Bundesamt für Statistik

Spese pubbliche per la formazione in Svizzera L'investimento pubblico per la formazione in ripresa

      Neuchâtel (ots) - Nel 2000, la Confederazione, i Cantoni e i Comuni
hanno speso 22,1 miliardi di franchi per la formazione. Per il terzo
anno consecutivo si osserva un aumento dell'investimento pubblico in
questo settore (+2,2% in termini reali rispetto al 1999). Gli ultimi
dati pubblicati dall'Ufficio federale di statistica (UST) confermano
quest'inversione di tendenza iniziata nel 1998. Il finanziamento
pubblico della formazione ha manifestamente subito gli effetti della
crisi economica dell'inizio degli anni '90. In effetti i tagli
budgetari del 1993 hanno messo fine all'aumento regolare delle spese
per la formazione osservato sin dalla metà degli anni '70. Dal 1994
si nota un primo miglioramento del prodotto interno lordo, ma
trascorreranno diversi anni di congiuntura economica favorevole,
ovvero fino al 1998, prima che la formazione possa nuovamente
beneficiare di tale miglioramento e riceva un impulso da parte delle
autorità politiche sotto forma di un aumento dell'investimento. A
titolo di paragone, le spese pubbliche totali per l'insieme dei
settori dello Stato avevano già ricominciato ad aumentare nel 1996,
essenzialmente a causa dell'importanza assunta dalla previdenza
sociale nella gestione delle conseguenze della crisi economica.
Differenze fra l'impegno finanziario di Confederazione, Cantoni e
Comuni La metà dell'impegno finanziario pubblico per la formazione
proviene dai Cantoni (11,6 miliardi nel 2000, ovvero il 53% delle
spese totali per la formazione), oltre un terzo dai Comuni (7,7
miliardi, 35%) ed il resto dalla Confederazione (2,7 miliardi, 12%).
Nonostante i Comuni, i Cantoni e la Confederazione abbiano tutti
subito le conseguenze della crisi economica dell'inizio degli anni
'90, a partire dal 1993 le loro spese per la formazione cominciano
ad evolvere in maniera differenziata. Il contributo dei Comuni
aumenta già dal 1995 (+5% dal 1994 al 2000) per compensare la
diminuzione relativa dell'apporto dei Cantoni a favore delle scuole
materne, delle scuole elementari e delle scuole del secondario
inferiore, e le spese dei Cantoni rimaste stabili dal 1993 al 1998
segnano una ripresa. Quanto alla Confederazione, dopo la forte
diminuzione dei contributi federali per il 1996 ed il 1997, il
finanziamento per il 2000 registra una progressione tale da superare
i valori del 1995.

    La formazione: un'impresa fondata sul capitale umano Oltre la metà delle spese di esercizio per la formazione è destinata alla retribuzione degli insegnanti (61,2% nel 2000). La massa salariale degli insegnanti, che non ha registrato alcun incremento fra il 1993 e il 1999, è poi aumentata sensibilmente nel 2000 (+3,1%). Gli impegni finanziari per il futuro Il resto delle spese d'esercizio è ripartito in tre categorie: i salari delle altre risorse umane (14,2%), le spese per beni e servizi (15,2%) e le altre spese d'esercizio come le sovvenzioni alle istituzioni private ed alle economie domestiche (9,4%). Alle spese d'esercizio vanno ad aggiungersi gl'investimenti. A tale proposito è interessante sottolineare che le spese d'investimento nel 2000 hanno raggiunto nuovamente il valore del 1990, ovvero l'equivalente di 2,2 miliardi di franchi. Fra il 1992 e il 1997 l'importo delle spese d'investimento in termini reali era diminuito del 13,5 per cento.

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA

Servizio informazioni Informazioni: Michele Egloff, UST; Sezione formazione scolastica e professionale, tel.: 032 713 62 71, e-mail: michele.egloff@bfs.admin.ch Erika Moser, UST; Sezione formazione scolastica e professionale, tel.: 032 713 68 32, e-mail: erika.moser@bfs.admin.ch

    Nuova pubblicazione: Dépenses publiques d'éducation - Indicateurs financiers 2000, Neuchâtel: OFS, 2002, numero di ordinazione: 319-0000, prezzo franchi 11.-

Per ordinazioni: tel. 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell'UST all'indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

17.02.03



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: