DEZA

DEZA: I giovani difendono un uso parsimonioso dellÂ’acqua

      Berna (ots) - I fiumi europei, fonte di risorse idriche e zone
naturali da difendere: saranno i temi discussi dal Parlamento
europeo dei giovani, che si riunisce in Svizzera dal 6 al 12
ottobre. La rete «Solidarité Eau Europe», organizzatrice
dellÂ’evento, intende sensibilizzare unÂ’opinione pubblica piĂą vasta
sullÂ’uso parsimonioso dellÂ’acqua. Questo contributo allÂ’Anno
internazionale dell’acqua è sostenuto anche dalla Direzione dello
sviluppo e della cooperazione DSC.

    Il consigliere federale Samuel Schmid ha inaugurato il 6 ottobre a Berna il convegno del Parlamento europeo dei giovani. Durante una settimana unÂ’ottantina di ragazze e ragazzi provenienti dai bacini imbriferi del Rodano, del Reno, del Po e del Danubio discuteranno di tematiche internazionali inerenti allÂ’acqua. Dopo la cerimonia inaugurale, i giovani si recheranno nei Grigioni, in Ticino e nel Vallese ed elaboreranno, per ognuno dei quattro fiumi, un progetto che verrĂ  presentato a Coira in occasione della sessione conclusiva dellÂ’11 ottobre. LÂ’obiettivo è varare un piano dÂ’azione comune di protezione internazionale delle acque.

    Con il motto «Dalla fonte alla foce» le giovani e i giovani europei, di etĂ  compresa tra i 14 e i 18 anni, discuteranno fra le altre cose della protezione delle fonti e del loro significato per la Svizzera quali riserve dÂ’acqua potabile e fornitrici dÂ’energia. UnÂ’ulteriore tematica di fondo sarĂ  la collaborazione internazionale per la protezione delle regioni fluviali e dellÂ’approvvigionamento idrico. «SolidaritĂ© Eau Europe» è nata nel 1998 da unÂ’iniziativa della Commissione per lÂ’ambiente del Parlamento europeo e del Segretariato internazionale dellÂ’acqua. LÂ’istituzione vuole rafforzare la consapevolezza dei cittadini e delle istituzioni sullÂ’importanza delle risorse idriche.

DIREZIONE DELLO SVILUPPO E DELLA COOPERAZIONE (DSC) Media e Comunicazione

Per maggiori informazioni: barbara.affolter@deza.admin.ch, 079 335 76 04



Plus de communiques: DEZA

Ces informations peuvent également vous intéresser: