Eidg. Departement des Innern (EDI)

Il Consiglio federale accoglie positivamente le nuove disposizioni costituzionali sulla formazione

      (ots) - Nella sua seduta odierna il Consiglio federale ha preso
posizione in merito al rapporto della Commissione della scienza,
dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale (CSEC-N) del
23 giugno 2005. In risposta ad un'iniziativa parlamentare del 1997,
il rapporto presenta il disegno per un nuovo ordinamento
costituzionale per il settore della formazione. Secondo il Consiglio
federale il progetto elaborato dalla CSEC-N costituisce una buona e
realistica base per conciliare la competenza tradizionalmente forte
dei Cantoni in materia di educazione e la delega di nuove
responsabilità alla Confederazione. D'altro canto il Collegio
governativo invita a riformulare con più precisione alcuni articoli
costituzionali proposti. Quali punti particolarmente positivi, la
proposta parlamentare considera tutte le disposizioni costituzionali
sulla formazione, pone l'accento sul fondamentale aspetto del
coordinamento a livello nazionale e conferisce alla Confederazione e
ai Cantoni un ampio mandato di coordinamento e di garanzia della
qualità nel settore universitario. In questo modo è stato possibile
riunire in un'unica procedura i due progetti di riforma condotti
finora separatamente: quello concernente le disposizioni
costituzionali quadro sulla formazione e quello concernente
l'articolo costituzionale sulle scuole universitarie. Il disegno
dovrebbe essere sottoposto al Consiglio nazionale già nella prossima
sessione autunnale.

Dipartimento federale dell'interno Servizio della comunicazione Dipartimento federale dell'economia Servizio della comunicazione

Per maggiori informazioni rivolgersi a: Norbert King, consulente scientifico, unità Educazione generale, Segreteria di Stato per l'educazione e la ricerca SER, tel. 031 322 96 99 Ursula Renold, direttrice a.i. dell'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia UFFT, tel. 031 323 76 12



Plus de communiques: Eidg. Departement des Innern (EDI)

Ces informations peuvent également vous intéresser: