Eidg. Justiz und Polizei Departement (EJPD)

EJPD: Istituito un gruppo di lavoro in vista di ulteriori passi avanti nel settore della migrazione e del ritorno

Berna (ots) - 16.04.2003 Nell'impostare la politica di migrazione e di ritorno delle persone senza dimora autorizzata in Svizzera, anche la Svizzera si scontra sempre più spesso con ostacoli di politica interna ed estera. Nel corso della seduta di questo mercoledì, il Consiglio federale ha pertanto deciso l'istituzione di un gruppo di lavoro interdipartimentale incaricato di esaminare i differenti quadri politici e giuridici a disposizione e di indicare efficaci misure che consentano di effettuare ulteriori passi avanti nella politica di migrazione e di ritorno. I responsabili del gruppo di lavoro sono il direttore dell'UFR Jean-Daniel Gerber e l'ambasciatore Peter Maurer, capo della Divisione politica IV nel DFAE. Negli ultimi anni, le cause dei movimenti migratori (povertà, guerra, problemi ambientali, instabilità, violazioni dei diritti dell'uomo) hanno subito un deterioramento costante. Il divario tra paesi ricchi e poveri continua dunque ad allargarsi e la pressione migratoria non si arresta. L'Ufficio federale dei rifugiati (UFR), in particolare, da diversi anni si trova confrontato a difficoltà considerevoli in occasione dell'esecuzione degli allontanamenti. I problemi principali sono, da un lato, la scarsa collaborazione da parte delle persone senza dimora autorizzata in Svizzera e, dall'altro, il rifiuto di alcuni Paesi d'origine di riammettere i propri cittadini. Il dialogo sulla migrazione fa emergere le divergenze di interessi tra gli interlocutori Uno degli strumenti è la conclusione di accordi di riammissione o di transito. Si tratta di una politica seguita anche dall'Unione europea. L'UE ha tuttavia un peso maggiore rispetto alla Svizzera nei confronti dei suoi interlocutori. In generale, la negoziazione di tali accordi con i più importanti Paesi di provenienza e di transito è delicata; tanto più che le negoziazioni rivelano spesso le profonde divergenze di interessi tra gli interlocutori. Quando prevedono di intavolare negoziati, i Paesi di provenienza hanno anch'essi determinate aspettative. In molti casi un'intensificazione del dialogo consente di chiarire e conciliare le posizioni dei due interlocutori. Considerare tutti i fattori rilevanti Il Consiglio federale ritiene che i progressi nell'ambito della migrazione e del ritorno dipendano essenzialmente dalla considerazione di tutti i fattori rilevanti nel quadro delle relazioni bilaterali. Ha pertanto incaricato il gruppo di lavoro interdipartimentale di mostrare le possibilità d'intervento, soprattutto nell'ambito della cooperazione allo sviluppo, dell'assistenza giudiziaria e della collaborazione di polizia, della protezione dei dati, del sostegno nei settori della formazione e della sanità e dell'accesso al mercato del lavoro. Questo gruppo di lavoro è composto di rappresentanti di tutti i dipartimenti e uffici interessati. Altre informazioni: Brigitte Hauser-Süess, Media & comunicazione UFR 031 325 93 50

Ces informations peuvent également vous intéresser: