Eidg. Volkswirtschaftsdepartement (EVD)

EVD: Visita del presidente della Confederazione Joseph Deiss in Slovenia

Berna (ots) - Il 21 giugno il presidente della Confederazione è atteso in visita ufficiale in Slovenia. Sono previsti colloqui con il presidente Janez Drnovsek e con il primo ministro Anton Rop. La priorità verrà data alla relazioni bilaterali, all’integrazione politica europea e alla situazione in Europa sudorientale. Nella giornata del 21 giugno il presidente della Confederazione è atteso in visita ufficiale a Ljubljana come primo presidente della Confederazione Svizzera. Oltre ai colloqui con il presidente Dronvsek e il primo ministro Rop sono previsti incontri con il presidente del Parlamento Borut Pahor e con il sindaco della capitale slovena Danica Simsic. Fanno parte della delegazione svizzera anche vari rappresentanti del mondo economico. Le relazioni bilaterali tra la Svizzera e la Slovenia sono ottime. Essendo paesi alpini, molti punti in comune collegano i due stati. La Svizzera è il secondo investitore più importante in Slovenia (investimenti di circa un miliardo di franchi). Nel 2003 le esportazioni in Slovenia sono ammontate a 293 milioni di franchi, le importazioni dalla Slovenia a 183 mio. fr. I beni più esportati sono stati le macchine e i prodotti farmaceutici, quelli più importati i veicoli (automobili). Negli ultimi dieci anni è raddoppiato il volume commerciale tra la Svizzera e la Slovenia. Tra i nuovi paesi membri dell’UE dell’Europa centro-orientale, la Slovenia è il più avanzato dal punto di vista economico. L’adesione all’UE potrebbe determinare un ulteriore consolidamento dell’economia slovena e rendere questo Paese ancora più attrattivo quale mercato di sbocco per i prodotti svizzeri e come meta di investimenti. Esiste tuttavia una stretta collaborazione anche in molti altri ambiti, per esempio entrambi i Paesi sono membri del Human security Network e perseguono priorità simili in seno all’ONU. Per ulteriori informazioni: Manuel Sager, capo del servizio Comunicazione DFE, tel. 031 322 20 25 / 079 777 67 85

Ces informations peuvent également vous intéresser: