Eidg. Volkswirtschaftsdepartement (EVD)

EVD: Meno 2 % della quantità di latte su richiesta del settore lattiero

      (ots) - In data odierna il Consiglio federale ha ridotto del 2 per
cento la quantità di latte per l’anno lattiero in corso, dando
seguito molto rapidamente a una richiesta espressa in tal senso dal
settore lattiero. Inoltre, il Consiglio federale ha notevolmente
semplificato la procedura di domanda per l’ottenimento di
contingenti supplementari. Con una modifica urgente dell’articolo 31
della legge sull’agricoltura, varata nella sessione invernale, il
Parlamento ha concesso al settore lattiero un margine di manovra più
ampio e maggiore responsabilità per quanto concerne la
determinazione del quantitativo di latte. Le rispettive decisioni e
le proposte, anche quelle formulate nel corso di un anno lattiero,
avranno carattere parzialmente vincolante per il Consiglio federale,
sempre che siano adempiute determinate condizioni. L’organizzazione
dei Produttori Svizzeri di Latte (PSL), l’Associazione
dell’industria lattiera svizzera (VMI) e Fromarte hanno già
approfittato di tale possibilità chiedendo al Consiglio federale di
applicare la decisione, da loro adottata lo scorso autunno, di
ridurre la quantità di latte ancora nel corso dell’anno lattiero
2002/03.

    Immediatamente dopo l’approvazione della modifica di legge, il Consiglio federale ha adeguato l’ordinanza sul contingentamento lattiero, onde concretizzare la richiesta del settore. Le federazioni lattiere ridurranno dal 4,5 al 2,5 per cento la quantità di latte assegnata ai produttori in via suppletiva ai contingenti per l’anno lattiero in corso 2002/03. Mediante tale provvedimento s’intende appianare la situazione di mercato tuttora difficile, caratterizzata da giacenze di formaggio e burro piuttosto consistenti. La riduzione non si applica alle aziende d’estivazione e alle aziende che hanno interrotto le forniture di latte prima della fine del 2002.

    Il Consiglio federale ha adeguato la procedura in materia di contingenti supplementari. Dal 1° gennaio 2003 il contadino di pianura che acquista un animale proveniente dalla regione di montagna potrà inoltrare la domanda di contingente supplementare contemporaneamente all’annuncio dell’arrivo dell’animale nell’azienda alla banca dati sul traffico di animali (BDTA), utilizzando la stessa cartolina di notifica. Tutte le altre operazioni, in particolare il controllo volto ad appurare se sono adempiute le condizioni, vengono effettuate automaticamente. Ciò presuppone che i dati contenuti nella BDTA siano completi e corretti. Durante un periodo transitorio di un anno i produttori potranno colmare eventuali lacune nella tracciabilità dell’animale, presentando dei giustificativi. Dal 1° gennaio 2004 non verranno più concessi contingenti supplementari in caso di acquisto di animali per i quali non è garantita la tracciabilità.

    Il DFE ha modificato l’ordinanza dipartimentale concernente l’importo degli aiuti per i latticini. I fondi disponibili l’anno prossimo per il sostegno del prezzo del latte vanno ridotti. Per tale motivo i contributi all’esportazione di Emmental nell’UE e quelli per la valorizzazione di latte intero in polvere sono stati ridotti con effetto al 1° marzo 2003.

Informazioni: Ufficio federale dell’agricoltura, Divisione principale Produzione e affari internazionali, Sezione Contingentamento lattiero, Andreas Galler, tel. 031 322 26 35



Plus de communiques: Eidg. Volkswirtschaftsdepartement (EVD)

Ces informations peuvent également vous intéresser: