Eidg. Justiz und Polizei Departement (EJPD)

EJPD: Accordo di riammissione tra gli Stati del Benelux e la Svizzera

Berna (ots) - 12.12.2003. Firmato oggi l’Accordo di riammissione tra la Svizzera e gli Stati del Benelux. L’Accordo disciplina anche il transito sul territorio degli Stati contraenti di cittadini di Stati terzi da rinviare poi-ché sprovvisti di regolare permesso di soggiorno. Jean-Daniel Gerber, direttore dell’Ufficio federale dei rifugiati (UFR) e gli ambasciatori Marc Baptist (Belgio), Yves Spautz (Lussemburgo) e Roelof Reinhold Smit (Paesi Bassi) hanno firmato oggi l’Accordo di riammissione tra la Svizzera e gli Stati del Benelux. L’Accordo prevede la riammissione senza formalità di cittadini di Stati terzi, laddove sia dimostrato il loro precedente soggiorno o transito sul territorio di uno Stato contraente. L’Accordo regola parallelamente anche il transito e la scorta di persone che devono essere rinviate. L’Accordo è stato elaborato sulla base dello standard europeo. Non facendo parte né dell’UE né di Schengen, la Svizzera si vede costretta a concludere accordi bilaterali di questo tipo con i singoli Stati europei. Dall’entrata in carica della consigliera federale Ruth Metzler- Arnold, la Svizzera ha intensificato gli sforzi miranti a concludere accordi di riammissione con gli Stati terzi. Grazie all’impegno profuso, negli ultimi cinque anni è stato possibile stipulare ben 15 nuovi accordi di riammissione. Altre informazioni: Brigitte Hauser-Süess, Media & Comunicazione UFR, tel. 031 325 93 50 Dominique Boillat, Media & Comunicazione UFR, tel. 031 325 98 80

Ces informations peuvent également vous intéresser: