Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Differenze tra l'effettivo consumo di carburante e i dati di fabbrica: il TCS propone un metodo di misura più reale

Bern (ots) - Per raggiungere i valori limite di CO2 fissati dall'UE, i costruttori d'automobili continuano lo sviluppo di motori sempre più parsimoniosi. Risultato: il consumo di carburante rilevato in laboratorio è in costante diminuzione. Per contro, il "consumo effettivo", calcolato nel 2014 dal TCS, secondo proprie misure, era in media superiore di circa 1,5 l/100 km rispetto i dati di fabbrica. Per il TCS, basterebbe modificare leggermente il metodo di misura per avere, anche sui banchi di prova, dei risultati più vicini alla realtà.

Paragonando i risultati del consumo di 350 vetture, fatte dal TCS dal 1996 secondo il "Nuovo ciclo di guida europeo" (NCGE) nel percorso "misto", questi, corrispondono generalmente ai dati di fabbrica, ma si discostano dal "consumo effettivo". Infatti, le misurazioni del TCS, rilevate nel 2012 e 2013, indicano un consumo superiore di 1,1 l/100 km rispetto ai valori calcolati sul banco di prova e, nel 2014, la differenza è aumentata a 1,5 l/100 km.

Alternativa al contestato metodo NCGE

Il metodo NCGE, risalente agli anni 90, è ritenuto obsoleto dagli specialisti. Anche la Commissione economica CEE-ONU ha adottato il ciclo WLTC (Worldwide Light Duty Test Cycle), ma sono ancora aperte discussioni sulle procedure di questo procedimento e il relativo sistema di misurazione e di regolazione di laboratorio.

Nell'intento di ottenere risultati più vicini alla realtà rispetto al solo procedimento NCGE, il TCS ha sviluppato il metodo perfezionato "TCS-P". Le misurazioni NCGE-"TCS-P" compiute negli ultimi tre anni su 12 veicoli, scelti a caso, hanno riscontrato un consumo medio superiore di 1,1 l/100 km ai dati di fabbrica, mentre lo scarto addizionale di solo 0,3 l/100 km, su un tragitto di 3000 chilometri, può essere considerato come vicino alla realtà.

Tenuto conto delle differenze tra i valori misurati e, nell'interesse di un'informazione trasparente ai consumatori, il TCS conferma che il consumo calcolato, nel percorso "misto", con il ciclo NCGE è sempre una valida base di paragone tra i vari modelli di auto. Tuttavia, solo il "consumo effettivo" è essenziale per il calcolo delle spese reali dell'utente. Il metodo di misurazione "TCS-P", sviluppato dal Club, conferma che è possibile ottenere, nell'ambito del ciclo NCGE ma con una procedura più vicina alla pratica, valori relativamente poco distanti dal "consumo effettivo".

Consigli del TCS

Il consumo supplementare di 1,5 l/100 km rilevato mediamente rispetto ai dati di fabbrica, può essere ridotto con uno stile di guida "economico". Ecco alcuni utili consigli:

   -	guidare in maniera previdente e inserire rapidamente la marcia 
superiore; -	evitare il trasporto di peso inutile. Regola: 100 kg di 
peso in più = maggior consumo di 0,5 l/100 km; -	controllare 
regolarmente la pressione delle gomme e, se necessario, adattarla; -	
disinserire inutili consumatori di elettricità, come il riscaldamento
del lunotto posteriore e dei sedili, spegnere la climatizzazione. 

Nei propri centri di guida, il TCS propone corsi "Eco-Drive" per imparare a condurre in modo parsimonioso: http://www.tcs.ch/it/corsi/eco-drive.php

Adattamento per il ciclo NCGE "TCS-P"

Climatizzazione o ventilazione attivata: climatizzatore automatico regolato a 3°C al di sotto della temperatura ambiente; posizione media per i climatizzatori a regolazione manuale; ventilazione a 1/3 della potenza massima nelle vetture sprovviste di climatizzazione.

   -	Fari anabbaglianti accesi: se esistono, accensione dei fari 
diurni. -	Radio, navigatore e/o apparecchio multimedia accesi. -	 
Massa inerziale: essa si basa sul peso effettivo del veicolo testato 
e controllato su una bilancia ufficiale. -	Veicoli ibridi: questi 
ultimi sono presentati 1 x al ciclo NCGE con batterie completamente 
cariche (secondo indicazione), quindi condizionate. 

Alcuni di questi adattamenti hanno l'effetto di neutralizzare un eventuale sistema di riconoscimento del ciclo installato nella vettura. È impedito anche un disinserimento della ricarica della batteria, così come una reazione troppo rapida della funzione start-stop.

Contatto:

Renato Gazzola, portavoce del TCS, 079 686 08 80,
renato.gazzola@tcs.ch

Le foto del TCS sono su Flickr -
www.flickr.com/photos/touring_club/collections.
I video del TCS sono su Youtube - www.youtube.com/tcs.

www.pressetcs.ch



Plus de communiques: Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Ces informations peuvent également vous intéresser: