DEZA

DEZA: Partecipanti di spicco alla prima Conferenza internazionale per lo sport e lo sviluppo

    Berna (ots) - Ginevra, Berna, Macolin, 13 gennaio 2003

    Lo sport può giocare un ruolo estremamente importante per lo sviluppo e la promozione della pace. «Con la prima Conferenza internazionale per lo sport e lo sviluppo desideriamo contribuire a che in futuro questo potenziale sia sfruttato in modo sistematico e durevole», ha affermato Adolf Ogi, Consulente Speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per lo sviluppo e la pace attraverso lo sport ed ex Presidente della Confederazione, in occasione di una conferenza stampa tenutasi a Berna. La Conferenza avrà luogo a Macolin dal 16 al 18 febbraio 2003 su iniziativa del Consulente Speciale, della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) e dell’Ufficio federale dello sport (UFSPO). La Conferenza riunirà per la prima volta rappresentanti di ONU, politica, sport, scienza ed economia. «Nella lotta contro le grandi minacce dell’umanità – la povertà e la guerra – è nostro dovere sfruttare tutto il potere di mobilitazione dello sport; per fare ciò occorre impiegare ogni forza sociale», ha affermato Ogi. L’obiettivo della conferenza è dunque quello di sensibilizzare tutti gli attori sulle immense possibilità che lo sport offre nell’ambito della cooperazione allo sviluppo e della promozione della pace, percorrere un cammino comune e trovare degli approcci per strategie, iniziative e misure concrete. Grande interesse internazionale per la Conferenza La Conferenza internazionale, che verrà aperta il 16 febbraio dal Consigliere federale Samuel Schmid, suscita enorme interesse in ogni angolo del Pianeta. Numerosi rappresentanti di spicco provenienti da diverse decine di Paesi hanno già assicurato la loro presenza all’evento. È stato così possibile impegnare il Presidente polacco Aleksander Kwasniewski per il discorso inaugurale. Alla manifestazione prenderanno parte fra l’altro anche il Presidente del CIO Jacques Rogge, la Direttrice dell’UNICEF Carol Bellamy, il Ministro russo dello sport ed ex giocatore di hockey di punta Vyacheslav Fetisov, il plurimedagliato d’oro norvegese nonché attuale Presidente di Right to Play (ex Olympic Aid) Johann Olav Koss, l’aerostiere nonché goodwill ambassador del Fondo delle Nazioni Unite per le attività in materia di popolazione (FNUAP) Bertrand Piccard e Kipchoge («Kip») Keino, leggendario vincitore olimpico e Presidente del Comitato olimpico keniota. Fra i partecipanti vi saranno anche diversi atleti e atlete attivi, segnatamente il pluricampione olimpico di nuoto Alexander Popov. Complessivamente sono attesi a Macolin all’incirca 200 partecipanti di spicco da tutti e cinque i continenti (cfr. elenco a parte). Diverse organizzazioni, fra cui l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Right to Play, sfrutteranno la Conferenza internazionale come trampolino per iniziative e programmi nell’ambito dello sport e dello sviluppo. L’OMS prevede ad esempio di lanciare con i suoi partner la campagna «Move for Health» il 17 febbraio a Macolin. Le potenzialità dello sport sono ancora troppo poco utilizzate Secondo Walter Fust, Direttore della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) e coiniziatore della Conferenza, lo sport gioca già da tempo un ruolo – seppur sottovalutato – nelle attività di cooperazione allo sviluppo e nell’aiuto umanitario. «Ad esempio, nei paesi con un sistema sanitario poco sviluppato la prevenzione è estremamente importante, poiché sovente mancano i mezzi per curare le malattie. Lo sport può dare un contributo decisivo alla prevenzione e, di riflesso, all’efficienza sociale ed economica», ha affermato Fust. Diversi progetti, ad esempio di Right to Play, hanno inoltre dimostrato che dopo conflitti o catastrofi lo sport può assumere importanti funzioni nella ricostruzione della società. «Dal punto di vista della cooperazione allo sviluppo salutiamo perciò espressamente gli sforzi del Segretario generale dell’ONU Kofi Annan e di Adolf Ogi, suo Consulente Speciale per lo sport, e non possiamo che sostenerli.» «Grazie alle sue caratteristiche, molto spesso lo sport rappresenta uno strumento ideale di promozione della pace e dello sviluppo», ha affermato Heinz Keller, Direttore dell’Ufficio federale dello sport di Macolin, località in cui avrà luogo la Conferenza. «Lo sport è universale, comprensibile per chiunque e tocca le persone anche dal profilo emozionale; nel contempo, esso ha una funzione educativa e crea strutture sociali. Il suo potenziale non può tuttavia esplicarsi isolatamente, ma solo in collaborazione con altre istituzioni sociali», ha affermato Keller. Magglingen Declaration on Sport and Development La Conferenza è coordinata dalla Swiss Academy for Development (SAD) di Bienne. Il programma prevede sia riunioni plenarie con keynote speeches e tavole rotonde, sia workshop sui seguenti tre temi principali: sviluppo della personalità (salute, educazione e formazione), sviluppo socioeconomico (sviluppo locale e dialogo sociale, sport sicuro e sostenibile, responsabilità sociale delle aziende, sport e mass media) nonché promozione della pace e prevenzione dei conflitti. Nel quadro della Conferenza verranno elaborati due documenti: la Magglingen Declaration on Sport and Development e una lista di raccomandazioni. Entrambe le carte saranno consegnate nel mese di marzo a Kofi Annan dal Consulente Speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per lo sviluppo e la pace attraverso lo sport.

Contatto per i media Daniele Waldburger Tel. +41 (079) 248 72 67 media@sportdevconf.org www.sportdevconf.org

    Informazioni d’attualità sulla Conferenza, sul programma, sui partecipanti e sulle modalità di accreditamento sono disponibili alla pagina www.sportdevconf.org.

Geneva, Bern, Magglingen, 13 January 2003

International Conference on Sport and Development: Keynote Speakers, Panelists, Workshop Chairs

    The following is a non-exhaustive alphabetical list of keynote speakers, panelists and workshop chairpersons who have to date confirmed participation in the International Conference on Sport and Development in Magglingen (Switzerland), February 16 to 18. A total of 200 representatives from UN-organisations, international sport federations, government agencies, ministries and non-government organisations (NGO) are expected to participate in the conference making it the biggest ever event on sport and development.

    For regularly updated information see www.sportdevconf.org.

Jaime Andreu Head of Unit Sport, Directorate-General for Education and Culture, European Commission

Carol Bellamy Executive Director, United Nations Children’s Fund (UNICEF)

Stavri Bello Secretary-General, Albanian Olympic Committee

Marco Blatter Director, Swiss Olympic

Martin Burkhalter Senior Vice President and Managing Director Europe, Middle East and Africa, Reebok

Jean-Loup Chappelet Professor of Public Management, Swiss Graduate School of Public Administration (IDHEAP), Lausanne (Switzerland); Director, European Masters in Sports Organisation Management (MEMOS)

Patrick Cotting Director Alliances and Partnerships, Eurosport

Donna de Varona ABC Sports Commentator, Co-founder of Women's Sports Foundation Winner of 2 Olympic Gold Medals for the USA (Swimming): Tokyo 1964 (400m Individual Medley, 4x100m Freestyle Relay) Giovanni di Cola Universitas Programme Coordinator, International Labour Organization (ILO)

Gudrun Doll-Tepper President, International Council of Sport Science and Physical Education (ICSSPE)

Amir Dossal Executive Director, United Nations Fund for International Partnerships (UNFIP)

Vyacheslav Fetisov Chairman of the State Committee of the Russian Federation for Physical Culture and Sport Former Member of the Russian National Ice Hockey Team (8 times World Champion; Winner of 2 Olympic Gold Medals for the Soviet Union: Sarajevo 1984, Calgary 1988

Walter Fust Executive Director, Swiss Agency for Development and Cooperation; Chair of the Executive Committee, Global Knowledge Partnership

Alain Garnier Director of Government Liaison, World Anti-Doping Agency (WADA)

André Gorgemans Secretrary General, World Federation of the Sporting Goods Industry (WFSGI)

Faezeh Hashemi President, Islamic Countries Women Sport Federation (ICWSF)

Kipchoge Keino President, National Olympic Committee, Kenya; Member of the International Olympic Committee Winner of 2 Gold Medals for Kenya (Athletics): Mexico 1968 (1500m); Munich 1972 (3000m Steeplechase)

Heinz Keller Executive Director, Swiss Federal Office of Sports

Riz Khan Journalist and Broadcaster; former CNN Anchor, Host of “Q&A”

Johann Olav Koss President and Chief Executive Officer, Right to Play (formerly Olympic Aid) Winner of 4 Olympic Gold Medals for Norway (Skating): Albertville 1992 (1500m), Lillehammer 1994 (1500m, 5000m, 10000m)

Aleksander Kwasniewski President, Republic of Poland

Joel Matias Libombo Minister of Youth and Sports, Mozambique

Julien Luneau Coordinator of International Projects, Sport without Border

Victor Matsudo Executive Chairperson, The Physical Activity Network of the Americas (PANA/RAFA); President, Physical Fitness Research Center of São Caetano do Sul (CELAFISCS), Sao Paulo

Charles M. Moore Executive Director, Committee to Encourage Corporate Philanthropy; Member of the US President's Council on Physical Fitness and Sports Winner of an Olympic Gold Medal (Athletics): Helsinki 1952 (400m Hurdles)

Etsuko Ogaswara Executive Director and Co-chair, International Working Group on Women and Sport (IWG); President, Japanese Association for Women in Sport

Adolf Ogi Special Adviser to the United Nations Secretary-General on Sport for Development and Peace; Former President of Switzerland

Denis Oswald President, Association of Summer Olympic International Federations (ASOIF); Chairman, Coordination Commission for the Games of the XXVIII Olympiad in Athens in 2004; President, International Rowing Federation

Michel Perraudin Chairman of the Executive Committee and Vice President European Zone, World Federation of the Sporting Goods Industry (WFSGI); Board Member, Adidas-Salomon

Bertrand Piccard Psychiatrist; Aeronaut Balloonist; United Nations Population Fund (UNFPA) Goodwill Ambassador; President of the Winds of Hope Foundation

Alexander Popov Winner of 4 Olympic Gold Medals for Russia (Swimming): Barcelona 1992 (50m Freestyle, 100m Freestyle), Atlanta 1996 (50m Freestyle, 100m Freestyle)

Pekka Puska Director, Noncommunicable Disease Prevention and Health Promotion, World Health Organisation (WHO)

Laurent Rivier President, Foundation Sport, Science and Society

Jacques Rogge President, International Olympic Committee Member of the Belgian Olympic Team (Sailing): Mexico 1968, Munich 1972, Montreal 1976

Samuel Schmid Federal Councillor of Switzerland

Kailash Satyarthi Chairperson, Global March Against Child Labour

Urs Schöttli Journalist, Neue Zürcher Zeitung

Aidan White General Secretary, International Federation of Journalists

Urs Zanitti Goal Management Team Leader, FIFA

Contact Daniele Waldburger Tel. +41 (079) 248 72 67 media@sportdevconf.org www.sportdevconf.org



Plus de communiques: DEZA

Ces informations peuvent également vous intéresser: