Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Vacanze di Pasqua senza pensieri grazie al TCS

Bern (ots) - Molte famiglie si metteranno in viaggio per le prossime vacanze pasquali. Per l'occasione, il TCS dispensa numerosi consigli per facilitare la partenza ed per evitare che qualche contrattempo guasti questo periodo di vacanza. Altre preziose informazioni sono anche disponibili sul sito internet del TCS.

Formalità Alcune settimane prima della partenza occorre controllare la validità dei documenti di viaggio (passaporto, carta d'identità, ecc.). Occorre prestare attenzione ai tempi d'attesa nel caso in cui vadano rinnovati! Si raccomanda di portare con sé la carta verde d'assicurazione, così come un'assicurazione viaggi, come il Libretto ETI per esempio. Non va dimenticato di munirsi di moneta locale nel caso in cui si dovessero percorrere strade a pedaggio. Le autostrade francesi, italiane e austriache sono infatti a pagamento.

Controllando gli automobilisti, in generale i poliziotti stranieri fanno riferimento alle loro leggi nazionali. Di conseguenza, il TCS raccomanda di munirsi in ogni caso dei seguenti accessori: autoadesivo CH, lampadine di riserva, gilet riflettente (per tutti gli occupanti), triangolo di panne e cassetta di pronto soccorso.

La lista completa delle formalità per veicolo e per paese è scaricabile dal sito www.turismotcs.ch

Contrassegno autostradale per l'Austria Ogni veicolo a motore con un peso complessivo di 3,5 tonnellate che circola sulle autostrade austriache dev'essere munito di un contrassegno. I punti di contatto del TCS propongono il contrassegno autostradale austriaco, della validità di 10 giorni (Fr. 10,90), di due mesi (Fr. 31,70) o di un anno (Fr. 105,20).

Acquisto presso i punti di contatto del TCS su www.tcs.ch > succursali

Contrassegno antinquinamento Numerose città tedesche, in particolare nel Sud del paese e nella Ruhr, hanno introdotto delle "zone ambientali", alle quali si può accedere soltanto con un contrassegno antinquinamento. Anche i veicoli stranieri devono esserne muniti. Questa "vignetta" è valida in tutta la Germania, ossia in tutte le città che hanno introdotto le zone ambientali.

I contrassegni antinquinamento per le automobili immatricolate in Svizzera sono disponibili nei punti di contatto del TCS. Le ordinazioni vengono centralizzate presso la Sezione di Zurigo del TCS che invia il documento direttamente al socio. Il contrassegno è valido solo per il veicolo per il quale è stato emesso. Esso si basa sui numeri di targa e del telaio e sulla data di messa in circolazione del veicolo. Per ordinare il contrassegno, occorre disporre di un copia della licenza di circolazione (o inviarla). La tassa dev'essere versata in anticipo. Ovviamente, è anche possibile procedere all'ordinazione via Internet: schadstoffplakette@tcs.ch. Il pagamento avviene per carta di credito o inviando il denaro contante per posta. La ricevuta e l'eventuale resto saranno spediti al cliente assieme al contrassegno antinquinamento. Per l'intera procedura occorre calcolare da 5 a 10 giorni lavorativi.

Costo: Fr. 24.- per i soci; Fr. 28.- per i non membri. Acquisto presso i punti di contatto del TCS su www.tcs.ch > succursali

Viacard La Viacard è un mezzo di pagamento molto ambito in Svizzera per pagare un viaggio sulle autostrade italiane. I punti di contatto del TCS dispongono di carte da 25 euro e da 50 euro. Attenzione: i punti di contatto del TCS non accettano Viacard difettose o non più magnetizzate. Le carte difettose vanno rinviate al seguente indirizzo: Autostrade per l'Italia spa, Ufficio Gestione Operativa Clienti, casella postale 2305 Firenze, succursale 39, I - 50123 Firenze.

Informazioni sulla Viacard: www.autostrade.it Acquisto presso i punti di contatto del TCS su www.tcs.ch > succursali

Test vacanze Visto che per i più recenti modelli di automobili, i controlli meccanici sono meno frequenti, gli intervalli tra i servizi si prolungano. Si raccomanda quindi di far verificare il veicolo prima di partire ed annunciarsi per un test vacanze in un centro tecnico del TCS.

Gli esperti del TCS controllano in particolare i freni, gli ammortizzatori, la sospensione, gli organi di direzione, il motore e la trasmissione, lo scappamento, la batteria e l'impianto d'illuminazione. Essi compiono pure un percorso di prova per verificare la presenza di rumori anomali e di vibrazioni, nonché la direzione di marcia e la tenuta in strada. Per soli 60 franchi (soci del TCS) o 90 franchi (non membri), i conducenti ottengono la garanzia che la loro vettura è pronta per la grande partenza.

Va verificato anche lo stato dei pneumatici. Il TCS raccomanda uno spessore minimo del profilo di 3 mm. Prima di un lungo tragitto autostradale, si consiglia di aumentare la pressione delle gomme di 0,2 bar. Attenzione: controllare e gonfiare i pneumatici solo quando sono freddi.

L'impianto dell'aria condizionata e il relativo filtro anti polline vanno controllati ogni due anni. Utilizzato normalmente, un impianto di climatizzazione può perdere fino a 59 gr. di liquido refrigerante l'anno. A partire da una perdita di 100 gr., sussiste il forte rischio che l'impianto non funzioni o, addirittura, non si metta in moto. I filtri anti polline intasati vanno sostituiti, in quanto riducono la potenza del riscaldamento o del raffreddamento.

Caricare il veicolo Certe automobili sono talmente colme di valigie, sacchi, giocattoli e altri oggetti che il conducente non vede più nulla dal lunotto posteriore o non vede addirittura i bambini seduti sul sedile. Gli oggetti pesanti e le valigie vanno sistemati sul fondo del portabagagli, contro lo schienale del sedile posteriore. Gli oggetti leggeri possono essere collocati a fianco, quelli morbidi al di sopra. Il carico non deve mai oltrepassare il limite superiore dello schienale posteriore. Ove ciò non fosse il caso, il TCS raccomanda di trattenere gli oggetti con una solida rete o con una griglia rigida. Gli oggetti che richiedono molto spazio e che non sono troppo pesanti possono essere sistemati in un apposito box ancorato sul tetto. Le biciclette devono essere trasportate su un supporto speciale.

Caricando la vettura, occorre sempre tener conto del peso totale consentito e del peso massimo autorizzato sul tetto (consultare la licenza di circolazione).

Comportamento stradale con un box sul tetto o con un altro supporto I corsi di guida proposti da Test & Training tcs e dalle Sezioni TCS consentono di verificare, senza rischi, i limiti fisici dell'automobile. Una volta appesantito dai bagagli, il veicolo può avere una distanza di frenata più lunga. Se l'asse posteriore è molto caricato, le reazioni dello sterzo cambiano. Carichi trasportati sul tetto innalzano il centro di gravità del veicolo e lo rendono più sensibile alle forze laterali (la vettura si inclina maggiormente in curva). Anche il comportamento dello sterzo risulta alterato in funzione del peso.

Sicurezza degli occupanti Nonostante la presenza di un crescente numero di sistemi di sicurezza, allacciare la cintura resta indispensabile ed è obbligatorio anche all'estero. Cinture di sicurezza e poggiatesta regolati in modo corretto contribuiscono notevolmente ad attenuare le conseguenze di un incidente. È anche molto importante essere seduti correttamente: i piedi non vanno messi sulla plancia. Occorre pure evitare di far pendere la testa e il torace su un fianco: così facendo, in caso di collisione si potrebbe ostacolare il gonfiamento dell'airbag. Per ottenere la massima sicurezza e comfort, occorre regolare lo schienale in posizione verticale e il poggiatesta alla stessa altezza della parte centrale del capo.

Il TCS raccomanda ai conducenti delle pause regolari circa ogni due-tre ore di guida. Queste sono anche l'occasione per idratarsi e sgranchirsi le gambe. Se durante la guida intervengono segni di stanchezza, è consigliabile una breve pisolino di 15 minuti.

Bebé e bambini Quando si trasporta sul sedile anteriore un bebé o un bambino, sistemato in un seggiolino posizionato nel senso contrario a quello di marcia, non va dimenticato di disinserire l'airbag frontale. Un airbag si gonfia in seguito a una collisione: urtando il guscio per bebé può ferire gravemente il piccolo passeggero.

Dal primo aprile 2010, in Svizzera vige l'obbligo di trasportare i fanciulli, fino a 12 anni o di statura fino a 150 cm, in un seggiolino o in un sistema di trattenuta per bambini secondo la norma ECE-R 44.03 p 44.04. Ogni nazione ha una propria legislazione in materia, con età e taglia del bambino che possono essere diverse dalla nostra.

Regolamenti in vigore nei singoli paesi di destinazione sul sito www.turismotcs.ch

Camper Il campeggio selvaggio è, in linea di principio, vietato. Aree di parcheggio, sulle quali campeggiare e trascorrere la notte, sono talvolta appositamente segnalate nelle aree autostradali o nelle località.

Le bombole di gas blu, con la scritta "Camping Gaz international", sono sostituibili ovunque all'estero, senza problemi. Occorre prestare attenzione nello svitare e riavvitare le bombole. Se la bombola è riempita nuovamente, occorre vegliare al suo corretto riempimento.

Viaggiare con un cane Prima di portare con sé il proprio compagno a quattro zampe, è indispensabile prendere alcune precauzioni. L'animale dev'essere munito di una pulce elettronica che consente di identificarlo. Il proprietario deve portare con sé il passaporto per animali da compagnia e il cane dev'essere vaccinato contro la rabbia almeno trenta giorni prima della partenza. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito Internet dell'Ufficio federale di veterinaria (UFV) alla rubrica "Passare la frontiera con il proprio gatto e il proprio cane". Box installati in modo fisso nel veicolo offrono la migliore protezione agli animali.

Non si deve dimenticare di compiere una pausa ogni due o tre ore. Una fermata giova non soltanto al cane, ma anche al padrone; entrambi hanno bisogno di un po' di relax.

Infobox - Il Libretto ETI è un indispensabile compagno di viaggio, che garantisce la vostra sicurezza 24 ore su 24. Può essere ordinato via Internet all'indirizzo www.eti.ch. - Il sito Internet del TCS offre informazioni turistiche costantemente aggiornate concernenti oltre 210 paesi, fornendo indicazioni sulle prescrizioni in fatto di passaporto e dogana, sui limiti di velocità, i pedaggi autostradali, ecc.:www.turismotcs.ch. - Informazioni sui seggiolini auto: www.seggiolini-auto.tcs.ch. - Informazioni sui veicoli e il carico: www.tcs.ch, rubrica Auto-Moto > accessori

Punti di contatto del TCS Il TCS comprende 24 sezioni che dispongono di una rete capillare di punti di contatto. La maggior parte offre le seguenti prestazioni: possibilità di associarsi al TCS, sottoscrivere il Libretto ETI e l'assicurazione di protezione giuridica Assista. In alcuni punti di contatto ci si può acquistare: la Viacard (pedaggi autostradali italiani), il contrassegno autostradale austriaco, l'autoadesivo antinquinamento tedesco, nonché la licenza di condurre internazionale. Per conoscere l'offerta delle prestazioni del punto di contatto TCS, consultare il sito del TCS - www.tcs.ch - sotto la rubrica "succursali".

Il centro di contatto del TCS offre pure informazioni al numero di telefono 0844 888 111.

Kontakt:

Renato Gazzola, portavoce del TCS, 079 686 08 80, rgazzola@tcs.ch

Le foto del TCS sono su Flickr
(www.flickr.com/photos/touring_club/collections).
I video del TCS sono su Youtube (www.youtube.com/tcs).



Plus de communiques: Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Ces informations peuvent également vous intéresser: