Eidg. Volkswirtschaftsdepartement (EVD)

EVD: Microchip per cani e rifiuti di origine animale: 4 ordinanze poste in consultazione

      Berna (ots) - L'Ufficio federale di veterinaria (UFV) ha
completamente rielaborato l'ordinanza concernente i rifiuti di
origine animale (OERA), conformandola al diritto vigente nell'UE. In
questo modo, si vuole garantire che con i partner UE il commercio di
animali e prodotti animali possa svolgersi senza problemi. Oggi per
l'ordinanza riveduta inizia il periodo di consultazione.
Contemporaneamente, il Dipartimento federale dell'economia pone in
discussione modifiche riguardanti l'ordinanza sulle epizoozie (OFE),
l'ordinanza concernente l'importazione, il transito e l'esportazione
di animali e prodotti animali (OITE) e l'ordinanza sul controllo
delle carni (OCC). Il periodo di consultazione durerà fino al 1°
marzo 2004. In adeguamento al diritto vigente nell'UE, i
sottoprodotti di origine animale verranno ora suddivisi in tre
categorie. I prodotti della categoria 1 devono essere inceneriti,
quelli della categoria 2 possono venire utilizzati come concimi o
per la produzione di biogas e i prodotti della categoria 3 –
caratterizzati da una minore componente di rischio – possono, tra
l'altro, essere utilizzati per alimentare animali da compagnia. Si
vuole così rendere possibile un ulteriore sfruttamento dei
sottoprodotti di origine animale, ad esempio per produrre energia,
senza per questo allentare le restrizioni emanate per lottare contro
la BSE.

    Nel progetto dell'ordinanza sulle epizoozie è prevista l'identificazione dei cani mediante un microchip applicato sotto la pelle oppure tramite tatuaggio. Entro la fine 2004, tutti i cani della Svizzera dovranno essere contrassegnati e i loro dati verranno registrati in una banca dati. Allo scopo di facilitare i controlli, verrà rilasciata una tessera canina con i dati concernenti le vaccinazioni, le malattie e la provenienza dell'animale. L'identificazione agevolerà gli accertamenti in seguito a incidenti con morsi, in caso di epizoozie o per la ricerca di cani fuggiti.

La consultazione a livello dipartimentale durerà fino al 1° marzo. I testi delle ordinanze rivedute e i relativi rapporti esplicativi sono consultabili in Internet, sul sito: www.bvet.admin.ch/tiergesundheit/i/gesetzgebung/1_index.html

Informazioni: Marcel Falk, portavoce dell'Ufficio federale di veterinaria, tel. 031 323 84 96  



Plus de communiques: Eidg. Volkswirtschaftsdepartement (EVD)

Ces informations peuvent également vous intéresser: