Eidg. Justiz und Polizei Departement (EJPD)

Abrogazione di due accordi di assistenza Il diritto di assistenza sarà dotato di una base più moderna

      Berna (ots) - 14.09.2005. La Svizzera e la Germania hanno deciso di
abrogare due vecchi accordi bilaterali di assistenza a partire dal
31 marzo 2006. Mercoledì il Consiglio federale ha dato il via alle
necessarie pratiche da parte svizzera. L’abrogazione dei due accordi
era stata convenuta dai due Stati in occasione di precedenti
incontri.

    Per lunghi anni i due accordi con la Repubblica federale di Germania si sono rivelati utili. Tuttavia la Convenzione concernente l’assistenza agli indigenti si basa ancora sul principio dello Stato d’origine e non sul più recente principio della residenza. In futuro le prestazioni di assistenza saranno perciò sostenute dallo Stato di residenza e successivamente rimborsate dallo Stato d’origine. Negli ultimi anni l’entità dei rimborsi a carico della Germania è stata decisamente più alta che per la Svizzera. Per questo motivo, nel quadro di riforme sociali interne, la Germania ha deciso di denunciare l’accordo.

    L’abrogazione di questo accordo consente di dotare il diritto di assistenza di una base moderna, sopprimendo inoltre l’onere amministrativo derivante dal rimborso delle spese di assistenza. La situazione rimane invece immutata per i cittadini svizzeri o tedeschi indigenti che vivono nell’altro Stato. Essi possono infatti continuare a richiedere l’assistenza alle autorità competenti.

Alla fine di marzo 2006 sarà inoltre abrogato il Trattato che regola l’assistenza delle donne sole. Tale trattato, concluso durante la seconda guerra mondiale, non ha in pratica più alcuna rilevanza . Ulteriori informazioni: Dieter Biedermann, Ufficio federale di giustizia, tel. 031/322 47 50



Plus de communiques: Eidg. Justiz und Polizei Departement (EJPD)

Ces informations peuvent également vous intéresser: