Bundesamt für Statistik

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel novembre 2002 Livello dei prezzi in calo

      Neuchâtel (ots) - Nel novembre 2002, l'indice totale dei prezzi
alla produzione e all'importazione calcolato dall'Ufficio federale
di statistica (UST) è diminuito dello 0,3 per cento rispetto al mese
precedente, situandosi ad un livello di 95,5 punti (base maggio 1993
= 100). Questa diminuzione è dovuta soprattutto al calo dello 0,7
per cento dei prezzi all'importazione, tenendo presente che la
flessione dei prodotti importati è da ricondurre principalmente al
calo dei prezzi dei prodotti petroliferi e dei sistemi informatici.
I prodotti indigeni hanno invece registrato solo una flessione
minima dello 0,1 per cento. Su base annua, il livello dei prezzi
dell'offerta totale di prodotti indigeni e importati è sceso dello
0,4 per cento.

Leggera diminuzione dei prezzi alla produzione

    Nel novembre del 2002, l'indice dei prezzi alla produzione calcolato dall'Ufficio federale di statistica è diminuito dello 0,1 per cento rispetto al mese precedente ed ha così raggiunto il livello di 95,5 punti (base maggio 1993 = 100). Nel confronto su base annua è stato rilevato un calo dello 0,3 per cento. L'indice mostra l'andamento dei prezzi dei prodotti indigeni al momento in cui lasciano la fabbrica. I servizi non sono compresi.

    Rispetto al mese precedente è stata registrata una diminuzione dei prezzi per bovini da macello, carne bovina, carta e prodotti di carta, prodotti petroliferi e della maggior parte delle voci dell'industria chimica (coloranti e pigmenti, prodotti organici, concimi, materie plastiche in forma primaria, prodotti farmaceutici, prodotti ausiliari). Ciò vale anche per articoli in gomma e materie plastiche, vetro, macchine e apparecchi elettrici, nonché energia elettrica. Un aumento dei prezzi è stato invece rilevato per ortaggi, latte crudo (soprattutto per motivi stagionali), vitelli da macello, suini da macello, mattoni in terracotta e orologi.

Importazioni notevolmente meno care

    Nel novembre 2002, l'indice dei prezzi all'importazione calcolato dall'Ufficio federale di statistica è diminuito dello 0,7 per cento rispetto al mese precedente. Il livello dell'indice si attesta a 95,5 punti (base maggio 1993 = 100), ovvero ad un livello inferiore dello 0,6 per cento a quello dello scorso anno. L'indice dei prezzi all'importazione viene rilevato in aggiunta all'indice dei prezzi alla produzione e segna l'andamento dei prezzi di una selezione di prodotti sdoganati e franco frontiera.

    Rispetto al mese precedente un calo dei prezzi è stato rilevato oltre che per i prodotti petroliferi (olio da riscaldamento, carburante, olio minerale lubrificante) e i sistemi informatici, anche per i prezzi di cacao, prodotti alimentari e carta (materie prime incluse). I prezzi sono diminuiti anche per vetro piano, piastre di ceramica, acciaio legato, apparecchi per la comunicazione e mobili per ufficio. Un aumento dei prezzi è stato invece rilevato per cereali, cotone grezzo, agrumi, caffè, articoli in cuoio e articoli da viaggio nonché metalli non ferrosi e prodotti relativi.

Calo dei prezzi del trasporto di merci

    Conformemente all'indice dei prezzi per il trasporto di merci, introdotto nel 2001, nel semestre fra l'aprile e l'ottobre del 2002 i prezzi per il trasporto merci sono diminuiti in media dello 0,3 per cento. I prezzi del traffico stradale sono calati dello 0,4 per cento e quelli del traffico ferroviario dello 0,2 per cento. Su base annua, il livello dei prezzi del trasporto di merci è sceso, sotto l'influsso della congiuntura debole, dell'1,3 per cento.

Trasporto merci su rotaia

    Fra l'aprile e l'ottobre del 2002, i prezzi dei trasporti su rotaia hanno mostrato in generale una lieve tendenza al ribasso (-0,2%). Un calo significativo dei prezzi è stato rilevato per il trasporto di petrolio (-2,4%). Mentre per il trasporto internazionale nel gruppo «vagoni di altre categorie» è stato registrato un aumento dei prezzi (1,1%). Rispetto all'anno precedente i prezzi sono scesi in generale dell'1,3 per cento.

Trasporto merci su strada

    Fra l'aprile e l'ottobre 2002 i prezzi dei trasporti su strada sono scesi in media dello 0,4 per cento. Nella maggior parte dei mercati parziali sono state rilevate diminuzioni di prezzi in particolare per i trasporti frigoriferi (-0,9%), i trasporti di petrolio (- 1,1%), i trasporti di container (-0,9%) e i trasporti edili (-1,1%). Solo il trasporto nazionale a collettame ha presentato un leggero aumento dei prezzi (0,3%). Su base annua i prezzi sono diminuiti in media dell'1,3 per cento.

Metodologia

    Analogamente agli altri indici dei prezzi alla produzione, la ponderazione dei singoli sottogruppi (rotaia, strada e relativi mercati parziali) dell'indice dei prezzi per il trasporto di merci verrà mantenuta costante per alcuni anni. Il mese di aprile del 2001 (indice = 100 punti) costituisce la base per il nuovo indice dei prezzi calcolato a scadenza semestrale nei mesi di aprile ed ottobre. La rilevazione si basa su circa 500 notifiche di prezzi. I prezzi comprendono la tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (TTPCP) ma non l'imposta sul valore aggiunto. I prezzi vengono notificati in franchi svizzeri. Se vengono notificati in valuta estera vengono convertiti in franchi svizzeri secondo la prassi applicata agli altri comparti dell'indice dei prezzi alla produzione.

La descrizione delle basi metodologiche figura nella pubblicazione «Produzentenpreisindex für den Güterverkehr, April 2001 = 100. Grundlagen», Neuchâtel 2002. Ordinazioni: tel. 032 713 60 60

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA

Servizio informazioni

I risultati principali figurano nelle tabelle e nei grafici allegati. ____________________

    Informazioni:

Andreas Fankhauser, UST, Sezione prezzi e consumo, tel.: 032/713 63 07

Hans Udry, UST, Sezione prezzi e consumo, tel.: 032/713 69 95

Ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: Ruedi.Jost@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell'UST all'indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

19.12.02



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: