Eidg. Departement des Innern (EDI)

Assicurazione malattie/ 2° pacchetto di consultazione: finanziamento ospedaliero ed incentivi ai modelli managed care

(ots) - Il Consiglio federale ha avviato la consultazione sul secondo pacchetto di revisioni della LAMal. Il pacchetto contiene i disegni di due messaggi concernenti, l'uno il finanziamento ospedaliero, l'altro i modelli managed care, e comprendenti inoltre provvedimenti nel settore dei medicamenti. Per quanto riguarda il finanziamento ospedaliero, si tratta di sostituire il finanziamento per stabilimento con quello per prestazioni e d'introdurre una ripartizione dei costi fissa tra Cantoni e assicuratori-malattie in ragione di metà ciascuno. Con il termine managed care vengono introdotti e definiti per legge modelli assicurativi con reti d'assistenza integrate. In questo modo, per garantire cure mediche economiche e di qualità elevata il Consiglio federale intende aumentare le opportunità ed incentivare i modelli managed care. La consultazione durerà fino al 12 luglio 2004. Per il secondo pacchetto legislativo verrà eseguita una procedura di consultazione ordinaria limitata a due mesi. Questo pacchetto dovrà essere presentato al Parlamento prima della sessione autunnale ed essere successivamente discusso nel quadro di una procedura accelerata, affinché le modifiche proposte possano entrare in vigore l' 1.1. 2006. Le proposte inerenti il finanziamento ospedaliero e la managed care poste in consultazione erano state più volte discusse in Parlamento in relazione alla 2a revisione LAMal, in seguito bocciata, e sono state parzialmente integrate da nuovi elementi emersi durante i lavori preliminari alla 3a revisione LAMal che si prevedeva. Messaggio 2A: Passaggio al finanziamento ospedaliero duale con ripartizione percentuale fissa Il Consiglio federale propone di sostituire l'attuale finanziamento per stabilimento con quello per prestazioni. Questo significa che verranno finanziate solo le prestazioni effettivamente fornite e non più i costi d'esercizio computabili degli ospedali, aumentando in questo modo la trasparenza dei costi. Il cambiamento significherà anche che le prestazioni degli ospedali sia pubblici sia privati, integrati nella pianificazione cantonale vengano ripartiti in parti uguali tra Cantoni e assicuratori-malattie, tenendo conto dei costi d'investimento (finanziamento duale con ripartizione percentuale fissa). Durante il dibattito politico questo cambiamento di sistema ha ottenuto la maggioranza dei consensi: esso garantisce infatti ampiamente la parità di trattamento tra i vari fornitori di prestazioni del settore ospedaliero e ne agevola quindi la concorrenza. Si tratta, eccezion fatta per il diverso finanziamento delle prestazioni ambulatoriali e ospedaliere, di un modello concorrenziale basato sul rapporto tra costi e prestazioni e sull'indispensabile trasparenza del mercato. Nel contempo il Consiglio federale s'impegna a presentare entro tre anni una proposta per l'introduzione del cosiddetto sistema di finanziamento monistico, che permetterà di aumentare la trasparenza dei costi affidandone la copertura ad un unico soggetto invece che a due. Con queste proposte sul finanziamento ospedaliero il Consiglio federale riprende sostanzialmente i risultati scaturiti dalla 2a revisione LAMal, bocciata dal parlamento. Messaggio 2B: Promozione dei modelli managed care A livello internazionale negli ultimi anni si è imposta l'idea che cure mediche di alta qualità ed al tempo stesso rispondenti al criterio dell'economicità non siano possibili senza offerte integrate nelle quali a) i pazienti siano seguiti ed assistiti su tutto l'arco del processo di diagnosi e cura e b) gli assicuratori ed i fornitori di prestazioni condividano la responsabilità finanziaria di diagnosi e terapia (cosiddetti modelli managed care). Al fine di promuovere i modelli managed care, con la 2a revisione LAMal si volevano vincolare gli assicuratori ad offrire, da soli o con altri, una o più "forme particolari d'assicurazione" in cui i fornitori di prestazioni assumessero responsabilità budgetarie. In questo modo si voleva di fatto introdurre l'obbligo di creare una rete d'assistenza integrata, vista come alternativa alla libertà di contrarre. Quest'interpretazione del contesto è superata. Il Consiglio federale è dell'opinione che la libertà di contrarre - ed eventualmente, più tardi, il finanziamento ospedaliero monistico - dovrebbero creare nuovi incentivi allo sviluppo dell'offerta dei modelli managed care. La presente proposta crea condizioni favorevoli alla diffusione di modelli managed care senza tuttavia obbligare espressamente gli assicuratori ad offrirne. Le reti d'assistenza integrate vengono anzi definite nella legge come ulteriori e più estese "forme particolari di assicurazione". Lo scopo del modello è di garantire agli assicurati un'assistenza completa e di elevata qualità. Per raggiungere questo scopo, è possibile integrare nella catena terapeutica prestazioni supplementari rispetto a quelle già previste dall'assicurazione obbligatoria. Riguardo ai medicamenti sono stati adottati i provvedimenti proposti nella 2a revisione LAMal. In particolare la legge dovrà stabilire espressamente che, quando viene prescritta una sostanza attiva invece di un prodotto, agli assicurati devono essere consegnati medicamenti economicamente vantaggiosi. Nel quadro della relazione tra medico, paziente e farmacista, questo provvedimento tende a favorire un comportamento economico nell'ambito della consegna dei medicamenti. In generale, a pari idoneità, si dovranno prescrivere e consegnare i medicamenti più economici. DIPARTIMENTO FEDERALE DELL'INTERNO Servizio stampa e informazione Informazioni: Fritz Britt, vicedirettore, Ufficio federale della sanità pubblica, 031 322 95 05 Procedura di consultazione: informazioni pubblicate sul sito Internet dell'UFSP (www.bag.admin.ch/kv/i)

Ces informations peuvent également vous intéresser: