Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Assemblea ordinaria dei delegati del TCS a Basilea: chiare esigenze in merito al progetto FOSTRA e sostegno per il tunnel di risanamento del San Gottardo

Bern (ots) - L'assemblea ordinaria dei delegati del TCS a Basilea ha confermato Peter Goetschi alla carica di presidente centrale. A grande maggiorenza, i delegati hanno approvato una risoluzione sul Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA) nella quale esigono che la strada e la ferrovia siano prese in considerazione in modo paritetico. L'assemblea si è pure chiaramente espressa in favore della costruzione di un tunnel di risanamento al San Gottardo. Il conto annuale 2014 del TCS si è chiuso con un fatturato netto di 326 milioni di franchi e un risultato consolidato di 3,4 milioni di franchi.

L'assemblea ordinaria dei delegati del Touring Club Svizzero, la maggiore associazione della mobili della Svizzera, svoltasi venerdì 26 giugno 2015, a Basilea, oltre alle normali trattande statutarie inerenti l'esercizio 2014, ha proceduto alla rielezione del presidente centrale e del consiglio d'amministrazione, nonché dibattuto su temi sulla politica dei trasporti.

Anche nel 2014, il TCS sempre a fianco dei propri soci L'esercizio 2014 del TCS è stato caratterizzato dal consolidamento in seguito ai problemi conseguenti l'introduzione nel 20013, del Customer Relationship Management (CRM). Nel corso dell'anno si sono risolte alcune lacune di qualità, ma s'è dovuto ridurre le attività di marketing, con conseguenze sul fatturato e sul risultato annuale. Nonostante queste difficoltà, il centro di contatto (CC), principale interlocutore per i soci del Club, ha risposto a 1,2 milioni di domande scritte o telefoniche. Anche i punti di contatto delle sezioni, chiamati a informare frequentemente sul societariato e sui servizi del TCS, sono stati parecchio sollecitati. Le 530'000 chiamate giunte allo 0800 140 140 della Centrale di pronto intervento e di assistenza, sono sfociate in oltre 380'000 interventi di soccorso della Patrouille TCS e dei suoi partner. La Centrale d'intervento ETI ha registrato 108'998 chiamate. Per il presidente centrale del TCS Peter Goetschi, questi dati sono la prova evidente che lo slogan "TCS. Sempre al mio fianco" è una realtà vissuta.

Il TCS ha potenziato sensibilmente gli affari B2B, in atto da vari decenni, nell'assistenza veicoli. Tuttavia, gli effetti positivi sul fatturato di queste attività saranno visibili soltanto dall'esercizio 2015. Nel settore assicurativo, i prodotti di protezione giuridica privata e circolazione del TCS sono sempre in buona posizione. Circa 45'200 persone hanno frequentato i 4'630 corsi di guida e di sicurezza stradale proposti da TCS Training & Events SA. I due alberghi e i 27 campeggi del TCS hanno registrato un lieve calo del fatturato, a causa delle cattive condizioni meteorologiche. L'Accademia della mobilità ha consolidato la sua posizione nei settori della mobilità elettrica e collaborativa.   Chiare richieste sull progetto FOSTRA Nella risoluzione, adottata a grande maggiorenza, sul Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA), i delegati del TCS formulano precise richieste. 1° richiesta: Confederazione e cantoni devono essere obbligati a mettere a disposizione una rete stradale efficiente. 2° richiesta: la parte vincolata del gettito d'imposta sugli oli minerali destinata alla strada dev'essere aumentata dall'attuale 50% ad almeno il 60%. 3° richiesta: i delegati del TCS ammettono un aumento massimo di 3 cts. della soprattassa sui carburanti e non di 6 centesimi come progettato, sempre se gli altri introiti non bastassero per la realizzazione di progetti pronti. 4° richiesta: l'imposta sull'importazione di autoveicoli deve andare a favore della strada. 5° richiesta: il FOSTRA non deve, in ogni caso servire al finanziamento di progetti ferroviari.

Deciso impegno a favore del tunnel di risanamento al San Gottardo La costruzione di un secondo tunnel per permettere il risanamento della galleria stradale del San Gottardo è stato un tema centrale dell'Assemblea. Per il TCS, il risanamento dell'attuale tunnel grazie alla realizzazione di una seconda canna costituisce la soluzione migliore, la più sostenibile e quella che garantisce la maggiore sicurezza agli automobilisti. Il carico dei veicoli sul treno per tutta la durata dei lavori comporterebbe la realizzazione di enormi infrastrutture di carico nei cantoni di Uri e del Ticino, che nessuno vuole. Dopo tre anni, le stesse dovrebbero essere smantellate per poi essere rimontate per il prossimo risanamento della galleria stradale. Per il vicepresidente del TCS Thierry Burkart si tratta di un "controsenso economico che, oltre a ciò, a causa del traffico deviato, provocherebbe un caos anche su altre strade".

Elezioni

Peter Goetschi, presidente centrale del TCS, in carica dal 2012, è stato rieletto all’unanimità.Avvocato friburghese di 49 anni, Peter Goetschi presiederà il più grande Club della mobilità della Svizzera per altri tre anni. Sono stati riconfermati anche i 13 membri del consiglio d'amministrazione ripresentatisi ed eletti, al posto degli uscenti Oskar Vollenweider, Peter Steiner e Urs Jakober, Toni Epp (Uri), Peter Schilliger (Waldstätte) e Thomas Ulrich (Zugo).

Testo della risoluzione su FOSTRA (Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato)

Per il TCS, l'istituzione di un fondo stradale costituisce una richiesta prioritaria da anni.

Il Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA) e il Programma di sviluppo strategico delle strade nazionali (PROSTRA), che ne fa parte, mirano a fissare, in un concetto a lungo termine, lo sviluppo e il finanziamento dell'infrastruttura stradale. Per il TCS è essenziale che questo progetto definisca coerentemente un'uguaglianza di trattamento tra le infrastrutture stradali e quelle ferroviarie.

Per rispondere a queste condizioni e, beneficiare del sostegno attivo del TCS, il progetto deve ottemperare alle seguenti richieste:

1. Il progetto contiene un articolo costituzionale finalizzato a costringere la Confederazione e i cantoni a mettere a disposizione un'infrastruttura stradale efficiente.

2. La parte vincolata dell'imposta sugli oli minerali è aumentata dal 50% al 60%. Nel caso in cui la necessità finanziaria, nell'ambito dei dibattiti parlamentari, fosse aumentata (p.es. attraverso l'assunzione del decreto sulla rete), il finanziamento deve prima di tutto essere garantito da un aumento supplementare della parte vincolata dell'imposta sugli oli minerali.

3. Se, nonostante la nuova attribuzione dell'imposta vincolata sugli oli minerali, fossero ancora necessari mezzi supplementari, potrebbe essere preso in considerazione un aumento moderato di al massimo 3 centesimi della soprattassa sui carburanti.

4. Gli introiti dell'imposta sugli autoveicoli devono essere attribuiti al 100% al Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato, indipendentemente dalla situazione finanziaria della Confederazione o dal Finanziamento speciale del traffico stradale.

5. Nell'ambito dei programmi per gli agglomerati, vengono cofinanziati dal FOSTRA soltanto progetti stradali o quelli dei trasporti pubblici legati alla strada.

Aggiornamento da 2015/06/29

Contatto:

Renato Gazzola, portavoce del TCS, 079 686 08 80,
renato.gazzola@tcs.ch



Plus de communiques: Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Ces informations peuvent également vous intéresser: