Eidg. Volkswirtschaftsdepartement (EVD)

EVD: Il Consigliere federale Joseph Deiss incontra i partner sociali

Berna (ots) - Il Consigliere federale Joseph Deiss ha incontrato oggi le organizzazioni delle parti sociali per affrontare le questioni legate al mercato del lavoro nell’ambito dell’allargamento dell’Unione europea. In seguito all’ingresso nell’Unione europea (UE) di dieci nuovi paesi, previsto per il 1° maggio 2004, i sette Accordi bilaterali I tra la Svizzera e l’UE verranno estesi anche ai nuovi membri. L’estensione dell’Accordo Svizzera-UE sulla libera circolazione delle persone renderà necessario negoziare alcune modifiche. Il 2 luglio 2003 il Consiglio federale ha decretato un mandato di negoziazione in merito. Attraverso l’introduzione di termini e contingenti verrà gestita e, a certe condizioni, limitata, l’immigrazione, così come già è previsto nell’Accordo sulla libera circolazione nei confronti degli attuali membri UE. Fino ad oggi si sono tenuti due cicli negoziali. Per poter discutere di possibili questioni relative al mercato del lavoro, il Consigliere federale Joseph Deiss si è incontrato con l’Unione sindacale svizzera, Travail Suisse, l’Unione svizzera degli imprenditori e l’Unione svizzera delle arti e mestieri. Sia le organizzazioni dei lavoratori che quelle dei datori di lavoro sono unanimemente convinte che il dumping sociale e salariale vada evitato. Discordanze sono emerse relativamente ad un’eventuale modifica delle relative misure d’accompagnamento. Si tratta di misure che il nostro Paese ha deciso parallelamente all’Accordo sulla libera circolazione delle persone e che entreranno in vigore il 1° giugno 2004. Il Consigliere federale Deiss ha sottolineato l’importanza di un’efficace prevenzione del dumping sociale e salariale. Il dialogo deve proseguire in modo adeguato. Informazioni: Manuel Sager, capo del servizio Comunicazione DFE, tel. 031 322 20 25

Ces informations peuvent également vous intéresser: