Bundesamt für Statistik

BFS: Turisti svizzeri nel mondo nel 2001 Lieve calo del numero di viaggi nel 2001

      Neuchâtel (ots) - Nel 2001, i viaggi dei cittadini svizzeri
all'estero sono diminuiti lievemente. In totale sono stati rilevati
12,1 milioni di arrivi alle frontiere estere, che corrispondono a un
calo dell'1,1 per cento in un anno. Nel 2001, anche l'evoluzione a
livello mondiale è stata lievemente negativa: secondo
l'Organizzazione mondiale del turismo (OMT), il numero di arrivi
internazionali è diminuito dello 0,6 per cento nel 2001, situandosi
complessivamente a 696 milioni.

    Secondo l'Ufficio federale di statistica (UST), questo risultato è da attribuire in gran parte alla sfavorevole congiuntura economica del 2001 e agli attentati dell'11 settembre negli Stati Uniti.

    Nel suo rapporto, l'UST si riferisce al numero degli arrivi di cittadini svizzeri in altri Paesi che comprendono almeno un pernottamento all'estero. Oltre alle vacanze vengono quindi considerati anche i viaggi d'affari e di studio. I dati si basano su indagini condotte presso organizzazioni internazionali, ministeri esteri del turismo, uffici statistici e uffici del turismo all'estero.

L'Europa si conferma al primo posto tra le mete di viaggio

    Con non meno di 10,3 milioni di arrivi (-0,3%), l'Europa costituisce da sola l'85% dei viaggi degli Svizzeri all'estero. L'Europa occidentale ha rafforzato la sua posizione di destinazione preferita dai cittadini svizzeri, con 5,9 milioni di soggiorni, ovvero il 2,7 per cento in più dell'anno precedente. L'Europa meridionale si situa ancora al secondo posto con 3,4 milioni di soggiorni, pur avendo registrato un calo del 3,8 per cento. A livello di continenti, nonostante un calo del 10 per cento l'America risulta nuovamente seconda, con un totale di 725'000 arrivi. Seguono l'Asia (543'000/- 0,2%), l'Africa (481'000/-2,9%) e infine l'Oceania (69'000/+2,2%). L'America, come meta di viaggio, ha sofferto non solo degli attentati dell'11 settembre, ma anche della difficile situazione economica e della forza del dollaro statunitense rispetto al franco svizzero: gli arrivi di cittadini svizzeri negli Stati Uniti sono in effetti scesi durante ogni mese del 2001, in particolare in ottobre (-43%), in settembre (-35%), in novembre (-35%) e in dicembre (-21%). Anche il Canada ha registrato un calo degli arrivi di turisti svizzeri (-7%). Nell'America del Nord gli arrivi sono scesi del 16 per cento circa, il peggiore risultato di tutte le regioni considerate (cfr. tabella allegata).

Francia, Italia e Spagna: sempre in testa alla classifica

    Con poco più di 3,8 milioni di arrivi alle frontiere nel 2001 (+143'000/+3,9%), la Francia è di gran lunga la destinazione preferita dagli Svizzeri. L'Italia (1,5 milioni di arrivi) e la Spagna (1,2 milioni) seguono al secondo e al terzo posto, malgrado un calo degli arrivi rispettivamente del 2,9 e dell'11 per cento. La Germania si conferma al quarto rango con 1,1 milioni di arrivi (+0,2%).

    Tra le destinazioni preferite dagli Svizzeri, sono state registrate nuovamente forti progressioni in Turchia (+43'000/+58%), Austria (+42'000/+6%) e Tailandia (+8700/+7,6%). E' invece sceso il numero di cittadini svizzeri che si sono recati in Egitto (-3200/-3,1%). Nemmeno il notevole aumento delle presenze nel 1999 e nel 2000 è riuscito a compensare interamente le massicce perdite subite nel 1997/98 in seguito agli attentati di Luxor.

    E' stato osservato un forte aumento percentuale dei turisti svizzeri in Paesi dell'Est quali la Bulgaria (+33%), l'Estonia (+30%), la Croazia (+28%), la Slovacchia (+26%), la Slovenia (+17%) e la Repubblica ceca (+15%).

Persiste la passione per le mete lontane

    Nonostante gli attentati dell'11 settembre, le mete lontane continuano ad esercitare una grande attrazione. Come osservato in precedenza, la Tailandia continua ad essere una delle destinazioni preferite dai cittadini elvetici. L'Australia ha rilevato un nuovo aumento degli arrivi (49'000 arrivi/+1,7%). Anche nell'anno in rassegna la Malaysia (+10'200/+100%) e la Réunion (+1100/+35%) hanno esercitato un grande fascino sui turisti svizzeri.

La Svizzera resta la meta di viaggio preferita dai cittadini elvetici

    Nel 2001, poco più di 6,23 milioni di ospiti elvetici hanno pernottato negli alberghi e nelle case di cura del nostro Paese, ciò che costituisce un aumento del 2,8 per cento rispetto al 2000. La Svizzera resta così la prima meta di viaggio dei cittadini svizzeri, davanti alla Francia (3,8 milioni di passaggi di frontiera). Questo risultato diventa ancora più schiacciante se si considerano anche gli arrivi nel settore paralberghiero, che dal 1993 non vengono più registrati.

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA

Servizio informazioni

    Informazioni:

Peter Liechti o Barbara Jeanneret, UST, Sezione turismo, tel. 031/323 67 14 o 031/323 63 21

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell'UST all'indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

    Nuova pubblicazione:

    La pubblicazione Les touristes suisses à l'étranger, 2001 sarà disponibile nel gennaio 2003.

19.12.02



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: