Eidg. Justiz und Polizei Departement (EJPD)

Due anni in Consiglio federale Il bilancio di Christoph Blocher

      Berna (ots) - 19.12.05. Il consigliere federale Christoph
Blocher traccia il bilancio di due anni trascorsi in Governo,
constatando che i cambiamenti necessari sono stati avviati, in
particolare nel suo Dipartimento, ma anche nella politica in
generale. Il DFGP ha, tanto per fare un esempio, ridotto le spese
annuali di 80 milioni di franchi senza pertanto rinunciare a compiti
o prestazioni.

    "Certo, i tempi sono lunghi, ma stiamo facendo progressi e la direzione imboccata è quella giusta". È quanto afferma il consigliere federale in occasione di una conferenza stampa sul Gurten presso Berna. Dopo due anni trascorsi in Consiglio federale, Christoph Blocher è convinto di poter smuovere il Governo e agire per il bene del Paese anche in futuro. Nel Dipartimento di giustizia e polizia, in particolare, sono state avviate e attuate numerose riforme urgenti.

    Il bilancio dello Stato è un problema primario; rivestono quindi grande importanza gli sforzi volti a ridurre i costi e ad aumentare l’efficienza. I progetti già decisi e in fase di attuazione nel DFGP permetteranno, entro il 2008, di ridurre i costi del 19,6 per cento rispetto al consuntivo del 2003. L’imminente revisione della legge sull’asilo e sugli stranieri dovrebbe finalmente riportare l’ordine nel settore della migrazione illegale e, di conseguenza, i costi potrebbero diminuire ancora. Il consigliere federale ha messo in guardia dai pericoli derivanti dal perdurare di conti statali gonfiati, che prima o poi finiscono per penalizzare l’economia e l’occupazione.

    Riforme materiali portate avanti con decisione

    Sono in atto alcune importanti riforme del diritto economico finalizzate a rafforzare la piazza economica svizzera. Difatti, il nuovo diritto della società a garanzia limitata privilegia tale forma giuridica per le piccole e grandi società, mentre il progetto in materia di revisione accresce la fiducia nelle imprese svizzere. Per il 2007 è prevista l’entrata in vigore del disegno di trasparenza che rende pubbliche le retribuzioni dei dirigenti delle società quotate in borsa. È altresì rilevante la revisione del diritto della società anonima e di quello contabile, attualmente in fase di consultazione. Inoltre la piazza finanziaria svizzera potrà presto avvalersi di uno strumento finora ampiamente trascurato: il trust.

    Nell’ambito della sicurezza va ricordata la lotta alla propaganda violenta e alla tifoseria violenta; il disegno, attualmente al vaglio parlamentare, dovrebbe entrare in vigore il 1.1.2007. In primavera, il Consiglio federale dovrebbe chinarsi sul progetto in materia di terrorismo, criminalità organizzata e proliferazione. Inoltre, il 1° gennaio 2006, divengono effettive le misure volte a migliorare la cooperazione tra i servizi d’informazione (SIS/SAP). Entro la fine dell’anno in corso il Consiglio federale dovrebbe inoltre approvare un progetto "storico", ossia il Codice di procedura penale che sostituirà gli attuali 26 codici di procedura penale.

    Il calo delle domande d’asilo è riconducibile all’attuazione coerente della politica in materia – in Svizzera il loro numero diminuisce in misura maggiore rispetto agli altri Paesi europei e, nel 2005, è sceso del 29,8 per cento rispetto all’anno precedente. Tuttavia, sono sempre troppo numerose le domande d’asilo presentate senza motivo valido e le persone con soggiorno illegale. La tendenza al ribasso comporta comunque l’adeguamento delle strutture nel settore dell’asilo e quindi ulteriori riduzioni dei costi. L’eventuale votazione popolare in merito alla nuova legge sull’asilo fornisce l’occasione di illustrare come la Svizzera resta fedele alla propria tradizione umanitaria, pur rimediando ai peggiori inconvenienti.

    Taluni obiettivi non sono stati realizzati. Tanto per fare un esempio, la Commissione svizzera di ricorso in materia d’asilo non è ancora riuscita a smaltire le pendenze nella misura richiesta, e il consigliere federale Christoph Blocher continua a rilevare notevoli lacune e mancanza di realismo ai vertici dell’Amministrazione. Per il 2006, il consigliere federale si prefigge, tra l’altro, di porre l’Amministrazione maggiormente al servizio del cittadino.

    Per ulteriori informazioni Livio Zanolari, Servizio d’informazione DFGP, tel. 031 / 322 18 18



Plus de communiques: Eidg. Justiz und Polizei Departement (EJPD)

Ces informations peuvent également vous intéresser: