Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Il TCS chiede un esplicito elenco di tutte le informazioni raccolte nell'automobile

Bern (ots) - I veicoli moderni raccolgono e memorizzano numerosi dati, molti dei quali sono trasmessi ai costruttori. Queste informazioni servono per le diagnosi a distanza, l'eliminazione dei difetti e la ricerca sugli incidenti. Tuttavia, alcuni di questi dati raccolti riguardano lo stile di guida del conducente e la mobilità del veicolo. Per il TCS, tale pratica è problematica. Il Club esige dai costruttori più trasparenza e maggior coinvolgimento dei proprietari dei veicoli a salvaguardia dei loro diritti.

GPS, internet, computer di bordo, sensori e telecamere installati nell'auto aumentano il comfort, migliorano la sicurezza e la maneggevolezza, ma consentono anche di sorvegliare continuamente il veicolo e il suo conducente. Molti automobilisti non si rendono conto che questi sistemi potrebbero alimentare segretamente il server del costruttore, definendo profili personalizzati sul modo di guida e le abitudini d'utilizzo del veicolo. La trasmissione dei dati non avviene solo quando l'auto è ferma in garage, ma di continuo attraverso la radiotelefonia mobile.

Il test

Per farsi un'idea precisa della quantità di dati e del genere di informazioni raccolte nelle moderne automobili, il TCS, in collaborazione con la FIA (Federazione Internazionale dell'Automobile), ha esaminato i dispositivi di comando dei modelli: BMW 320d, BMW i3, Mercedes-Benz Classe B e Renault Zoe. Gli esperti sono stati sorpresi dalla valanga di dati memorizzati rispetto all'analisi che mette in luce solo una piccola parte delle informazioni effettivamente raccolte e registrate. Molti dati sono di natura tecnica: raccolgono gli errori di funzionamento di diverse componenti, servono a migliorare la sicurezza ed eseguire una diagnosi. Tuttavia, com'era lecito intuire, le quattro vetture immagazzinano anche numerosi "dati sugli utenti", ossia informazioni sensibili che permettono di allestire il profilo sul modo di guida del conducente, sugli spostamenti e sull'utilizzo del veicolo. Perché, per esempio, la BMW 320d registra il numero massimo dei giri del motore con il relativo chilometraggio? O ancora, la durata dei tragitti e tutte le fasi di funzionamento del cambio automatico? Come mai la BMW i3 rileva le ultime 100 posizioni di sosta del veicolo? I risultati di questi esami non sono paragonabili tra loro, in quanto il sistema d'analisi non è uguale per le quattro automobili.

Cliccare qui per consultare i risultati completi del test su www.test.tcs.ch

Possibilità di affari di ogni tipo

I "dati raccolti relativi agli utenti" possono dire molto, ma non sempre nell'interesse del proprietario del veicolo. Per esempio, le assicurazioni e le società leasing, in caso d'incidente, possono ridurre le loro prestazioni controllando le registrazioni precise della posizione del pedale del gas e della frenata al momento della collisione. Altra possibilità: un conducente che viaggia molto a velocità elevata o che frena frequentemente in modo brusco potrebbe venire classificato nella categoria degli automobilisti "a rischio" e quindi pagare premi più elevati o, in caso di danno, subire una riduzione delle prestazioni di garanzia. Inoltre, per i servizi di manutenzione, i costruttori possono "indirizzare" le loro automobili nei garage convenzionati. Le moderne automobili raccolgono, immagazzinano e inviano più informazioni di quante numerosi utenti possano immaginare. Attualmente, solo il costruttore dell'auto conosce questi dati e può accedervi, mentre il titolare del veicolo non ha praticamente alcuna possibilità d'intervento. Firmando il contratto d'acquisto, è sovente tenuto a sottoscrivere clausole che vanno in questo senso.

Conclusione ed esigenze

I costruttori d'automobili devono dar prova di maggiore trasparenza per non essere sospettati di abusare della fiducia dei loro clienti. Il TCS esige: il libero accesso ai dati, la loro sicurezza e la possibilità di controllo da parte del detentore del veicolo.

   - I costruttori di automobili devono fornire in modo trasparente e
     pubblico tutti i dati raccolti, immagazzinati e trasmessi.
   - Questi elenchi di dati devono poter essere consultati facilmente
     dall'acquirente.
   - Al momento del lancio di nuovi modelli, l'elenco dei dati 
     dev'essere controllato da un'autorità indipendente per 
     verificare il rispetto delle norme legali sulla protezione dei 
     dati.
   - Con controlli a campione, occorre accertare se i costruttori 
     presentano l'elenco completo dei dati.
   - I proprietari di veicoli, i garage non convenzionati e i 
     soccorritori in caso di panne devono poter leggere liberamente 
     tutti i dati registrati nel veicolo. Le procedure di 
     registrazione devono essere messe in sicurezza in modo adeguato 
     per poter rispondere a questa esigenza.
   - I costruttori hanno l'obbligo di rispettare le attuali norme 
     sulla protezione dei dati. 

A parte i dati il cui utilizzo è stabilito dal legislatore (per es.: controllo dei gas di scappamento o eCall), il proprietario del veicolo deve poter disattivare in modo semplice la gestione e la trasmissione dei dati se quest'ultimi non sono indispensabili al funzionamento del veicolo, senza pregiudicare la qualità delle prestazioni di servizio alle quali ha diritto.

Contatto:

Renato Gazzola, portavoce del TCS, 079 686 08 80,
renato.gazzola@tcs.ch

Le foto del TCS sono su Flickr -
www.flickr.com/photos/touring_club/collections.
I video del TCS sono su Youtube - www.youtube.com/tcs.

www.pressetcs.ch



Plus de communiques: Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Ces informations peuvent également vous intéresser: