Bundesamt für Kommunikation (BAKOM)

BAKOM: Consiglio federale contrario alla proposta di nuovo articolo sui media

Bienne (ots) - (03.09.2003) - Il Consiglio federale rifiuta l'articolo sui media proposto dalla Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP). È tuttavia disposto ad analizzare e migliorare l'odierno sistema di promozione della stampa basato su tariffe postali preferenziali. Nel parere espresso sull'avamprogetto e sul rapporto esplicativo per una disposizione costituzionale sulla politica dei media (articolo sui media; art. 93a Cost.), il Consiglio federale ritiene che il concetto di promozione della stampa proposto dalla CIP si basi in modo eccessivo su misure volte a mantenere l'attuale struttura, che hanno poche possibilità di successo. Inoltre, sarebbero necessari mezzi finanziari che il settore pubblico non può mettere a disposizione. Un simile sistema di sussidi potrebbe portare ad una dipendenza dell'operato giornalistico dallo Stato, un aspetto problematico dal punto di vista democratico. La costante tendenza alla concentrazione dei media rischia di provocare l'accumulo del potere mediatico. Questa evoluzione rispecchia tuttavia anche un cambiamento strutturale che, in definitiva, permette la sopravvivenza economica dei media in un contesto in cui la concorrenza si fa sempre più aspra e garantisce che le singole imprese dispongano della grandezza critica e del potenziale economico necessari per un giornalismo di alta qualità. È necessaria un'analisi approfondita Il Consiglio federale ha più volte segnalato di essere disposto a verificare e ottimizzare l'attuale sistema d'incoraggiamento basato sulle tariffe postali preferenziali. Tuttavia, esso non si riferisce in primo luogo al mantenimento dell'attuale struttura ma a misure di promozione che riducano la pressione dei costi e permettano prestazioni giornalistiche che non potrebbero essere fornite mediante un mero finanziamento del mercato. Occorre analizzare in modo approfondito in che misura un moderato incoraggiamento della stampa necessiti di nuove basi costituzionali. Il Consiglio federale ritiene che ciò vada fatto considerando la politica dei media in un'ottica globale e non limitandosi a promuovere la stampa mantenendo la struttura attuale. Se dall'analisi dovesse scaturire che è possibile mettere in atto misure efficaci solo mediante una competenza costituzionale della Confederazione, il Consiglio federale sarebbe disposto a integrare nella Costituzione le disposizioni in materia. La proposta della Commissione Il 3 luglio 2003, la CIP ha presentato un avamprogetto e un rapporto esplicativo per una disposizione costituzione sulla politica dei media (articolo sui media; art. 93a Cost.); con questo nuovo articolo si mira a promuovere direttamente la pluralità e l'indipendenza di quei media che negli ultimi anni sono stati toccati dal processo di concentrazione, in particolare a livello cantonale, regionale e locale. La Commissione mira in particolare a una base costituzionale che permetta di promuovere la stampa in modo più mirato ed efficace rispetto all'odierna riduzione delle tariffe postali per l'invio di giornali e riviste. Nel suo rapporto la CIP propone, in vista di una discussione, i possibili fondamenti di un futuro sistema di promozione. È favorevole al passaggio ad un sistema che preveda il sovvenzionamento diretto dei prodotti della stampa che soddisfano determinati criteri. Le proposte della Commissione non sono vincolanti e dovrebbero essere trattate in modo definitivo in uno stadio successivo del processo legislativo (legge sulla pluralità dei media). Durante la consultazione, la maggior parte dei Cantoni e dei partiti politici ha accolto favorevolmente i principi generali del proposto articolo costituzionale; il settore dei media ha invece reagito in modo piuttosto negativo. Allegati: il parere del Consiglio federale del 3 settembre 2003 (in tedesco e francese e il rapporto della Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale del 3 luglio 2003: "Iniziativa parlamentare Media e democrazia" sono disponibili sul sito internet dell'UFCOM: http://www.ufcom.ch/it/medieninfo/medienmitteilungen/uvek/artikel/011 27/index.html DATEC - Dipartimento federale dell'Ambiente, dei Trasporti, dell'Energia e delle Comunicazioni Servizio stampa Informazioni: Dott. Martin Dumermuth vicedirettore UFCOM +41 32 327 55 45

Ces informations peuvent également vous intéresser: