Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Affrontare la nuova stagione ciclistica con i consigli del TCS

Bern (ots) - Chi, per il periodo invernale, non ha riposto correttamente la bici o l'e-bike, in primavera, la ritrova con gomme sgonfie, catena arrugginita e incrostazioni varie. Per rimettere in sesto la bici, seguite i pratici consigli del TCS che aiutano a iniziare la nuova stagione ciclistica senza problemi.

Per l'inverno è meglio lasciare la bicicletta in un luogo asciutto, oscuro e fresco, possibilmente appesa per conservare meglio i pneumatici e coperta da un lenzuolo per la polvere, così si evita che la vernice sbiadisca anzitempo e che le gomme invecchino prematuramente. A chi possiede una bicicletta con freni idraulici, è consigliato azionare, di tanto in tanto, le leve dei freni per evitare che i pistoncini si blocchino nei cilindri.

Una buona sistemazione invernale facilita la pulizia in primavera Con la primavera alle porte, è il momento di preparare biciclette ed e-bike sottoponendole a pulizia, lubrificazione, verifica della pressione delle gomme e controllo generale di tutte le parti. Mai usare l'idropulitrice: si corre il rischio che l'acqua, in pressione, penetri nei cuscinetti, danneggiandoli. È meglio prelavare le biciclette con la canna dell'acqua o servendosi di secchio e spugna. Punti difficilmente accessibili, come: leve del cambio, catena e freni, si puliscono più facilmente con una piccola spazzola. Per levare lo sporco tenace, utilizzare un liquido detergente adeguato, quindi risciacquare e asciugare con un panno; per conservare meglio la bici, strofinarla con uno straccio leggermente imbevuto d'olio, ad eccezione dei freni.

Lubrificazione completa, ma attenti ai freni Le catene delle biciclette per non arrugginire e cigolare hanno bisogno di cura: oliare la catena sul filamento inferiore, quando inizia a luccicare. Se la catena è molto sporca, pulirla facendola scorrere attraverso due vecchi spazzolini per le unghie e poi in uno straccio imbevuto d'olio, così si toglie la sporcizia più grossolana; si sconsiglia un bagno in un prodotto detergente, perché farebbe sciogliere anche il grasso dalle maglie della catena. Dopo la pulizia, bisogna versare qualche goccia d'olio sul filamento inferiore della catena, facendo girare la pedaliera all'indietro, per lubrificare bene tutte le maglie. Oliare ogni tanto la catena, affinché la sporcizia non la impiastri, come se si utilizzasse un lubrificante viscoso.

Anche i meccanismi del deragliatore posteriore, del cambio, della pedivella, delle leve dei freni e della sospensione della sella hanno bisogno di lubrificazione, mentre le parti telescopiche della forcella e il braccio oscillante posteriore necessitano, di tanto in tanto, di un po' di grasso sui cuscinetti. Attenzione: dischi, pastiglie dei freni e cerchioni non devono entrare in contatto con lubrificanti e grasso, perché la potenza di frenata si riduce drasticamente.

Controllare: pneumatici, luci e freni

Durante la pausa invernale, le camere d'aria possono sgonfiarsi, quindi ristabilire la pressione dell'aria. Il valore è indicato sul lato. Di regola, la pressione varia tra 3 e 5 bar, secondo l'uso che si fa della bicicletta. Una pressione elevata riduce la resistenza alla rotazione e l'aderenza dei pneumatici. Si consiglia: pressione massima sull'asfalto e ridotta sui percorsi sterrati.

Alla prima uscita notturna, verificare prima le luci; se non funzionano, controllare i cavi e gli allacciamenti. Procedere alla sostituzione di lampadine rotte e delle batterie esauste. Freni difettosi sono pericolosi: il funzionamento dell'impianto frenante va quindi controllato, in particolare le guarnizioni, le pastiglie e i dischi. Si consiglia di consultare un esperto per la verifica del livello del liquido dei freni a disco e per altri lavori complicati per le persone inesperte: come la messa a punto dell'assetto delle ruote e la regolazione del cambio.

La manutenzione delle e-bike è uguale a quella delle altre biciclette La manutenzione delle biciclette elettriche è la stessa di quelle convenzionali. Particolare attenzione va prestata alla batteria ad accumulazione che può subire danni a causa del freddo e va dunque conservata separata dalla bicicletta. La condizione ideale per custodire la batteria è un ambiente asciutto con temperature tra 10 e 20 gradi. Evitare che l'accumulatore si scarichi completamente. Se quest'ultimo non fosse impiegato per lunghi periodi, deve mantenere almeno la metà della sua carica. Controllare la batteria regolarmente e caricarla se necessario.

Soppressione del contrassegno-bici: consigliabile l'assicurazione RC Dal 1° giugno 2012, il contrassegno RC per le biciclette è stato abolito. Da tale data, i ciclisti devono stipulare un'assicurazione responsabilità civile privata, per evitare di pagare di tasca propria i costi di un eventuale incidente. Il TCS raccomanda a tutti i ciclisti di verificare che la loro assicurazione responsabilità civile copra effettivamente i danni causati a terzi e che tutti i membri della famiglia siano coperti.

Contatto:

Renato Gazzola, portavoce del TCS, 079 686 08 80,
renato.gazzola@tcs.ch

Le foto del TCS sono su Flickr -
www.flickr.com/photos/touring_club/collections.

I video del TCS sono su Youtube - www.youtube.com/tcs.



Plus de communiques: Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Ces informations peuvent également vous intéresser: