Bundesamt für Statistik

BFS: Statistica forestale 2001 Produzione di legname sempre elevata

      (ots) - Il volume di legname raccolto nei boschi svizzeri e
commercializzato l'anno scorso ha raggiunto 5,7 milioni di metri
cubi. Questa quantità rappresenta il 40 per cento in meno dell'anno
precedente, ma pur sempre il 25 per cento in più di una raccolta
media prima che si abbattesse l'uragano Lothar. Dopo un calo del 30
per cento nel 2000, i prezzi del tondame da sega sono risaliti
mediamente del 20 per cento durante il 2001, ciò che fra l'altro ha
apportato un leggero miglioramento del bilancio delle aziende
forestali pubbliche, il cui deficit è così diminuito rispetto al
2000. E' quanto emerge dalla statistica forestale del 2001 appena
pubblicata congiuntamente dall'Ufficio federale di statistica (UST)
e dalla Direzione federale delle foreste (UFAFP).

    Il legname commercializzato in Svizzera nel 2001 ha raggiunto il volume di 5,7 milioni di metri cubi. Esso corrisponde al 39 per cento in meno rispetto al 2000, anno in cui la raccolta era raddoppiata in seguito al disastro causato dall'uragano Lothar nel dicembre 1999, ma rappresenta pur sempre il 25 per cento in più della media delle raccolte dal 1995 al 1999. Nel 2001, i cantoni maggiormente colpiti dall'uragano (NW, OW, BE, ZH, LU, SZ, ZG, FR, SH e AG ) hanno ancora venduto tra il 29 per cento (ZH) e il 73 per cento (BE) in più rispetto alla loro produzione media. I cantoni che sono stati risparmiati dall'uragano (GR, VS, TI, UR, GL), che avevano già ridotto la loro produzione di legname nel 2000, hanno commercializzato nel 2001 meno dell'80 per cento della loro produzione media prima che si abbattesse l'uragano Lothar.

    Le aziende forestali pubbliche (70% della superficie boschiva) hanno commercializzato il 68 per cento del volume di legname tagliato, il resto è stato venduto dai proprietari privati. Le piante resinose costituiscono il gruppo più importante (72% del volume prodotto prima di Lothar e 80% dopo). In base alla sua utilizzazione, il legname prodotto è ripartito in tre assortimenti: il legname da sega o tondame (70%), il legname da industri (10%) e la legna da ardere (20%).

Commercio estero del legname: esportazioni di tondame sempre molto elevate

    Nel 2001, le esportazioni complessive di tronchi sono diminuite del 17 per cento raggiungendo 2,07 milioni di tonnellate, pari a circa 3,2 milioni di metri cubi, una quantità che rappresenta ancora due volte e mezzo il volume esportato nel 1999. Gli sbocchi creati nel 2000 presso i nostri diretti vicini sono stati mantenuti: l'Austria ha importato circa 1,5 milioni di m3 di tondoni svizzeri (ossia 30 volte il volume del 1999!), l'Italia ne ha importato il 30 per cento in più del 1999 e la Francia il 16 per cento in più del 2000 portando i suoi acquisti di tondame a circa 216'000 tonnellate. Sono state inoltre esportate 32'800 tonnellate di legna da ardere, principalmente verso l'Italia (10% in più del 2000), 35'300 tonnellate di legname da industria, in Italia e in Francia (10% in più del 2000) e 311'400 tonnellate di segatura (+14%, principalmente in Italia).

    Le importazioni di legname sono ulteriormente diminuite. Le importazioni di tronchi, il cui volume ha raggiunto 108'632 tonnellate, hanno subito un calo del 35 per cento rispetto all'anno precedente; al contrario, le importazioni di legname da industria sono salite a 78'788 tonnellate (+10% rispetto al 2000) e quelle di trucioli e scaglie hanno raggiunto 163'326 tonnellate (+12%).

Ancora un deficit delle aziende forestali

    Dopo il calo del 30 per cento durante il 2000, i prezzi del tondame da sega sono risaliti del 20 per cento nel 2001 (in media del 30% per le resinose e del 3% per le latifoglie), apportando così un miglioramento al bilancio delle aziende forestali pubbliche. Le entrate complessive hanno raggiunto 446 milioni di franchi (-102 milioni di fr./-19%), di cui 223 milioni per la produzione del legname (-76 milioni di fr. /-26%); le spese sono pure scese: a 528 milioni di franchi (-18%) complessivamente, e a 353 milioni di franchi (-23%) per la produzione del legname. In tal modo il deficit totale delle aziende forestali pubbliche è passato da 94 a 82 milioni di franchi (-12%) e da 158 a 130 milioni di franchi per la produzione del legname (-18%). Questa diminuzione del deficit va tuttavia relativizzata in quanto la statistica forestale censisce unicamente le entrate e le uscite effettive intervenute durante l'anno. In effetti, una parte del legname venduto nel 2001 era stato già preparato nel 2000, una parte degli introiti proveniva da consegne effettuate e annunciate nel 2000 e una parte dei sussidi per il 2000 è stata versata solo nel 2001. L'eccedenza delle spese totali per metro cubo di legname preparato è stata di 21 fr./m3 (18 fr./m3 nel 2000). Questa eccedenza è più elevata benché il deficit sia più debole (-12%) perché concerne un volume di legname proporzionalmente più limitato (-40%).

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA

    Servizio informazioni Informazioni:

Jean Friedli, UST, Sezione agricoltura e selvicoltura, tel. : 032 713 64 47

Thomas Grünenfelder, Direzione federale delle foreste, UFAFP, tel. : 031 324 77 90

    Nuova pubblicazione:

    La forêt et le bois, Annuaire 2002 (uscirà nel dicembre 2002).

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell'UST all'indirizzo: http://www.statistique.admin.ch/bfs alla pagina: stat_ch/ber07/dtfr07.htm

    Novità:

    Per la prima volta, i risultati della statistica forestale per gli anni dal 1975 al 2000possono essere ottenuti su Internet: http://www.agr-bfs.ch (2001 nei prossimi giorni).

21.08.2002



Ces informations peuvent également vous intéresser: