Eidg. Volkswirtschaftsdepartement (EVD)

EVD: Comunicato stampa - 07.03.2003 Il Consiglio federale non contesta la desistenza dal procedimento penale contro l’Unione svizzera del commercio di formaggio

(ots) - Il Consiglio federale non impugnerà la decisione del Ministero pubblico della Confederazione di desistere dal procedimento penale, ma ha incaricato l’Unione svizzera del commercio di formaggio SA in Liq. di far valere eventuali pretese di diritto civile. Il Consiglio federale ha preso atto dei motivi che hanno portato il Ministero pubblico della Confederazione a desistere dal procedimento penale contro i responsabili dell’Unione svizzera del commercio di formaggio e appurato che un eventuale ricorso non avrebbe possibilità di successo. Nel 1995 gli imputati dell’Unione svizzera del commercio di formaggio erano stati coinvolti in un’indagine della polizia giudiziaria a causa, tra l’altro, di sospettata appropriazione indebita e falsità in documenti in relazione all’esportazione di formaggio nell’Unione europea. Il Consiglio federale ha invece incaricato il Consiglio d’amministrazione dell’Unione svizzera del commercio di formaggio SA in Liq. di far valere eventuali pretese di diritto civile. Trattasi in primo luogo della possibile restituzione, da parte di un ex collaboratore, dei regali ricevuti, se in base al diritto del lavoro risulta che vi è stata una violazione del dovere di lealtà nei confronti del datore di lavoro. Informazioni: Ufficio federale dell’agricoltura, Sezione Informazione, Jürg Jordi, tel. 031 322 81 28

Ces informations peuvent également vous intéresser: