323 66 36 oppure 323 67 14 Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

15.04.2003



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: