Eidg. Departement des Innern (EDI)

David Streiff lascerà l'Ufficio federale della cultura

Berna (ots) - David Streiff lascerà la direzione dell'Ufficio federale della cultura il 31 marzo 2005, premesso che per quella data sia già entrato in carica il suo successore. La decisione, presa di comune accordo con il consigliere federale e ministro della cultura Pascal Couchepin, è scaturita dalla constatazione che non sussistono più le basi per una collaborazione proficua. Nei prossimi anni l'Ufficio federale della cultura (UFC) sarà chiamato a prendere decisioni di rilievo per il futuro del settore culturale svizzero. Tra gli argomenti sul tappeto figurano la legge sulla promozione della cultura e la profonda riorganizzazione del Museo nazionale svizzero. Queste importanti sfide presuppongono una collaborazione stretta tra il capo del Dipartimento federale dell'interno (DFI) e il direttore dell'UFC. Durante i quasi undici anni in cui David Streiff ha diretto l'UFC sono stati aperti i musei di Svitto, di Prangins e il Centro Dürrenmatt a Neuchâtel, sono stati risanati e restituiti al pubblico la Biblioteca nazionale, il museo degli automi musicali di Seewen, la sede della Collezione Oskar Reinhart e il museo Vela, è stato inserito nella Costituzione federale l'articolo sulla cultura e sono state elaborate la legge sul cinema e la legge sul trasferimento dei beni culturali. Il consigliere federale Pascal Couchepin tiene a ringraziare David Streiff per il lavoro svolto alla guida dell'UFC e per l'impegno profuso in favore della cultura svizzera. DIPARTIMENTO FEDERALE DELL'INTERNO Servizio stampa e informazione Per ulteriori informazioni rivolgersi a: David Streiff, direttore dell'Ufficio federale della cultura, tel. 031/322 92 61 (dalle 16.00) e 01/932 10 31 (sabato dalle 12.00 alle 16.00) Jean-Marc Crevoisier, responsabile della comunicazione del DFI, tel. 031/322 80 16

Ces informations peuvent également vous intéresser: