Eidg. Departement des Innern (EDI)

Controllo degli espianti

      (ots) - La durata di validità del decreto federale deve essere prorogata
fino all'entrata in vigore della legge sui trapianti

    Dato che il decreto federale concernente il controllo degli espianti ha effetto fino alla fine del 2005 e che la nuova legge sui trapianti non potrà essere posta in vigore all'inizio del 2006, il Consiglio federale propone al Parlamento di prorogare la durata di validità del decreto federale, senza tuttavia modificarne il contenuto.

    Il decreto federale concernente il controllo degli espianti disciplina dall'estate del 1996 singoli aspetti della medicina dei trapianti. Si tratta in particolare di evitare, mediante test obbligatori, che siano trasmessi germi patogeni a seguito del trapianto di organi, tessuti o cellule. Il decreto vieta inoltre il traffico di organi, ossia la commercializzazione e il trapianto di organi contro rimunerazione.

    Con l'approvazione di Popolo e Cantoni di una pertinente disposizione costituzionale nel febbraio del 1999, è stata conferita alla Confederazione la competenza di legiferare in modo esaustivo nel campo della medicina dei trapianti. La nuova legge sui trapianti che disciplina esaustivamente questo ambito giuridico e che abrogherà il decreto federale è stata approvata dal Parlamento nel corso della sessione autunnale 2004. Visti la mole del diritto regolamentare da elaborare e il tempo necessario per svolgere le consultazioni e preparare l'esecuzione della legge, una sua entrata in vigore per l'inizio del 2006 è esclusa. Ragione per cui dovrà essere prorogata la durata di validità del decreto federale concernente il controllo degli espianti. Ciò eviterà che si crei un vuoto normativo durante la fase di transizione dal diritto anteriore a quello nuovo. Tuttavia il decreto non subirà alcuna modifica materiale.

DIPARTIMENTO FEDERALE DELL'INTERNO Servizio stampa e informazione

Per informazioni: Ufficio federale della sanità pubblica Jean-Louis Zurcher (Comunicazione), telefono 031 322 95 05



Plus de communiques: Eidg. Departement des Innern (EDI)

Ces informations peuvent également vous intéresser: