Caritas Schweiz / Caritas Suisse

Una piattaforma informativa sulle mutilazioni genitali femminili

Una piattaforma informativa sulle mutilazioni genitali femminili
Una piattaforma informativa sulle mutilazioni genitali femminili / Testo complementare con ots e su www.presseportal.ch/fr/nr/100000088?langid=4 / L' utilizzo di quest'immagine è gratuito per scopi redazionali. Pubblicazione sotto indicazione di fonte: "obs/Caritas Schweiz / Caritas Suisse/Heike Grasser/Ex-Press/Caritas"

Lucerna (ots) - In Svizzera 14 700 donne e ragazze sono vittime o minacciate dalle mutilazioni genitali femminili. Queste persone hanno il diritto di essere tutelate e sostenute. Per la prima volta una piattaforma a livello nazionale offre informazioni importanti per le donne vittime o minacciate nonché per i professionisti, contribuendo in tal modo alla prevenzione di tali pratiche.

Sulla piattaforma Internet le ragazze e le donne vittime o minacciate da queste pratiche, nonché le loro famiglie possono informarsi sulle conseguenze delle mutilazioni genitali. Il sito web è disponibile in tedesco, francese, italiano, inglese, somalo e tigrino. Le informazioni contestuali specifiche e gli aiuti pratici su questa tematica sono a disposizione anche per i professionisti.

La piattaforma informativa, accessibile a partire da oggi, è gestita dalla rete svizzera contro le mutilazioni genitali femminili, lanciata dalle organizzazioni CARITAS SVIZZERA, TERRE DES FEMMES SVIZZERA, SALUTE SESSUALE SVIZZERA e IL CENTRO SVIZZERO DI COMPETENZA PER I DIRITTI UMANI (CSDU). Nei prossimi tre anni la rete, su mandato della Confederazione, adotterà misure per tutelare e assistere ragazze e donne vittime o minacciate dalle mutilazioni genitali femminili. Il suo finanziamento è assicurato dal credito di integrazione della Confederazione (SEM) e dall'Ufficio federale della sanità pubblica, tramite il Programma nazionale migrazione e salute.

Oltre alla piattaforma informativa, la rete svizzera contro le mutilazioni genitali femminili offre corsi per migranti che in seno alle loro comunità (Communities) svolgono un lavoro attivo di sensibilizzazione in modo da poter raggiungere direttamente i gruppi di destinatari. Inoltre sono dispensate consulenza e corsi di formazione mirate ai professionisti dei settori sanità, asilo, integrazione, custodia dei bambini, formazione e protezione dei bambini, visto che in questo ambito mancano spesso le necessarie conoscenze specifiche. La rete promuove anche centri di accoglienza regionali che offrono consulenza e sostegno per questioni sociali e mediche, sia alle vittime o alle donne minacciate, sia ai professionisti.

Link alla piattaforma informativa sulle mutilazioni genitali 
femminili: www.mutilazioni-genitali-femminili.ch. 

Link diretto per i professionisti: 
www.mutilazioni-genitali-femminili.ch/introduzione 

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), con mutilazioni genitali femminili si intendono tutte le procedure che includono la rimozione parziale o totale dei genitali femminili esterni o altre lesioni agli organi genitali femminili per ragioni culturali o altre ragioni non terapeutiche. Sono considerate lesioni corporali gravi con gravi conseguenze per la salute e, a livello mondiale, una violazione dei diritti umani. In Svizzera le mutilazioni genitali femminili sono vietate dalla legge.

Per maggiori informazioni:


Nadia Bisang, responsabile del progetto prevenzione delle mutilazioni
genitali femminili, Cari-tas Svizzera, tel. 041 419 23 55, e-mail
nbisang@caritas.ch
Marisa Birri, responsabile di progetto TERRE DES FEMMES Svizzera,
tel. +41 (0)31 311 38 79,
cell. +41 (0)77 433 83 62, e-mail mbirri@terre-des-femmes.ch



Plus de communiques: Caritas Schweiz / Caritas Suisse

Ces informations peuvent également vous intéresser: