Eidg. Finanz Departement (EFD)

EFD: La Confederazione vuole un forte Governo elettronico a livello nazionale

      Berna (ots) - 29 set 2003 (DFF) Con l'iniziativa "eVanti.ch" la
Confederazione intende promuovere su scala nazionale in
collaborazione con Cantoni e comuni il progetto di Governo
elettronico. La giornata inaugurale del 29 settembre 2003 tenutasi a
Lucerna sul Governo elettronico in generale e sulle informazioni
geografiche in particolare ha evidenziato che anche una
collaborazione rafforzata tra i tre livelli federali è sensata e
necessaria.

    La strada per essere leader a livello internazionale nel settore delle procedure amministrative elettroniche ("eGovernment”), come vuole l'ambizioso obiettivo della Confederazione, è ancora lunga. A livello europeo infatti la Svizzera occupa il 15° posto su 18 Paesi.

Standardizzazione e impieghi molteplici

    Nel suo discorso di apertura, il Consigliere federale Kaspar Villiger ha posto l'accento sull'enorme potenziale del Governo elettronico per coloro che ne sono coinvolti. La collaborazione delle Amministrazioni potrebbe venir snellita, intensificata e diventare più economica sia a livello orizzontale sia a livello verticale. Ciò rafforzerebbe non solo il federalismo e la piazza economica svizzera, ma migliorerebbe le prestazioni di servizi in favore del popolo. Secondo Kaspar Villiger, per un Governo elettronico economico e vicino al cittadino occorre soddisfare due presupposti, ovvero la standardizzazione su vasta scala nonché il molteplice impiego delle soluzioni sviluppate.

Più Governo elettronico per una minore burocrazia

    L'iniziativa eVanti.ch è coordinata dall'Organo strategia informatica della Confederazione (OSIC). L'obiettivo è di aumentare in breve tempo e a bassi costi il numero delle applicazioni realizzate per il Governo elettronico, diminuendo pertanto la procedura burocratica per il cittadino, l'economia e l'amministrazione stessa. In tal modo, non solo la piazza economica svizzera sarà rafforzata e resa compatibile con il futuro, ma ne approfitterà anche l'immagine della Svizzera quale società dell'informazione all'avanguardia.

Entro il 2006 tra i primi posti della classifica europea

    eVanti.ch opera quale coordinatore responsabile per lo scambio, la gestione del portfolio, il benchmarking e la comunicazione interna nonché esterna. L'iniziativa promuove in particolare due soluzioni: in primo luogo, una banca dati per il Governo elettronico che dia a tutti gli interessati una panoramica su chi in Svizzera sta lavorando a quale idea o progetto, sulle soluzioni che già sono attuate con successo e, se del caso, che possono essere riprese. In secondo luogo, eVanti.ch intende misurare regolarmente i progressi fatti nell'attuazione del Governo elettronico. Obiettivo fino alla fine del 2005: la Svizzera dovrà piazzarsi nel primo terzo della classifica per quanto riguarda i più importanti benchmark internazionali relativi al Governo elettronico.

Pochi scambi di soluzioni valide

    L'ostacolo principale, per cui il Governo elettronico in Svizzera procede molto lentamente e non si diffonde su scala nazionale, può essere facilmente individuato. Diversamente dagli altri Paesi europei, la responsabilità per il Governo elettronico in Svizzera è attribuita ai Cantoni. Soluzioni che vanno oltre i confini cantonali o addirittura comunali sono difficili da realizzare. Nella complessa struttura amministrativa con i suoi numerosi attori, le soluzioni isolate sono ancora ricorrenti.

Progetti in corso con successo

    In occasione del convegno di Lucerna, i progetti in corso con successo a livello regionale nell'ambito dell'informazione geografica hanno tuttavia mostrato che in settori specifici del Governo elettronico la Svizzera regge il confronto internazionale. Il Consigliere di Stato di Obvaldo Hans Wallimann e il Consigliere nazionale Felix Walker, presidente del consiglio di amministrazione di GeoSwiss AG, hanno posto l'accento sui numerosi potenziali di sinergia provenienti da una rete regionale e nazionale di dati geografici attraverso le cosiddette piattaforme geografiche.

Enorme potenziale di risparmio per l'economia nazionale

    Il progetto "Informazione geografica Svizzera centrale" presentato dalla Conferenza dei Governi della Svizzera centrale apporta notevoli vantaggi ai Cantoni coinvolti. Il fatto che singoli Cantoni e comuni non debbano trovare separatamente nuove soluzioni è un presupposto essenziale per un Governo elettronico a tappeto. Il potenziale di risparmio per l'economia nazionale fornito da norme geografiche e modelli di dati comuni è enorme.

Base per importanti decisioni di ubicazione

    Il direttore dell'Ufficio federale di topografia Erich Gubler, nella sua funzione di presidente del gruppo di coordinamento interdipartimentale GIS, ha ribadito che la disponibilità e l'accesso a informazioni geografiche qualitativamente valide hanno ripercussioni positive per la crescita economica e per lo sviluppo duraturo della società sia sul piano ecologico che su quello sociale. Infatti le decisioni importanti in materia di ubicazioni potrebbero essere prese sulla base di queste informazioni disponibili. Il programma d'impulso e-geo.ch della Confederazione promuove attività e misure per la creazione di una infrastruttura nazionale di dati geografici.

Informazioni: Lorenz Furrer, Organo strategia informatica della Confederazione, tel.: 031 322 77 37/079 239 44 78

Dipartimento federale delle finanze DFF Comunicazione CH-3003 Berna http://www.dff.admin.ch



Ces informations peuvent également vous intéresser: