Eidg. Departement des Innern (EDI)

Approvati i messaggi concernenti l'abbattimento del debito AI

      (ots) - Il Consiglio federale ha approvato i messaggi concernenti
la 5a revisione AI e il finanziamento aggiuntivo dell'AI. La
revisione, che entrerà in vigore nel 2007, sgraverà l'assicurazione
di 596 milioni di franchi in media annua fino al 2025. Si prevedono
essenzialmente, da un lato, la riduzione del 20% del numero delle
nuove rendite mediante un sistema di rilevamento tempestivo delle
persone inabili al lavoro, nuovi provvedimenti di intervento
tempestivo e ulteriori provvedimenti più incisivi volti a mantenere
o a migliorare la capacità al lavoro e, dall'altro lato, limitazioni
mirate delle prestazioni. Per evitare i deficit annui dell'AI e
ammortare il suo debito miliardario in continuo aumento, sono
indispensabili considerevoli entrate supplementari. Pertanto, nel
messaggio concernente il finanziamento aggiuntivo dell'AI il
Consiglio federale propone di aumentare in modo lineare l'imposta
sul valore aggiunto (IVA) di 0,8 punti percentuali, senza quota
della Confederazione (entrata in vigore un anno dopo la 5a revisione
AI, vale a dire presumibilmente l'1.1.2008). Se adottate, le
modifiche proposte nei due messaggi permetteranno nel loro complesso
di riportare in positivo il conto dell'AI a partire dal 2009 e di
estinguere il suo debito entro il 2024.

    Obiettivo principale della 5a revisione AI: mantenere gli assicurati nella vita lavorativa Alla fine del 2004 il deficit dell'AI era di circa 1,6 miliardi di franchi e il suo indebitamento ammontava a 6 miliardi di franchi. Entro la fine del 2007 il suo debito supererà presumibilmente gli 11 miliardi di franchi. Qualora non fossero adottati provvedimenti, esso continuerebbe ad aumentare al ritmo miliardario degli ultimi anni. Per frenare questa tendenza, si devono ridurre le uscite dell'AI. La 5a revisione AI persegue quest'obiettivo riducendo del 20% il numero delle nuove rendite (riferito al 2003) mediante provvedimenti volti a mantenere o ad accrescere la capacità al lavoro delle persone interessate. La grande maggioranza dei partecipanti alla procedura di consultazione ha approvato chiaramente quest'obiettivo. Hanno riscosso un ampio consenso in particolare il previsto sistema di individuazione tempestiva e i provvedimenti d'integrazione più incisivi.

    Al fine di evitare la costante crescita del numero delle rendite sarà introdotto un sistema di rilevamento e intervento tempestivi e i provvedimenti volti all'integrazione professionale verranno rafforzati. L'obiettivo di questi strumenti è di rilevare ed assistere per tempo le persone interessate e permettere loro di mantenere il posto di lavoro o di essere integrate in uno nuovo.

    In seguito alla procedura di consultazione è stato deciso d'introdurre immediatamente il sistema di rilevamento tempestivo in tutta la Svizzera e non soltanto di sperimentarlo attuando progetti pilota. Esso viene completato da nuovi provvedimenti di intervento tempestivo, che devono essere facilmente accessibili senza dover ricorrere ad accertamenti dispendiosi da parte degli uffici AI. Il loro scopo principale è di permettere a persone del tutto o in parte inabili al lavoro di mantenere il posto di lavoro o, se questo non è possibile, d'integrarle in uno nuovo all'interno o all'esterno dell'azienda da cui dipendono.

    Gli assicurati saranno inoltre tenuti a collaborare maggiormente all'integrazione. La definizione più restrittiva del concetto d'invalidità e una normativa più chiara concernente il diritto alla rendita limiteranno le condizioni che permettono oggi di percepire una rendita AI. Inoltre la revisione prevede misure volte a correggere incentivi finanziari che attualmente rendono a volte più interessante per un assicurato vivere con una rendita AI anziché rimanere attivo o reinserirsi nel mondo del lavoro nel limite delle sue possibilità.

    Risparmi mirati nel settore delle prestazioni Fanno parte del pacchetto di limitazioni mirate delle prestazioni contenuto nella 5a revisione AI la rinuncia al supplemento di carriera, il finanziamento dei provvedimenti sanitari per l'integrazione professionale da parte dell'assicurazione malattie, fatta eccezione per quelli ordinati in caso d'infermità congenite, e la soppressione delle rendite completive in corso. Adeguamenti per quanto concerne le entrate Sul fronte delle entrate l'aliquota di contribuzione AI passerà dall'1,4 all'1,5%, compensando in parte gli sgravi nell'ambito della previdenza professionale risultanti dai risparmi conseguiti grazie all'attesa riduzione del numero delle nuove rendite. In tal modo, inoltre, si correggerà in parte il fatto che negli ultimi anni la quota dei contributi salariali al finanziamento dell'AI è diminuita, mentre la parte fissa dell'ente pubblico pari al 50% delle uscite è rimasta invariata.

    Ripercussioni finanziarie della 5a revisione AI Le misure proposte nell'ambito della 5a revisione AI permetteranno di migliorare il bilancio dell'AI di 596 milioni di franchi in media annua fino al 2025. Se considerato per ogni anno, a partire dal 2010 lo sgravio continuerà ad aumentare per superare, nel 2021, un miliardo di franchi e raggiungere, nel 2025, l'importo di 1,3 miliardi di franchi.

    Risultati statistici positivi consolidano l'orientamento della revisione Dal 2003 al 2004 il numero delle nuove rendite è diminuito del 6%. Stando a cifre provvisorie, nel primo trimestre del 2005 il numero delle nuove rendite ponderate concesse era inferiore del 5% rispetto a quello del primo trimestre dell'anno precedente. Questo indica una possibile nuova diminuzione nel 2005, che però non è ancora quantificabile. L'evoluzione positiva registrata finora mostra che migliorando gli strumenti per l'applicazione e la vigilanza si potrà contenere il numero delle nuove rendite. Il potenziale dei provvedimenti attualmente disponibili è però limitato ed è di gran lunga insufficiente per raggiungere l'obiettivo di ridurre del 20% il numero delle nuove rendite. Pertanto l'orientamento dato non solo sarà proseguito con la 5a revisione AI, ma verrà rafforzato con mirati ed ampi interventi nel sistema. Risanamento dell'AI: il finanziamento aggiuntivo è una necessità urgente Le misure proposte dalla 5a revisione AI non saranno sufficienti, da sole, a coprire le spese correnti. Senza finanziamento aggiuntivo nel 2010 il debito complessivo ammonterebbe ad oltre 16 miliardi di franchi. L'AVS concede all'AI un prestito per coprire il suo debito (averi del fondo di compensazione dell'AVS/AI), cosicché il crescente indebitamento dell'AI riduce notevolmente il capitale a disposizione dell'AVS. Anche con l'introduzione della 5a revisione AI all'inizio del 2007, entro il 2011 i mezzi di cui il fondo potrà disporre saranno inferiori al 15% delle uscite annue dell'AVS e dell'AI. In queste condizioni la liquidità del fondo, necessaria per il versamento non solo delle rendite dell'AI, ma anche di quelle dell'AVS, non sarà più garantita. Sono quindi assolutamente necessari nuovi provvedimenti volti al finanziamento dell'AI. Sgravi nettamente superiori a quelli consentiti dalla 5a revisione AI potrebbero essere ottenuti soltanto procedendo a tagli massicci nel settore delle prestazioni - tagli che implicherebbero costi sociali che il Consiglio federale ritiene inaccettabili.

    Nel messaggio concernente il finanziamento aggiuntivo dell'AI il Consiglio federale propone di aumentare in modo lineare l'IVA di 0,8 punti percentuali, senza la quota della Confederazione. Per aumento lineare s'intende che anche i tassi IVA ridotti verranno aumentati di 0,8 punti percentuali. La misura entrerà in vigore un anno dopo la 5a revisione AI, vale a dire presumibilmente l'1.1.2008.

    Debito ridotto a partire dal 2008 ed estinto entro il 2024 Nel 2008 l'aumento dell'IVA a favore dell'AI genererà entrate supplementari ammontanti a 1,7 miliardi di franchi. Queste entrate raggiungeranno circa 2,7 miliardi di franchi nel 2025 (per il periodo tra il 2008 e il 2025 circa 2,5 miliardi l'anno in media). La 5a revisione AI sgraverà il conto d'esercizio dell'AI in media di 596 milioni di franchi l'anno dal 2007 al 2025. A partire dal 2008, anno in cui sarà aumentata l'IVA, il debito dell'AI verrà ridotto. Nel 2024 l'assicurazione non avrà più debiti e registrerà nuovamente un saldo attivo nel fondo di compensazione AVS/AI.

DIPARTIMENTO FEDERALE DELL'INTERNO Servizio stampa e informazione

Informazioni: Yves Rossier, direttore Tel. 031 322 46 40 Ufficio federale delle assicurazioni sociali

Alard du Bois-Reymond, vicedirettore Tel. 031 322 91 32 Capo dell'Ambito Assicurazione invalidità Ufficio federale delle assicurazioni sociali

Informazioni specialistiche: 5a revisione AI: Daniela Foffa, capoprogetto Tel. 031 322 90 13 Ufficio federale delle assicurazioni sociali

Finanziamento aggiuntivo dell'AI: Valérie Werthmüller, capoprogetto Tel. 031 322 26 37 Ufficio federale delle assicurazioni sociali

Allegati: Documentazione per la stampa - 5a revisione AI - finanziamento aggiuntivo dell'AI

    I messaggi, i testi di legge e i risultati della procedura di consultazione sono disponibili sul sito Internet dell'UFAS all'indirizzo www.bsv.admin.ch.



Plus de communiques: Eidg. Departement des Innern (EDI)

Ces informations peuvent également vous intéresser: