Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Canicola: attenzione, l'auto posteggiata al sole diventa una trappola

Bern (ots) - Emmen, 25 giugno 2015. I veicoli posteggiati sotto il solleone possono, diventare roventi, in breve tempo: la temperatura della carrozzeria raggiunge gli 80 gradi e quella interna può superare i 40°C. Il TCS ha misurato in modo preciso il surriscaldamento di un'automobile e spiega com'è possibile evitare rischi per persone e animali.

Le misurazioni sono state fatte in laboratorio, con l'ausilio di proiettori UV, simulando le condizioni di una giornata estiva media europea, con temperatura esterna di 25 gradi. È stato dimostrato che, in caso di radiazione solare diretta, sulla superficie esterna e nell'abitacolo di un'automobile possono svilupparsi velocemente temperature dannose e pericolose per persone e animali.

Dopo 20 minuti si raggiungono già 70 gradi Nei primi 20 minuti, a surriscaldarsi il più velocemente è la carrozzeria della vettura, con chiare differenze dipendenti dal suo colore. Il termometro raggiunge, in un'auto di color bianco, temperature da 25 a 55 gradi, mentre in un'auto nera, nello stesso tempo, segna 70 gradi. In seguito, la temperatura non aumenta più così velocemente: dopo un'ora, la vettura bianca supera i 60°C, mentre quella nera gli 80°C. Un veicolo di color nero assorbe di più i raggi solari, quindi si riscalda più velocemente e maggiormente. Tuttavia, le due carrozzerie raggiungono una temperatura talmente elevata che un semplice contatto può causare bruciature e danni alla pelle.

Temperature critiche per persone e animali Indipendentemente dal colore della carrozzeria, l'abitacolo si surriscalda più o meno in modo uguale. Anche in questo caso, le temperature possono raggiungere velocemente livelli critici per persone e animali: dopo 60 minuti, sul cruscotto la temperatura sfiora gli 80°C e, all'altezza del capo, raggiunge quasi i 45°C.

Pellicola di protezione solare più efficace dei finestrini aperti Per evitare il surriscaldamento eccessivo della carrozzeria, l'unica soluzione è posteggiare l'auto all'ombra. Per l'abitacolo, i finestrini laterali leggermente aperti non hanno un effetto significativo sulla circolazione dell'aria, invece, una pellicola di protezione solare, sistemata contro il parabrezza, consente di ridurre sensibilmente la temperatura interna: con questa pellicola, dopo 60 minuti, essa raggiunge appena i 35°C sul cruscotto e i 32°C nell'abitacolo. La pellicola di protezione solare, per essere efficace, deve avere una superficie a specchio, molto riflettente.

Consigli per la riduzione dei rischi per la salute Colore del veicolo, variazioni della temperatura esterna e mutamento dell'irradiazione solare sono fattori che possono provocare un surriscaldamento supplementare. Temperature molto elevate possono, dopo breve tempo, rivelarsi pericolose per persone e animali; di conseguenza, il TCS raccomanda di osservare i seguenti punti:  

   -	Evitare di rimanere in una vettura chiusa, non climatizzata e 
esposta ai raggi solari. Anche in caso di brevi soste, bambini e 
animali non vanno mai lasciati in auto. -	Bruciature e danni alla 
pelle possono verificarsi già a partire da 51°C e nel volgere di 
pochi secondi. Occorre, quindi, salendo in macchina, far attenzione 
nel toccare sedili, volante, leva del cambio o altre componenti 
interne. -	Prima di prendere posto nell'auto, si consiglia di 
ventilare l'abitacolo. -	La differenza di temperatura tra l'abitacolo
climatizzato e l'ambiente esterno non deve superare i 6°C. Maggiori 
differenze di temperatura possono nuocere all'organismo e provocare, 
per esempio,un raffreddore. 

Contatto:

Contatto per i media
Renato Gazzola, portavoce del TCS, 079 686 08 80,
renato.gazzola@tcs.ch


Le foto del TCS sono su Flickr -
www.flickr.com/photos/touring_club/collections.
I video del TCS sono su Youtube - www.youtube.com/tcs.

www.pressetcs.ch



Plus de communiques: Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Ces informations peuvent également vous intéresser: