Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Statistica 2009 del TCS sulle panne dei veicoli: l'impianto elettrico all'origine del 40,8% dei guasti

    Bern (ots) - La statistica 2009 del TCS sulle panne dei veicoli conferma ancora una volta che l'impianto elettrico è di gran lunga la principale componente soggetta a guasti tecnici. Circa i due quinti dei guasti hanno infatti origine nel sistema elettrico e, in modo particolare, nella batteria chiamata ad alimentare un crescente numero di equipaggiamenti.

    Realizzata dal TCS in collaborazione con il corrispondente club tedesco ADAC, la statistica delle panne di autoveicoli è eloquente: l'impianto elettrico costituisce la prima fonte di problemi tecnici, dato che è all'origine del 40,8% dei guasti censiti nel 2009. Inoltre, il 10,8% dei difetti concerne l'accensione, il 9,1% l'iniezione. Il motivo secondo cui sempre più vetture non partono a causa di difetti elettrici è dovuto, da un canto, al moltiplicarsi di impianti elettronici sensibili e, dall'altro, alle sollecitazioni sempre maggiori cui le batterie sono sottoposte.

    La statistica delle panne non comprende i guasti che non dipendono dalla qualità del veicolo quali il serbatoio vuoto, gli pneumatici difettosi o la perdita delle chiavi.

    Lista dei difetti: prezioso strumento per l'acquisto di un'automobile d'occasione

    Nella statistica delle panne, il TCS elenca i guasti più frequenti per un determinato numero di modelli. Si tratta in questo caso di una preziosa informazione per gli acquirenti di auto d'occasione e di uno strumento per indurli a discutere con il venditore dei possibili difetti.

    Consiglio del TCS: richiedere una garanzia speciale per il lavoro e i pezzi di ricambio al momento dell'acquisto. Inoltre, essere socio del TCS permette di viaggiare con maggiore tranquillità in caso di panne!

    La lista dei difetti più frequenti per modello di automobile è consultabile all'indirizzo internet http://www.tcs.ch/main/it/home/de r_tcs/presse/mitteilungen/Pannenstatistik_2009.html

    INFORMAZIONI

    Novità previste per il 2011: statistica europea delle panne

    Il TCS, in collaborazione con altri club automobilistici europei, sta preparando una statistica europea delle panne. Sarà così possibile, sulla base di un maggior numero di vetture registrate, gestire statisticamente marche e modelli per i quali non esistono ancora dati significativi. In questo modo, il TCS potrà elargire i propri consigli in fatto di affidabilità dei veicoli, facendo leva su una base d'informazioni più ampia.

    La statistica delle panne 2009 appoggia su nuove basi metodologiche

    Grazie ai loro censimenti più estesi, il TCS e l'ADAC dispongono di dati rappresentativi relativi alle panne dei veicoli. Hanno convenuto di analizzarli alla luce dei seguenti criteri:

    Sono presi in considerazione soltanto i guasti occorsi ai membri. I dati sono ora raccolti nei rapporti di panne elettronici. Quest'ultimi comprendono informazioni sulla garanzia mobilità offerta dai costruttori di automobili. È così possibile sottrarre dal numero totale dei soccorsi i cosiddetti "casi d'assistenza" eseguiti per conto di terzi.

    Una novità concerne la "lista degli hits" su www.tcs.ch.

    I dati di riferimento delle panne secondo il modello e l'anno d'immatricolazione non sono caratterizzati da voti, bensì da relativi simboli e da vari colori. La lista dei modelli di automobili è ora allestita in ordine alfabetico, nell'ambito delle singole marche.

    Il processo per la realizzazione della statistica sulle panne è certificato secondo la norma DIN EN ISO 9001:2000. Il metodo di calcolo è stato verificato dal laboratorio di statistica dell'Università di Monaco. Su ciò si basano le modifiche al sistema di raccolta dei dati statistici sulle panne 2009.

Contatto: Moreno Volpi, portavoce del TCS, tel. 022 417 27 16, cellulare 078 707 71 28, mvolpi@tcs.ch

Heinz Ehrat, Capo progetto Consulenza e Perizie, tel. 041 267 18 35, hehrat@tcs.ch



Plus de communiques: Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Ces informations peuvent également vous intéresser: