Eidg. Justiz und Polizei Departement (EJPD)

EJPD: Vigilanza unita sul Ministero pubblico della Confederazione Decisione di principio del Consiglio federale

      Berna (ots) - 03.12.2004. La vigilanza sul Ministero pubblico della
Confederazione sarà affidata unicamente al Dipartimento federale di
giustizia e polizia (DFGP). La condivisione della responsabilità da
parte del DFGP e del Tribunale penale federale, che sorvegliano
rispettivamente la parte amministrativa e tecnica, non garantisce
infatti una vigilanza efficace e coerente. Venerdì il Consiglio
federale ha pertanto emanato una decisione di principio in merito,
incaricando il DFGP di avviare le necessarie modifiche di legge.

    Il Consiglio federale giudica problematico scindere la vigilanza in una parte amministrativa e una tecnica, ciascuna assegnata a un'autorità distinta. La delimitazione delle competenze tra il Tribunale penale federale e il DFGP è poco chiara.

Poteri limitati in materia di vigilanza

    Al Tribunale penale federale (Corte dei reclami penali) sono posti parecchi limiti nell'esercizio della vigilanza tecnica. Il Tribunale ha la facoltà di decidere dei ricorsi contro le decisioni del Ministero pubblico della Confederazione e possiede ampi diritti di esaminare gli atti, ma è difficile che possa ordinare misure organizzative o disciplinari immediate qualora riscontri carenze o lacune. Infatti la vigilanza amministrativa compete al Consiglio federale che ha demandato tale compito al DFGP. Questo, dal canto suo, ha poche possibilità di esaminare il disbrigo delle pratiche e quindi di verificare il fabbisogno di risorse finanziarie, personali e materiali del Ministero pubblico della Confederazione.

Vigilanza efficace

    Si intende riunire presso il DFGP la vigilanza tecnica e amministrativa ai fini di garantire l'efficacia e la coerenza della vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione e di evitare conflitti a livello dirigenziale. Il DFGP quale unica autorità di vigilanza disporrà quindi di una visione d'insieme sul disbrigo delle pratiche e sulle risorse necessarie presso il Ministero pubblico della Confederazione e potrà adottare eventuali misure di vigilanza. Il Consiglio federale ha esaminato diverse soluzioni in merito alla vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione ed è giunto alla conclusione che l’unificazione della vigilanza presso il DFGP rappresenta la soluzione più vantaggiosa.

Garantire l'indipendenza del perseguimento penale

    Le competenze di vigilanza saranno chiaramente definite in una legge e la facoltà di impartire istruzioni sarà limitata, al fine di garantire l'indipendenza tecnica del Ministero pubblico della Confederazione e di impedire ingerenze nei procedimenti penali. Nel definire le competenze di vigilanza attribuite al DFGP si dovrà tenere conto della legalità e dell'indipendenza del perseguimento penale. La procura pubblica è sottoposta alla vigilanza del ministero di giustizia nella maggior parte dei Paesi dell'Europa occidentale.

    Il nuovo sistema di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione richiede la modifica della legge federale sulla procedura penale e della legge federale sul Tribunale penale federale. Il Consiglio federale ha incaricato il DFGP di preparare, entro la prossima primavera, un avamprogetto di legge pronto a essere posto in consultazione.

    Fino all’entrata in vigore del disegno sull’efficienza, il Ministero pubblico della Confederazione sottostava alla vigilanza del Consiglio federale, vale a dire del DFGP. A partire da tale data la Camera d’accusa del Tribunale federale era competente per la vigilanza tecnica sul Procuratore generale, mentre al DFGP spettava la vigilanza amministrativa. Dal 1°aprile 2004 la Corte dei reclami penali del Tribunale penale federale ha ripreso le funzioni dell’ex Camera d’accusa del Tribunale federale.

Per ulteriori informazioni: Luzius Mader, vicedirettore, Ufficio federale di giustizia, tel. 031 322 41 02



Plus de communiques: Eidg. Justiz und Polizei Departement (EJPD)

Ces informations peuvent également vous intéresser: